LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quelle due mostre che salvarono le Sette opere
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 9/3/2019

Dal 1606 le Sette opere di misericordia hanno lasciato il Pio Monte solo cinque volte. In due occasioni portate a Capodimonte per ragioni di tutela e restauro. Nella foto la copertina del catalogo della mostra del 2004.

Napoli. Nella nota in cui sconsiglia il prestito delle Sette opere di misericordia il ministero dei Beni culturali sottolinea come dal 1606 (anno in cui Caravaggio completò la tela, anche se la consegnò ai committenti nel gennaio successivo) il grande quadro si sia spostato dal Pio Monte soltanto cinque volte. Chiarendo, però, che in due di queste occasioni il trasferimento è avvenuto per motivi conservativi e di restauro.

Negli ultimi giorni più volte si è parlato di come il capolavoro di Caravaggio sia stato esposto già due volte a Capodimonte, aggiungendo che allepoca nessuno se ne fece scandalo. Ma non si dice per quali motivi questo accadde.

La tela fu trasferita una prima volta nel museo dopo il terremoto del 23 novembre 1980 allepoca il soprintendente alle Belle Arti era Raffaello Causa perché il sisma aveva pesantemente danneggiato la chiesa del Pio Monte ed era necessario avviare gli indispensabili interventi di restauro strutturale. Si temeva che potesse esserci un crollo da un momento allaltro.

Per esigenze cautelative, Causa decise di trasferire sia le Sette opere che gli altri dipinti collocati nella chiesa, in accordo con i governatori del Pio Monte. La permanenza delle tele a Capodimonte durò fino al 1985, quando la cappella venne messa in totale sicurezza e dotata anche di un impianto di antifurto che fino a quel momento non cera mai stato.

Prima della restituzione il quadro di Caravaggio, assieme alla liberazione di San Pietro dal carcere di Battistello Caracciolo (altro capolavoro del Seicento a Napoli appartenente sempre alla chiesa del Pio Monte), venne esposto, su richiesta di Raffaello Causa e con lautorizzazione del Pio Monte, in una mostra londinese del 1982 sulla pittura napoletana da Caravaggio a Luca Giordano e alla mostra sulla Civiltà del Seicento a Napoli presentata a Capodimonte nel 1984. Ma per fare questo il quadro di Michelangelo Merisi non fu mai rimosso dalla cappella perché già si trovata a Capodimonte per motivi di sicurezza.

Seconda mostra. Quasi dieci anni dopo, un esperto notò dei rigonfiamenti sulla tela conservata al Pio Monte e diede lallarme. Intervennero Capodimonte e il suo soprintendente dellepoca, Nicola Spinosa. Furono trovati i fondi per il restauro con il contributo dellUnione industriali di Napoli e della Koelliker gestioni. Il quadro poteva quindi essere riparato, grazie al maestro Bruno Arciprete, ma ciò era possibile soltanto negli studi della pinacoteca. Così venne trasferito prima che le bolle sulla tela provocassero danni seri.

Per celebrare la fine del restauro ci fu una mostra a Capodimonte: Caravaggio a Napoli; dalle opere di misericordia a SantOrsola trafitta. Nellintroduzione del catalogo si può leggere lintervento dellallora soprintendente del Pio Monte, Fernando de Montemayor, che scrive: Grande lavoro di restauro. In realtà date le buone condizioni del dipinto si è trattato solo di unaccurata pulitura, dovuta alla sapiente e comprovata esperienza tecnica del restauratore Bruno Arciprete. La migliore visibilità (...) ha messo bene in evidenza particolari che il fumo delle candele accese davanti per oltre quattrocento anni, avevano offuscato e velato. E poi quasi un messaggio a futura memoria. Però è anche da ricordare - scrive de Montemayor - che oltre ad essere opera darte, la tela ha ancora la sua antica funzione religiosa, e la sua collocazione è da sempre sul suo altare maggiore privilegiato.

Giovanni Lettieri, allepoca presidente dellUnione industriali di Napoli: Restituire alla città un capolavoro assoluto come le Opere di misericordia, è un atto dovuto. Il restauro peraltro può farsi rientrare in una logica più generale che nella salvaguardia del nostro patrimonio artistico faccia un elemento cardine per lo sviluppo della città.

E Nicola Spinosa già allepoca, sempre nel catalogo della mostra al secondo piano di Capodimonte durata fino al 2005, parlava di perplessità avute sul trasferimento dellopera. Non solo per gli obblighi imposti - sottolineava - fin dalla realizzazione della grande e celebre pala dagli stessi statuti del Pio Monte, a garantirne la inamovibilità dal luogo della sua originaria collocazione, ma anche per lincolmabile vuoto che lassenza del dipinto avrebbe lasciato non solo in chiesa, ma nel cuore di tutti i napoletani e dei tanti turisti che percorrono i nostri Decumani (...). E comunque alla fine, dopo vari incontri e ponderate trattative i pur preoccupati governatori hanno acconsentito che il Caravaggio uscisse dal Pio Monte e venisse sottoposto ad un intervento conservativo e di messa a punto e, per i risultati poi conseguiti, di rivelazione ormai non più differibile.

A mostra finita il dipinto fu subito restituito, restaurato e ripulito, al Pio Monte e alla sua chiesa.



news

19-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news