LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Via della Croce, dai B&B settecenteschi ai buttadentro che invadono la strada
Maria Rosaria Spadaccino
Corriere della Sera - Roma 17/3/2019

I turisti mangiano seduti sulle fioriere, la chincaglieria ha sostituito le antiche botteghe

che vendevano tessuti pregiati e profumi. Dei negozi storici, ne resistono soltanto in tre

Ha sempre avuto una vocazione allo straniero via della Croce. Nel 600 era prediletta dagli artisti fiamminghi, la sceglievano come luogo di soggiorno per i mesi di studio italiani (poi scoprirono via Margutta e la loro passione terminò). Nel 700 vi abitavano i forestieri che trascorrevano mesi a Roma, ma non potevano permettersi i cari alberghi di piazza di Spagna e delle vie limitrofe: così gli abitanti della strada mettevano a disposizione i loro modesti alloggi a prezzi accessibili. A quanto pare i primi B&B sono nati proprio nella strada che collega il Corso a piazza di Spagna.

Ora questa vocazione si è trasformata in avversione per la bellezza della zona, profondamente trasformata nella sua natura di via di collegamento ad aree più importanti della città. Già Papa Gregorio XIII lo aveva intuito, la fece selciare nel 1580, ma il suo tracciamento si deve far risalire al periodo fra il 1529 ed il 1543. Via della Croce era vista come asse di collegamento tra il Pincio e la chiesa della Trinità dei Monti. Da sempre occupata da artigiani e da piccoli negozi di servizio ai residenti.

Oggi invece si offre cibo a ogni prezzo e per ogni palato, i buttadentro di ristoranti ed happy bar sono più numerosi degli stessi avventori, che passeggiano stralunati tra tante offerte diverse e pressanti. E non è un bel vedere. Vuole fare laperitivo da noi? Un flûte di champagne e ostriche, chiede una bionda svettante dallaccento dellEst. Le ostriche sono in vetrina e non avrebbero neanche un aspetto malvagio, ma il pesce adagiato accanto a loro è inquietante. Ha un occhio vitreo, secco, che denuncia una morte piuttosto lontana. Una birra e una pizza fatta con farina dei nostri mulini?, invita un altro. Un bel piatto di pasta ai pomodorini? La cuciniamo davanti a lei, dice un altro ancora.

E i giapponesi che più di altri affollano la via addentano tranci di pizza, mordono un noto tiramisù che è stato un vanto di Roma, affondano le forchette nella barchetta di carta con ravioli al pesto, in piedi o seduti sulle fioriere allangolo con strade celeberrime. Loro godono felici di questa sosta alimentare, dopo aver fatto acquisti nei negozi upper di via Condotti. Loro godono: ma via della Croce tutto questo non se lo meritava proprio.

La chincaglieria e i colossei di plastica hanno sostituito negozi che vendevano tessuti pregiati e profumi. Ma anche il fornaio e la frutteria. Resiste lantica pantofoleria Cardilli (da quasi un secolo vende scarpe per il relax fatte a mano), più per la passione della signora Carla che non ha voluto vedere il negozio di suo padre trasformato in una panineria.

Noi abbiamo realizzato ciabatte per i Savoia, per i Papi, per attori e registi - racconta Gino Balani, marito della titolare -. Siamo una specie di baluardo della strada. Ma è deprimente vedere come stia peggiorando. Ci sono attività che aprono, vengono chiuse per illegalità varie e riaprono dopo poco. I negozi storici sono quasi tutti scomparsi. Siamo rimasti in tre o quattro. Nellaffascinante locale, lasciato così comera, cè un angolo per scarpe intoccabili, un sandalo verde in paglia realizzato per Audrey Hepburn quando viveva a Roma. A mio cugino calzolaio lei non era simpatica, quindi dopo il film si è ripreso la calzatura, racconta Gino che della strada conosce ogni sospiro. Flaiano mi diceva sempre che alla scrittura io non mi dovevo proprio avvicinare, ci parlavo quando andavo a mangiare da Cesaretto qui accanto. E così rievoca gli anni mitici della storica Fiaschetteria Beltramme amata da Moravia, Pasolini, Elsa Morante, Fellini e Laura Betti, dove furono pensati e in parte scritti La dolce vita e 8 e mezzo. La Fiaschetteria ha cambiato proprietari, ma non la sua anima, una lastra di pietra del 1980 ricorda la battaglia dei suo storici frequentatori (con in capo il pittore Mino Maccari) che fecero apporre un vincolo da parte del ministero dei Beni culturali e la salvarono da un futuro certo di jeanseria.

Non si è salvato lo storico bancone dellantica Birreria viennese che non esiste più: è rimasta linsegna in ferro a memoria per chi ce lha, ma ora lì si consuma happy beer davanti a un bancone bianco ghiaccio. Cè sempre il ristorante Otello alla Concordia amato dal cinema italiano, che però questa strada non la frequenta più.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news