LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ville palladiane, Carlo perde la sfida con l'Italia
Marisa Fumagalli
1 SET 2005 CORRIERE DELLA SERA




Principe e ambientalisti avevano fermato l'autostrada Valdastìco. Ora via libera dei giudici
Chi esulta, chi promette denunce penali. «Non si azzardino a riaprire i cantieri — dice l'avvocato Gian Luigi Ceniti, rappresentante di un comitato oppositore della Valdastico Sud —. Ci rivolgeremo immediatamente alla Procura della Repubblica. L'ordinanza del Consiglio di Stato accoglie solo parzialmente la domanda di sospensione della sentenza del Tar del Veneto. Chiaro?».
Mettiamola così: il margine per la vittoria ecologista c'è, ma appare piuttosto risicato. E potrebbe andare a finire con Berlusconi che batte Carlo d'Inghilterra. Nel senso che, per far marciare i lavori dell'autostrada della discordia, il premier s'era impegnato personalmente, bypassando le autonomie territoriali.
Si da il caso, invece, che il principe sia presidente onorario di una Fondazione fortemente contraria al progetto. «Si calmino gli pseudo-ambientalisti», afferma, quasi stizzito, il presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan. «Una guerra assurda, la loro. Faccio notare — aggiunge — che per la compatibilità ambientale il budget è salito da 560 a 998 milioni di euro». La Valdastico Sud, insomma, continua a scaldare gli animi, in un senso o nell'altro.
Granitici, gli ecologisti (fra gli altri, Italia Nostra, Wwf, la Fondazione inglese The Landmark Trust, presieduta dal principe), nel sostenere che la costruzione di quel tratto d'asfalto, 54 chilometri da Vicenza est a Canda di Rovigo (appendice dell'A31, progettata negli anni Settanta e chiamata Pi-Ru-Bi, dai nomi degli sponsor politici de Piccoli, Rumor, Bisaglia), deturperebbe il paesaggio costellato da ville palladiane. «Una di queste verrebbe sfiorata, un centinaio di metri dall'autostrada — osserva Ceniti —. E' Villa Priuli Fogazzaro Maruffa, progettata da Baldassarre Longhena, l'autore della Salute di Venezia. Le fondamenta rischierebbero di cedere».
Massimo Calearo, presidente degli industriali di Vicenza, taglia corto: «L'opera è fondamentale per lo sviluppo di un'area depressa, e non a caso, al di là del colore politico, sindaci e cittadini sono tutti d'accordo, a eccezione di una sparuta minoranza». Tant'è.
Il ping pong delle sentenze non è finito. Gli oppositori avevano esultato quando, lo scorso giugno, il Tar aveva bloccato i cantieri, fatti aprire nel 2003 dal governo Berlusconi, nonostante il parere contrario del ministro dei Beni culturali. Ecco, ora, il provvedimento del Consiglio di Stato, a cui Regione, Provincia e Società concessionaria si erano appellate. L'ordinanza non entra nel merito della causa (che sarà discussa il prossimo 14 ottobre), concede, tuttavia, di continuare le gare d'appalto per l'esecuzione dei lavori. «Non certo di riaprire subito i cantieri», ribadisce Erasmo Venosi, portavoce dei Verdi di Vicenza. L'architetto veneziano Toni Foscari aveva affrontato il tema sul «Giornale dell'Arte». «L'autostrada e l'inquinamento acustico mi preoccupano — notava —. Ma quel che m'inquieta di più è che i Comuni interessati hanno detto sì alla costruzione, a patto di ottenere, ciascuno di loro, un casello autostradale. Confidando nell'insediamento di nuove attività manifatturiere. Con le prevedibili conseguenze: un ulteriore tassello di quella conurbazione veneta, fatta di capannoni e di confusi agglomerati edilizi». «Paesaggio e ville sono tutt'uno, e non è casuale che i gioielli palladiani siano stati costruiti in un luogo preciso. Un patrimonio da salvare», conclude Lorella Tonnellot-to, presidente di The Landmark Trust Italia, con sede a Villa Saraceno (Finale d'Agugliaro), 740 metri dall'autostrada.

Ma il presidente Galan non ci sta: «Le ville venete censite sono 4.892. E' mai possibile costruire un'autostrada senza passare nelle vicinanze di qualcuna? La battaglia pseudo-ambientalista è di retroguardia, non di civiltà. I caselli? Saranno bellissimi. E fiori, ovunque». «A dar retta ai verdi —ironizza—non si sarebbe costruita neppure la Milano-Venezia».



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news