LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma.Il Volontariato nei beni culturali ha un problema. Ecco perché
Giuliana Cresce
Reti solidali, 27/03/2019

In troppi casi l'impegno che viene chiesto ai volontari va a sostituire professionalità specifiche. Qual è allora il ruolo dei cittadini?


Il volontariato nei beni culturali è un problema? A quanto pare sì, almeno da quanto è emerso durante il convegno dal titolo Il ruolo del Terzo settore per la valorizzazione e tutela dei beni culturali, organizzato dal Ministero dei Beni Culturali il 1 marzo. Un evento che, secondo il sottosegretario Vacca, è voluto essere unoccasione di confronto tra tutti coloro che operano sul campo per ascoltare proposte e definire la linea del Ministero. In un Paese in cui il 60% del patrimonio culturale è in stato di abbandono, la maggior parte del quale nelle mani degli enti locali, pare non ci siano gli strumenti per definire in che modo tutti i cittadini possono concorrere a valorizzare il patrimonio.

Se da un punto di vista più strategico sono tutti concordi nel cambiare la visione di valorizzazione del bene, mettendo al centro il valore duso e non il valore economico, ci si è chiesti di fatto quale sia il Terzo settore con cui il Ministero si vuole relazionare. Tra questi soggetti probabilmente il volontariato, inteso come espressione di una piccola organizzazione, non è tra questi.

LAVORATORI O VOLONTARI? Paradossalmente però, molte istituzioni sembrano voler sostituire i lavoratori con i volontari di unassociazione locale: ultimo in ordine di tempo, lAvviso pubblico della Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma, che nei giorni scorsi ha pubblicato un avviso per lacquisizione di manifestazione di interesse da parte di associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale finalizzata alla stipula di una convenzione avente ad oggetto attività di supporto alla vigilanza, fruizione e accoglienza del museo della Galleria Nazionale. Oggetto dellavviso è il supporto alla vigilanza, fruizione e accoglienza del Museo.

LAvviso, facendo riferimento alla Costituzione e a vari articoli del Codice del Terzo Settore, richiede che le associazioni siano in possesso dei requisiti di moralità professionale, dimostrare adeguata attitudine da valutarsi in riferimento alla struttura, allattività concretamente svolta, alle finalità perseguite, al numero di aderenti, alle risorse a disposizione e alla capacità tecnica e professionale intesa come concreta capacità di operare e realizzare lattività oggetto di convenzione, da valutarsi anche con lesperienza maturata, allorganizzazione, alla formazione e allaggiornamento dei volontari. LAvviso stabilisce anche che i turni di servizio sono 8.00 14.00 e 13.50 19.50.

Alcune leggi, in particolare la 4/1993 (Legge Ronchey) e lart. 112 del Codice dei Beni Culturali del 2004, danno mandato di poter integrare il personale stipulando convenzioni con le associazioni di volontariato. Laltro lato di questa medaglia, soprattutto dal punto di vista delle figure professionali dei beni culturali è quello che se qualcuno può fare gratis un servizio gli stipendi degli operatori qualificati ne risentiranno. Se è vero che grazie ai volontari, ad esempio, i tempi di apertura sono maggiori, è vero anche che si abbassa la qualità del servizio. Ultima osservazione rilevata è che il volontario che prende un rimborso tra i 200 e i 400 euro al mese, si può dire faccia lavoro nero (situazioni emerse nei casi della Biblioteca Nazionale di Roma e Napoli Sotterranea). Se ne deduce quindi che il volontariato nei beni culturali sostituisce il lavoro pagato.

LA CAMPAGNA DEI PROFESSIONISTI. Sui social si è accentuata la campagna dei professionisti dei beni culturali, non solo contro le piccole organizzazioni di volontariato, ma anche contro le grandi realtà che da sempre si occupano di promozione del patrimonio, come il FAI, fondazione privata che organizza le Giornate di primavera, dove attraverso volontari garantisce visite a numerosi beni culturali del nostro territorio. La campagna #FAIchiarezza vuole portare allattenzione di tutti questioni come quella che la fondazione ha 229 dipendenti e utilizza 7500 volontari, tra laltro organizzati in turni come se fossero personale dipendente; oppure sul fatto che determinati beni in occasione delle Giornate sono aperti solo agli iscritti e non a tutti (le risposte del Fai si trovano a questo link)

LA CONVENZIONE DI FARO. In quel convegno, tutti i rappresentanti del pubblico e del Terzo settore hanno chiesto a gran voce di ratificare la Convenzione di Faro la Convenzione quadro del Consiglio dEuropa sul valore delleredità culturale, un atto che lItalia tarda a fare, pur avendo aderito ad essa nel 2013.

La Convenzione introduce il concetto di eredità-patrimonio culturale, considerato un insieme di risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione (art. 2) e di comunità di eredità-patrimonio, cioè, un insieme di persone che attribuisce valore ad aspetti specifici del patrimonio culturale, e che desidera, nel quadro di unazione pubblica, sostenerli e trasmetterli alle generazioni future (art. 2).

Larticolo 1 definisce molto chiaramente che la finalità della convenzione sono:

a. riconoscere che il diritto al patrimonio culturale è inerente al diritto a partecipare alla vita culturale, così come definito nella Dichiarazione universale dei diritti delluomo;
b. riconoscere una responsabilità individuale e collettiva nei confronti del patrimonio culturale;
c. sottolineare che la conservazione del patrimonio culturale ha come obiettivo lo sviluppo umano e la qualità della vita;
d. prendere le misure necessarie per applicare le disposizioni di questa Convenzione riguardo:
il ruolo del patrimonio culturale nella costruzione di una società pacifica e democratica, nei processi di sviluppo sostenibile e nella promozione della diversità culturale;
una maggiore sinergia di competenze fra tutti gli attori pubblici, istituzionali e privati coinvolti.

È giusto che i cittadini partecipino alla protezione del loro patrimonio culturale. ma come?
PROTAGONISTI I CITTADINI. Inoltre chiunque da solo o collettivamente ha diritto di contribuire allarricchimento del patrimonio culturale (art. 5), ma si ribadisce anche la necessità della partecipazione democratica dei cittadini al processo di identificazione, studio, interpretazione, protezione, conservazione e presentazione del patrimonio culturale, nonché alla riflessione e al dibattito pubblico sulle opportunità e sulle sfide che il patrimonio culturale rappresenta (art. 12) (Si veda a questo proposito anche la Magna Charta del Volontariato nei Beni culturali).

Protagonisti sono dunque i cittadini, per cui bisogna promuovere azioni per migliorare laccesso al patrimonio culturale, in particolare per i giovani e le persone svantaggiate, al fine di aumentare la consapevolezza sul suo valore, sulla necessità di conservarlo e preservarlo e sui benefici che ne possono derivare (art. 12).

LA MANCATA RATIFICA. Secondo gli esperti la mancata ratifica non è casuale e i motivi sono strettamente collegati al codice dei beni culturali così come è strutturato, prevedendo un capovolgimento dellautorità dal vertice alla base, e al fatto che la tradizione non ha facilità ad ammettere la tutela di un patrimonio immateriale, come invece la Convenzione prevede. Inoltre, la ratifica faciliterebbe la compresenza di tutti gli attori coinvolti: lart. 11, parlando di responsabilità condivisa, definisce che nella gestione delleredità culturale, le parti si impegnano tra laltro a sviluppare un quadro giuridico, finanziario e professionale che permetta lazione congiunta di autorità pubbliche, esperti, proprietari, investitori, imprese, organizzazioni non governative e società civile; e rispettare e incoraggiare iniziative volontarie che integrino i ruoli delle autorità pubbliche; oltre che incoraggiare organizzazioni non governative interessate alla conservazione delleredità ad agire nellinteresse pubblico.

LE DOMANDE. Alla fine di tutto questo quadro, la domanda che ci si pone è: qual è il ruolo del volontariato nei beni culturali, nella loro tutela e promozione? Chi sono gli interlocutori? Le organizzazioni di volontariato sono tenute ad avere tutti quei requisiti che ad esempio il bando ha definito?

Apriamo una finestra sul mondo del volontariato e beni culturali: chi sono nel Lazio le organizzazioni che si occupano di questo, come, dove e con chi lo fanno. Proviamo anche a capire perché si investe su questo tipo di collaborazioni e non su professionalità stabili. È davvero solo una questione economica?

http://www.retisolidali.it/il-volontariato-nei-beni-culturali/


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news