LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soprintendenze, meno poteri
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 4/4/2019

Il ministro Stefani convoca i governatori sul regionalismo differenziato. Dibattito in Parlamento
De Luca: Inutili alcuni pareri vincolanti. Autonomia, nuovo scontro con Zaia

NAPOLI. Nellambito dellautonomia differenziata, dobbiamo chiarire quali materie devono avere carattere nazionale, come la scuola e la tutela dei beni storici e artistici, anche se io ritengo che vadano ridotte di almeno un terzo le competenze delle Soprintendenze: in alcune materie è inutile avere pareri vincolanti.

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, affonda il colpo, attaccando quella che per lui resta una palude burocratica da bonificare e un groviglio normativo da sciogliere al più presto, dato che tutto fa, tranne che tutelare il patrimonio urbano, giacché, alla fine, produce soltanto lungaggini procedurali, allungando inevitabilmente i tempi realizzativi dei lavori delle opere edilizie. È la vecchia battaglia per la sburocratizzazione che oggi il governatore della Campania raccoglie sulla strada accidentata della trattativa sullautonomia differenziata.

Il ministro per gli Affari regionali, Erika Stefani, ha provato a mettere intorno ad un tavolo i presidenti delle Regioni per riflettere sulle modalità di approccio alla questione: la discussione sulle competenze, il coinvolgimento del Parlamento e il riequilibrio delle risorse. Nella pre-intesa cè la compartecipazione su Iva e tributi ha tenuto a sottolineare il presidente del Veneto, Luca Zaia . Sullintesa presentata con il Governo cè scritto che partiamo con la spesa storica, e che abbiamo tre anni di tempo per passare gradualmente ai fabbisogni standard, ormai un obbligo di legge. Superati i tre anni si passa alla spesa media storica nazionale. È il principio della livella, come ho ripetuto al collega presidente della Campania, De Luca. Sprecheranno tutti un po di meno ha continuato . Non dimentichiamo che in questo Paese abbiamo 30 miliardi di euro di sprechi allanno nella Pubblica amministrazione.

Ma il governatore campano ha opposto la sua resistenza: Chiediamo di rimettere il dibattito con i piedi per terra, perché una grande questione storica, ideale e costituzionale non può essere ridotta a questione di interessi di bottega. Ripeto ha avvertito la Campania accetta la sfida dellefficienza; ci sono, in modo particolare al Sud, aree di parassitismo e di cialtroneria, ma i cialtroni sono i principali nemici del Sud. Chiariamoci: forme di autonomia fiscale per quanto consentito dallo Stato, ma anche fondo di perequazione e di coesione per affrontare il divario fra Nord e Sud: questo è il primo nodo da risolvere, altrimenti il Mezzogiorno è destinato allimpoverimento. Insomma, così non va: Capiamoci bene ha insistito : serve una valutazione, prima e non dopo, da parte degli uffici di bilancio dello Stato. Occorre definire in anticipo il fabbisogno standard e i livelli essenziali di prestazione. Altrimenti ha concluso dove andremo a parare?.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news