LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Dolce e Gabbana, niente vincoli sullex monastero
G. San.
Corriere della Sera - Milano 4/4/2019

Via Kramer, il Consiglio di Stato chiude definitivamente il contenzioso con i Beni culturali

In un giorno di maggio dellanno 2000 le suore del Monastero di San Benedetto delle monache benedettine adoratrici perpetue del Santissimo Sacramento vendettero una parte notevole del loro edificio religioso, tra le vie Bellotti e Kramer, zona Monforte. Un paio di milioni di euro, secondo le indiscrezioni dellepoca. Negli anni seguenti (2005) quel pezzo di monastero, bombardato durante la guerra e ricostruito nel 1953, è passato a una società entrata poi nella galassia Dolce & Gabbana, che proprio nelle stesse strade, tra via Goldoni e viale Piave, hanno il loro quartier generale. Per tutto questo tempo però la porzione di monastero ceduto dalle monache è finito al centro di una battaglia legale tra la società e il ministero per i Beni culturali. Motivo del contendere, il vincolo su quelledificio storico. Vincolo appena caduto (in realtà mai esistito) nellargomentazione di una sentenza del Consiglio di Stato depositata di recente.

Tutto ruota intorno a una questione di tempi: il monastero risale al 1800, ma la parte venduta dalle monache è quella ricostruita nel 1953. La legge diceva allepoca dellacquisto che un immobile pubblico o ecclesiastico entrava automaticamente nella categoria di bene culturale dopo 50 anni (in seguito diventati 70). Quando le monache lo vendettero, dunque, era libero da vincolo.

Il ministero e la Soprintendenza aprirono unistruttoria di valutazione sullimmobile solo quando, nel 2005, la società Immobilkramer chiese i permessi al Comune per la trasformazione immobiliare. Ma a quel punto, dicono oggi i giudici ribaltando una decisione del Tar della Lombardia di fine 2014, quel pezzo di monastero non era più di proprietà delle monache, dunque non più bene ecclesiastico, e perciò non si poteva stabilire alcun vincolo su un immobile già legittimamente finito sotto proprietà privata. Allepoca Immobilkramer acquistò per quasi un milione di euro anche una consistente volumetria edificabile. E da allora in quartiere si dibatte dellespansione degli stilisti, finita al centro anche di una diatriba con lex giunta Pisapia per il piano di governo del territorio. La porzione di monastero venduta comprende infatti anche un ampio giardino che si trova proprio di fronte alla sede D&G di via Goldoni.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news