LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Per Canova l'antico era naturale come la vita stessa
Olga Scotto di Vettimo
Giornale dell'arte, 29/03/2019

Unimportante e ricca occasione di studio e di approfondimento è la mostra Canova e lAntico che indaga il rapporto tra lartista veneto e il mondo classico, allestita nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Napoli dal 28 marzo al 30 giugno con più di 110 lavori, tra marmi, modelli e calchi in gesso, bassorilievi, modellini in gesso e terracotta, disegni, dipinti, monocromi e tempere.

Curata da Giuseppe Pavanello, supportata da un comitato scientifico internazionale, lesposizione è copromossa dal Mibac-Museo Archeologico Nazionale di Napoli con il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo nellambito di un protocollo di collaborazione tra le due istituzioni.

La mostra, dunque, intende proporre un affondo sul rapporto di Canova con lAntico, evidenziando la capacità dellartista di rinnovarlo per conseguire lautonomia e linnovazione creativa, rigettando ogni forma di mera imitazione. Su questo passaggio, molto esplicative sono le parole dello stesso artista, a proposito dellAntico: Bisognava mandarselo in mente, sperimentandolo nel sangue, sino a farlo diventare naturale come la vita stessa.

È quello che si evince, ad esempio, dal confronto che la mostra propone tra i Pugilatori e lErcole Farnese ai Tirannicidi, tra il Paride canoviano e il Paride da Capua, tra il Teseo vincitore del Minotauro, lAres Ludovisi e il Mercurio, questultimo proveniente da Ercolano e ammirato da Canova nel Museo di Portici già nel 1780.

Particolarmente significativi i prestiti internazionali di opere di Canova, tra cui i sei marmi provenienti dallErmitage di San Pietroburgo (LAmorino alato, lEbe, la Danzatrice con le mani sui fianchi, Amore e Psiche stanti, la testa del Genio della Morte e Le tre Grazie), La Pace, di Kiev, lApollo che sincorona del Getty Museum di Los Angeles.

A questi si aggiungono, tra gli altri, la Maddalena penitente da Genova, il Paride dal Museo del Civico di Asolo, la Stele Mellerio, i gessi come il Teseo vincitore del Minotauro e lEndimione dormiente dalla Gypsotheca di Possagno, lAmorino Campbell e il Perseo trionfante, entrambi provenienti da collezioni private; nonché le 34 tempere su carta a fondo nero conservate nella casa natale di Canova, recentemente restaurate e ispirate alle pitture pompeiane.

Inoltre la mostra ha il merito di sottolineare il lungo rapporto che Canova intrattenne con Napoli, dapprima come giovane viaggiatore, curioso di ammirare le opere darte della città e le antichità ercolanesi e di Paestum (1780); successivamente come artista a cui si rivolsero i regnanti (borbonici e napoleonici) e laristocrazia napoletana, di cui è un esempio in mostra il gesso di Adone e Venere della collezione di Giovanni Falier.

Il gruppo in marmo (oggi al Museo di Ginevra) commissionato dal marchese Francesco Berio nel 1795, fu il primo lavoro di Canova che giunse in città, provocando un tale clamore da costringere alla chiusura il tempietto nel giardino di Palazzo Berio, per contenere il costante pellegrinaggio di persone attratte dallopera.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/per-canova-l-antico-era-naturale-come-la-vita-stessa-/130885.html


news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news