LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Benevento. Restaurato l'Hortus di Paladino
VINCENZO TRIONE
01/09/2005 Il Mattino

La seconda vita dell'orto di Paladino


SI ACCEDE A un tempio del silenzio. Arcaico e modernissimo tra presenze misteriose. Maschere, scudi, piatti, animali striscianti. Detriti di un monde oscuro. Si entra in un recinto d: pause e di meditazioni. Parentesi di sospensioni. Tracce disseminate in un territorio articolato. Emblemi riconoscibili immessi in un contesto fortemente simbolico.

Benevento. L'Orto di San Domenico diviene, quasi per incanto, un Hortus Conclusus, sfiorato da incroci tra ragioni e tensioni diverse. Realismo e astrazione, lentezza e impeto. L'apertura di questa sorta di cittadella risale al 1991.

stato uno dei miei primi approcci all'architettura ricorda oggi Mimmo Paladino, che, nell'occasione, lavor in collaborazione con Roberto Serino.

Operammo in sintonia, provando a far emergere la sincronia tra spazio esterno, paesaggio e immagine. Il nostro obiettivo fu quello di recuperare l'antica destinazione dell'Orto di San Domenico, che, originariamente, era un recinto dove si ritrovavano i monaci.

Sono trascorsi molti anni.
L'Hortus ha vissuto fasi di degrado e di abbandono. stato usato male, sottoposto a vandalismi, che lo hanno reso come un accampamento. A distanza di 14 anni, Paladino ha seguito la varie fasi del restauro. E stato effettuato un ripristino di tipo filologico, per riportare l'Hortus ai suoi iniziali splendori. stato ripensato il giardino. Lievi i cambiamenti. I colori dei muri, per esempio.

Spostamenti dettati da una sensibilit diversa. Al suo interno, stato collocato un chiosco di Alessandro Mendini. Un piccolo bar. Una minima torre a pianta ottagonale, dal sapore medievale, decorata con un pattern a scacchiera.
Questo episodio rientra nelle manifestazioni previste per la XXVI edizione di Benevento citt spettacolo, intitolata Lingue taglienti, lingue avvelenate, diretta da Ruggero Cappuccio. Non solo una rassegna teatrale. Ma una difficile scommessa. Trasformare Benevento in un laboratorio di voci - legate alla letteratura, alla poesia, alla musica e all'arte -, che si richiamano di continuo alla dimensione teatrale. Un'officina di espressioni, dislocate tra strade e piazze. Cappuccio ha scelto di far tornare il festival alle sue origini dice Paladino, il quale sottolinea come, oggi, si avverta, con intensit sempre maggiore, il desiderio di porre in dialogo le varie arti.

Pittura, scultura e teatro non si pongono pi in continenti separati.
Hanno molti aspetti in comune. Nella differenza, si incontrano. Sono artifici, pei suggerire finzioni, per delineare universi possibili. Allontanane dal mondo in cui si svolge la nostra esistenza, per condurre in un altrove seduttivo. Pittori, musicisti e architetti si ritrovano nel corpo della citt afferma Paladino, da sempre sensibile agli sconfinamenti e alla confluenza tra i codici. Cambia solo la scala. Il problema del segno sempre lo stesso. Per me, non esiste differenza tra uno schizzo e un'architettura. Mi considero un pittore che vuole modificare l'architettura in un luogo per riflettere, per sognare.
Ma torniamo a Benevento citt spettacolo. Ci troviamo dinanzi a un catalogo di gesti, di cifre, di eventi. Un sillabario di scritture contemporanee, che si sottrae a mode, recuperando il valore della memoria, il gusto per il desueto, per latemporale. Un modello, da adottare anche in altri contesti (a Napoli?), forse. difficile. C' maggiore disponibilit verso l'inedito e lo sperimentale in provincia che in citt secondo Paladino, il quale, nei prossimi mesi, terr una mostra al Museo di Capodimonte, con opere inedite, dedicate alla figura di Don Chisciotte.
Benevento citt spettacolo si definisce come uno spazio di sperimentazione, che ospita anche una sezione di arti visive, curata da Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni, i quali hanno compiuto scelte in linea con lo spirito performativo della manifestazione. Hanno invitato tre artisti (Alessandro Mendini, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto) e 0 gruppo americano Providence (formato da Joshua Abelow, Sebastian Black, Isca Greenfield-Sanders, Kevin Hooyman, Pali Kashi, Shana Lutker, Leah Tinari). Un coro di personalit attente alla sfera ambientale e alle possibilit del confronto tra media diversi, in possesso di una segreta tensione urbana.
Sono state scelte opere non solo da vedere, ma soprattutto da percorrere, da abitare. Dotate di una profonda forza architettonica. Non semplici oggetti, ma installazioni da vivere. Palchi che, di giorno, possono essere fruiti come opere d'arte; mentre, di sera, diventano scenografie. Costruzioni che si sono trasformate in episodi effimeri, simili a provvisori inciampi visivi.
Ecco, allora, Mendini, autore di un eccentrico e colorato chiosco, che riprende forme ottocentesche. Pistoletto, creatore di un'ossessiva sequenza di specchi, tra spigoli e angoli, aperture e chiusure inattese. Una successione di porte che non possono essere attraversate. Ed ecco il tendone mobile dei Providence. Questi i paragrafi di un libro di giochi, di racconti, di invenzioni. Love difference ama ripetere Pistoletto. Un'affermazione che racchiude il significato di questa avventura di lingue taglienti, di lingue avvelenate.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news