LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ville venete: lo scrigno dellenoturismo. Enorme potenziale ancora inespresso
Matteo Sorio
Corriere del Veneto 9/4/2019

Corazzari: la nuova legge traccerà le strategie. Caner: lattrattività rurale va alimentata

VERONA. Abbiamo oltre 3.900 Ville venete più le 400 in Friuli-Venezia Giulia. Fra Verona, Vicenza e Treviso sono ben 110 quelle legate alla produzione del vino. E quando censiremo il territorio di Padova, Venezia e Rovigo quel numero potrebbe salire anche a 180, se non 200. Sono luoghi bellissimi e, parlando di enoturismo, dal potenziale enorme ma ancora inespresso.

Chi ne parla è Franco Sensini, direttore dellIstituto regionale ville venete. Lidea: il Veneto non sta ancora sfruttando a pieno quelle bellezze e il loro lato enologico, il mix insomma tra modello di sviluppo architettonico e turismo culturale. DallAmarone al Pinot Nero, dal Merlot al Prosecco, le etichette legate a Ville Venete sono molteplici, ricordava Sensini a Vinitaly , ospite dello stand della Regione.

La suggestione del potenziamento è forte. Un po perché le Ville venete non hanno mura, sono votate allapertura e 1 euro al loro proprietario ne produce fra i 3 e gli 8 per il territorio, parola di Alberto Passi, presidente dellAssociazione per le Ville venete. Un po perché oggi non cè cosa che funzioni di più del turismo enogastronomico, riflessione del professor Danilo Gasparini, docente di Storia dellagricoltura e dellalimentazione alluniversità di Padova. E un po perché, come rimarca lassessore regionale al Turismo, Federico Caner, i dati del turismo in Veneto sono in crescita proprio grazie alla sua versione slow e rurale, che va alimentata, anche perché cè fin troppa concentrazione sui centri città, vedi i casi di Venezia e Verona. Le Ville venete e il gancio del vino come via per potenziare il turismo, facendo sì che i proprietari possano aprire un nuovo percorso di fruibilità e i giovani, magari, trovino un nuovo mondo in cui proporsi come professionisti, dice Sensini. Certo, ammorbidire la pressione di afflusso sulle città è pensiero arduo da mettere in pratica, ma rappresenta comunque un orizzonte. Per Sensini, serve un portale internet specifico in cui aggiungere elementi sulle Ville Venete e la loro attività agricola e vinicola. Per Passi, dovrebbero esserci cartelli ad hoc in autostrada come succede in Toscana. Per Caner, limmagine delle Ville venete e il vino, potrebbe aiutare a far tornare i giovani allagricoltura, magari aprendo nelle ville stesse delle fattorie didattiche. Di sicuro, come sottolinea lassessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari, la nuova legge regionale dovrà tracciare la strategia futura sulle ville: informazioni e promozione sono al centro dellagenda. Intanto, sempre allo stand della Regione, laltro focus di ieri era indirizzato alla tutela e valorizzazione dei vigneti autoctoni e delle loro varietà antiche. Ne esistono (almeno) una cinquantina: Di alcune si parla già in documenti del 1600, ma in realtà sono tutte molto più antiche. Sono varietà dimenticate, un piccolo patrimonio sommerso. Furono abbandonate soprattutto per motivi tecnologici. Ma conservano una loro attualità. E lobiettivo è promuovere quelle dotate dei requisiti per essere iscritte al Registro nazionale delle varietà di vite, cioè il passaggio che permette in seguito di coltivarle, così dicono Massimo Gardiman, ricercatore del Crea-Vit (Centro di ricerca per la viticoltura) e Stefano Soligo, responsabile del Centro di vinificazione di Veneto Agricoltura, pensando a quella sorta di archivio su cui si concentra la cura di tecnici e ricercatori veneti. Il luogo, in entrambi i casi, è Conegliano Veneto dove queste varietà sono studiate e protette, dalla Mattarella, recuperata nel Polesine, alla trevigiana Rugosa bianca. Spesso racconta Gardiman sono gli agricoltori a segnalarci queste varietà. Noi andiamo sul posto, le identifichiamo tramite dna, portiamo 5/10 piante nel nostro vigneto, lì iniziamo gli studi morfologici e chimici e se ne esce un buon vino passiamo alle degustazioni.



news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news