LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il fotovoltaico non può seppellire le campagne
Vittorio Emiliani
Emergenza Cultura, 14/03/2019

Bisogna utilizzare le aree industriali, attive o dismesse.
Bocciato il maxi-impianto di Pian di Vico, Tuscania.


Cè qualcosa che si pianifichi seriamente in Italia? A livello pubblico proprio no, e comunque sempre di meno. E in atto un dibattito su realtà e prospettive delle energie rinnovabili di tipo nuovo soprattutto eolico e solare. Leolico è proliferato ovunque sui crinali appenninici anche dove il vento era scarso, con società precarie o sospette che offrivano bocconi importanti a Comuni poveri. Risultato: titolari di società spesso in galera, pale eoliche ferme, paesaggio e assetto idrogeologico scassati.

Eppure le carte del vento del Club Alpino Italiano (CAI) segnalavano che la ventosità in Italia è metà di quella centro e nord-europea ed è sufficiente in Puglia (riempita di pale eoliche prima del Piano paesaggistico), nel sud della Sardegna e nel nord della Sicilia. Sia pure con notevoli variazioni, lItalia è decisamente più adatta al fotovoltaico che sta crescendo ma disordinatamente. Molto per lautoconsumo delle famiglie che hanno installato pannelli fotovoltaici. Non cè una politica che investa i quartieri urbani, del Sud anzitutto, per ogni sorta di uso energetico. Nei centri storici si può usarlo e però nascondendo il più possibile i pannelli. Il fotovoltaico sta purtroppo portando alla copertura speculativa di centinaia di ettari di campagna coltivata in zone paesaggistiche e quindi anche turistiche molto pregevoli. Le polemiche più recenti riguardano il Viterbese, in specie la maxi-centrale di Pian di Vico presso la splendida Tuscania. Ambientalisti e naturalisti sono insorti, insieme a Slow Food contro lo snaturamento di quelle ricchezze naturali e storiche. E stavolta il Ministero per i Beni Culturali ha detto (proprio ieri) di no al maxi-fotovoltaico viterbese. Ma incombono altri mega-impianti a Tuscania, Tarquinia e Viterbo. Dunque non si può procedere caso per caso. Occorre pianificare.

Gli impianti solari e anche quelli eolici (dove cè vento sufficiente) possono sorgere nelle aree portuali e industriali, attive o dismesse. A Porto Torres ENI New Energy ha avviato la costruzione di un impianto fotovoltaico allinterno di quellarea sassarese per una produzione annuale di 51 GWh che sarà consumata al 79 % dalle imprese locali evitando così lemissione di circa 26.000 tonnellate/anno di CO2. E un esempio nella giusta direzione? Credo di sì.

Ora, si è calcolato che il totale delle aree ex industriali, di capannoni e altri fabbricati utilizzabili per un fotovoltaico pianificato copra un territorio pari al 7 % dellItalia, una regione grande quanto lUmbria. Non distribuita in modo uniforme, ma suscettibile di venire pianificata salvando sia un paesaggio ricco di centri storici, torri, castelli, pievi, sia lagricoltura qualificata. Ma ci vuole una legge-quadro nazionale. Le singole Regioni procedono in ordine sparso. Soltanto tre (Puglia, Toscana, Piemonte) hanno co-pianificato col Mibac quei piani fondamentali per avere energia pulita senza suicidare paesaggi e agricoltura, risorse non meno strategiche.

https://emergenzacultura.org/2019/03/14/vittorio-emiliani-il-fotovoltaico-non-puo-seppellire-le-campagne/


news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news