LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Con l’autonomia patrimoni culturalia rischio
Stefano Consiglio - Marco D'Isanto
Corriere del Mezzogiorno - Campania 20/3/2019

Il processo di autonomia differenziata intrapreso da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna con l’accordo preliminare siglato con il Governo nel febbraio 2018 dovrebbe condurre al riconoscimento, in capo a queste Regioni e a quelle che si aggregheranno, di una maggiore autonomia in molte materie, specificamente individuate. Quello che ci salta agli occhi è il trasferimento, in capo alle Regioni, delle competenze in merito alla tutela, alla valorizzazione dei beni culturali e ambientali e alla promozione e l’organizzazione di attività culturali, cancellando di fatto lo spirito dell’art. 9 della nostra Costituzione. Come è stato giustamente sostenuto da Giovanni Belardelli sulle pagine del Corriere della Sera i finanziamenti attribuiti alle Regioni per le nuove competenze saranno sganciati in prospettiva dalla spesa storica e ridefiniti (come si legge nel testo delle pre-intese) sulla base dei fabbisogni standard «in relazione alla popolazione residente e al gettito dei tributi maturati nel territorio regionale», dunque con il rischio concreto di favorire le Regioni già più ricche (Corriere della Sera , 6 Marzo 2019). Con l’autonomia differenziata il processo di distribuzione delle risorse tenderà ad acuire ulteriormente il divario nord sud creando un meccanismo che favorirà i più ricchi a discapito dei più poveri.

Questo meccanismo di redistribuzione al contrario lo abbiamo già visto in azione con l’introduzione dell’Art Bonus che di fatto ha spostato risorse dal Mezzogiorno al Nord.

Di questi aspetti legati alle risorse che sarebbero destinate alle Regioni e sottratte alla fiscalità generale è primario interesse di tutti che si discuta con chiarezza: l’alone di mistero che circonda questo negoziato non depone certo a favore dell’iniziativa e fa sorgere molti dubbi.

Ma entrando nel merito delle questioni che qui più interessa, siamo sicuri che un patrimonio culturale regionalizzato sia all’altezza della sfida che un paese come l’Italia deve affrontare per tutelare e valorizzare il suo immenso patrimonio storico ed artistico?

Nel processo costituente il tema fu ampiamente affrontato. Ranuccio Bianchi Bandinelli, archeologo e Direttore generale delle Antichità e Belle Arti per il ministero della Pubblica Istruzione, a proposito del rischio di regionalizzazione delle competenze in materia di patrimonio culturale non ebbe esitazione a scrivere al Ministro dell’epoca: «La tutela monumentale verrebbe messa continuamente in pericolo da interessi locali e personali e che in fatto di restauro si ritornerebbe a quei criteri empirici e di fantasia il cui superamento è un merito della Amministrazione italiana delle Belle Arti riconosciuto anche all’estero (Appunto per il signor Ministro, 30 novembre 1946, Fondazione Gramsci)».

Successivamente si è affermata l’idea di una tutela sovranazionale. Nella convenzione riguardante la protezione sul piano mondiale del patrimonio culturale e naturale di Parigi del 1972 che ha istituito il concetto di patrimonio dell’umanità si partiva dalla considerazione che la protezione del patrimonio culturale non potesse essere lasciato solo alle decisioni dei singoli stati, ma fosse interesse generale dell’umanità la tutela di questi beni unici e insostituibili indipendentemente dal popolo cui appartengono.

L’Italia è il primo paese al mondo per numero di siti Unesco, dichiarati patrimonio dell’umanità, e questo ha consentito un importante processo di tutela e valorizzazione di questi siti.

In ultimo, nella convenzione di Faro, che attende ancora di essere ratificata dall’Italia, si punta a promuovere il riconoscimento dell’eredità comune europea nell’ottica di una azione di tutela e di rivalutazione della comune eredità culturale europea.

In contrasto rispetto a queste considerazioni l’Italia si accinge invece a regionalizzare le competenze in materia di beni culturali. Poniamoci dunque alcune domande: le Regioni dispongono delle competenze necessarie per curare nell’interesse generale dell’umanità la tutela, la conservazione e la valorizzazione di questo enorme patrimonio? Può essere più efficace governare il patrimonio culturale a partire dalle istituzioni sui cui insistono, a volte anche casualmente, oppure occorre una visione d’insieme che sfugge per sua natura ad un organismo territoriale?

Il più grande accordo intergovernativo in campo culturale fra due nazioni, la Francia e gli Emirati Arabi Uniti, che ha portato alla nascita del Louvre di Abu Dhabi e al coinvolgimento di 14 istituzioni Museali francesi sarebbe possibile nell’era del patrimonio regionalizzato? La tutela dipenderà dunque non dalla importanza e dal valore dell’eredità storica ma dalle risorse di cui disporranno i territori su cui quella eredità insiste?

Anche il patrimonio culturale sarebbe al centro delle negoziazioni politiche tra i vari gruppi e lobby che spesso si spartiscono il potere locale con effetti nefasti per le comunità?

Se così fosse sarebbe un grande passo indietro, un tradimento del concetto stesso di cultura e di patrimonio universale e della nostra Costituzione.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news