LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Grate al Plebiscito, via ai lavori
Paolo Cuozzo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/3/2019

Il Tar dà ragione al Comune, il sindaco esulta. Ma il Mibac valuta il ricorso al Consiglio di Stato

Per la seconda volta nel giro di un mese il Tar dà ragione al Comune di Napoli sulla collocazione delle griglie di aerazione della linea 6 della metropolitana in piazza del Plebiscito. I giudici amministrativi hanno annullato il provvedimento con cui il ministero per i Beni ambientali e culturali aveva bloccato i lavori. Ora il Mibac non potrà fare unaltra ordinanza specifica ma eventualmente un ricorso al Consiglio di Stato. Subito via ai lavori dice il sindaco Luigi de Magistris che spinge per accelerare la realizzazione dellopera pubblica.

NAPOLI. Per la seconda volta il Tar accoglie il ricorso del Comune di Napoli sulla vicenda delle griglie di ventilazione in piazza Plebiscito previste dal progetto della linea 6 della metropolitana. Poco più di un mese fa, infatti, il Tribunale amministrativo regionale della Campania aveva già accolto un ricorso presentato dallamministrazione comunale contro lo stop ai lavori imposto dal Ministero che, nonostante la sentenza emessa dai giudici amministrativi, aveva nuovamente emesso un decreto, sempre a firma del direttore generale Gino Famiglietti, con cui si bloccavano i lavori.

Ora la nuova decisione dei giudici che annullano il decreto del Mibac e confermano le ragioni del Comune di Napoli. E siccome non è possibile che il Mibac emetta un nuovo decreto in autotutela, in quanto gli è consentito solo due volte, i lavori partiranno subito, spero già nel giro di due giorni, racconta Mario Calabrese, assessore a Trasporti e sottosuolo che ha la delega ai rapporti con la Metropolitana di Napoli.

Soddisfatto è soprattutto il sindaco napoletano, Luigi de Magistris: Lo dicevamo da tempo che avevamo ragione in punto di fatto e di diritto. Riteniamo molto grave quello che è accaduto perché con una pervicacia senza precedenti è stato messo un ostacolo serio e concreto al celere andamento dei lavori provocando uninterruzione che ci ha fatto perdere molti mesi causando un danno evidente a Napoli, ai napoletani e alla mobilità. I lavori ora ripartono, ha detto il primo cittadino allagenzia Ansa. De Magistris ha sottolineato che nellincontro avuto con il ministro Alberto Bonisoli alcune settimane fa avevo auspicato una maggiore e leale collaborazione tra istituzioni che sulla vicende del Plebiscito, non cè stata e di questo esprimo rammarico anche per le condotte tuttaltro che condivisibili del direttore generale del Mibact.

Dallex magistrato è stato ora espresso lauspicio che la fase di ostacolo messa allazione della nostra città sia conclusa. Una fase ha evidenziato che ultimamente si sta concentrando sulla cultura, forse perché si stanno rendendo conto che la vera arma di riscatto di Napoli è la cultura e questo, a suo giudizio, potrebbe dare fastidio a qualche pensatore da salotto. Noi ha concluso il sindaco non consentiremo a nessuno, soprattutto da fuori, di mettere le mani sulla città con atteggiamenti che non hanno nulla che vedere con linteresse pubblico e generale che noi abbiamo sempre dimostrato di salvaguardare molto meglio di altri che hanno pensato a non darci risorse e a metterci ostacoli. Parole dure. Che certo non lasciano intendere la volontà di aprire un dialogo con il Mibac. Che nel frattempo potrebbe spostare la sua battaglia al Consiglio di Stato. Anche se dal ministero di Bonisoli trapelava per ora una posizione ancora attendista, legata ad un approfondimento della sentenza che comincerà soltanto oggi. In ogni caso, il Mibac, se intenderà farlo, potrà ricorrere al secondo e ultimo grado della giustizia amministrativa, come peraltro il Mibac si riservava di poter fare a pagina 12 del secondo decreto di stop alle griglie dello scorso 11 febbraio. Ecco perché tutto è ancora possibile in questa vicenda che sta riservando continui colpi di scena. e per questo poterebbe anche accadere che il Comune, per cautela pur in presenza di una sentenza esecutiva decida di attendere comunque un eventuale pronunciamento del Consiglio di Stato prima di procedere, eventualmente, con i lavori: al di la delle dichiarazioni di sindaco e assessore, infatti, si tratta di valutazioni giuridiche e di opportunità che in Municipio si stanno facendo proprio in queste ore. Anche se i lavori partiranno prestissimo, giura Calabrese, il quale ha spiegato anche di aver comunicato a Serena Riccio, che è il dirigente responsabile del servizio, il suo via libera per procedere con il via libera al cantiere. Una cosa invece appare scontata: visti i due precedenti al Tar, in Municipio escludono, almeno per il momento, margini di trattativa e di dialogo per una scelta diversa dal cantiere in piazza Plebiscito, eventualmente da condividere con il Mibac. A questo punto non si può che procedere con lunico progetto come ha detto più volte sempre Calabrese che ha avuto tutti i pareri positivi ed è compatibile tecnicamente. Mentre Italia Nostra, da sempre contraria alle grate al Plebiscito, tramite il suo presidente, Guido Donatone, dice: Resta allavvedutezza dei tecnici del Comune di non realizzarle nellarea destinata a ospitare i tavolini e gli ombrelloni dei Caffè, necessari per evitare la desolante desertificazione alla De Chirico della piazza, affinché i fumi della Metro non vengano espulsi tra le gambe dei turisti.

Insomma, il cantiere per le griglie partirà. A meno di nuovi colpi di scena. Mai da escludersi in questi casi.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news