LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Londra, Tate. Listituzione britannica: il museo va pensato come un menu
Paola De Carolis
Corriere della Sera 10/4/2019

8 secondi darte
È il tempo medio trascorso ad ammirare unopera
Contromossa della Tate: la guida allo sguardo lento

Un museo è come un menu. Non offre un percorso obbligato, ma a scelta. Dato che guardare tutto ciò che contiene con attenzione è, in genere, impossibile, perché non dedicarsi a una manciata di opere o a una soltanto e studiarla in modo approfondito? Dopo slow food, slow looking, un movimento che il gruppo Tate in Gran Bretagna ha fatto suo con una serie di eventi e adesso anche una guida online. Come regalarsi il piacere di assaporare unopera senza langoscia delle sale ancora da visionare? Come concedersi unesperienza che faccia bene a occhi e mente e non sia una gara contro il tempo?

Liniziativa nasce dalla constatazione che presso i musei Tate il visitatore trascorre in media otto secondi di fronte a ogni opera. Non è un problema che si limita al Regno Unito. Studi analoghi negli Stati Uniti e in diversi Paesi europei rilevano tendenze simili. Ma come possono un quadro, un arazzo, una scultura, un disegno, un affresco sprigionare il proprio potere in un arco di tempo così breve? E ha un senso fermarsi davanti a un capolavoro soltanto per pochi secondi?

Ecco, dunque, il perché della guida ( a disposizione attraverso il link https://www.tate.org.uk/art/guide-slow-looking). In un mondo ideale, spiegano alla Tate, a ogni opera andrebbero dedicati almeno dieci minuti, ma in questo modo per esplorare una collezione di 78.000 pezzi servirebbero quattro anni con unapplicazione quotidiana di dodici ore. Impossibile.

La prima regola, dunque, è di essere selettivi. Fidatevi dei vostri istinti, è lesortazione della guida. Non sottovalutate le ragioni che vi conducono a unopera piuttosto che a unaltra. Insomma, non esistono scelte giuste o sbagliate. Larte è una questione di pelle.

Una volta identificata lopera da studiare, il consiglio è di trovare un posto comodo dove sistemarsi e di mettere una sveglia (discreta) sul cellulare per segnalare la fine dei dieci minuti. Sentitevi liberi di muovervi, di osservare lopera da prospettive diverse. Punto quattro: siate pazienti. Non preoccupatevi se inizialmente non vi viene in mente nulla. Cercate di focalizzare lattenzione su un dettaglio, abbandonate ogni aspettativa, cercate di dimenticare ciò che sapete. Siate aperti a ogni idea.

Per chi ancora è in difficoltà, una traccia di partenza: Provate a esaminare la struttura del soggetto, i colori, le forme, i simboli, la storia. Lindicazione successiva è di lasciarsi guidare dagli occhi. La vostra mente automaticamente cercherà di collegare diversi elementi. È possibile che non siano i legami voluti dallartista, ma non importa. Sono altrettanto validi. Notate ciò che è strano o quello che richiede attenzione immediata.

E ancora: guai a isolarsi. Le chiacchiere di una scolaresca in visita, le suole di gomma che stridono sul pavimento fanno parte dellhabitat dellopera. Notarle è uno dei benefici del slow looking. Infine, come vi sentite? Quali sono gli effetti sulla mente e sul corpo? Parlatene, condividete le vostre impressioni.

Uscirete soddisfatti, assicura Tate, nella certezza che larte non vive soltanto in un museo.




news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news