LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Tra croci templari e Chagall, benvenuti alla Fabbrica di Cultura. Noi salviamo città e memoria
Luca Marconi
Corriere del Mezzogiorno - Campania 3/3/2019

Liniziativa privata nei beni culturali, il modello Lapis Museum

Dalla Fabrica Ecclesiae a una grande Fabbrica della Cultura. LAssociazione Pietrasanta Polo culturale Onlus è stata fondata nel 2011 dal Raffaele lovine, lattuale presidente. Composta da professionisti, imprenditori e docenti di Napoli, per statuto, si propone di valorizzare la Basilica di Santa Maria Maggiore detta La Pietrasanta e ha stipulato con lArcidiocesi un contratto di comodato, innestandosi sulle meritorie (benché insufficienti) opere di recupero della Soprintendenza ma realizzando dal 2012 una serie di interventi per garantire la piena fruibilità del complesso, fino a pochi anni fa in rovina. Investendo, ad oggi, un milione e mezzo di euro, fondi interamente privati. Per la sua storia, il suo fascino originario ancora intatto nellantico ipogeo ed il suo sottosuolo, la Pietrasanta ha un potenziale enorme e Iovine e soci ne hanno fatta una bandiera dellintervento privato autoctono nel rilancio del patrimonio culturale, intercettando il flusso dei turisti sempre più attratti dalla Napoli antica oltre che folcloristica. La Pietrasanta è oggi un esempio di riqualificazione, sede di importanti eventi per la posizione strategica alle porte del Decumano e suggestivo attrattore culturale e soprattutto, uno dei più importanti investimenti privati in città.

Cinquantanni, napoletano, allievo di Gerardo Marotta e dello storico del diritto Raffaele Ajello e suo vice alla direzione della collana di studi storici Frontiera dEuropa edita dallIstituto Italiano degli Studi Filosofici, Iovine sembra conoscere gli affari ma soprattutto sa declinare la cultura in mercato senza svilirne valori e contenuti. Passa prima al settore ricettivo, ma da studioso del Settecento e autore di numerosi saggi sullambiente illuministico napoletano (Antonio Genovesi, Celestino e Ferdinando Galiani, Bartolomeo Intieri) o sulleditoria clandestina, il riformismo borbonico o i mali della Giustizia, che nel Settecento erano gli stessi. Questo spiega magari perché, oggi, il visitatore della Pietrasanta può ripercorrere la storia della città magari a ritroso, dal sottosuolo, cominciando dalle splendide croci templari complesse scoperte in cavità che probabilmente hanno ospitato riti iniziatici. Reperti che, in mano ad altri, probabilmente, sarebbero andati distrutti.

Lesperienza imprenditoriale comincia insieme a suo fratello Marco e i fratelli Giovanni, Luca e Andrea De Vita con lHotel Neapolis nel 2000, accanto alla Pietrasanta, dando vita ad un moderno albergo alle porte del Decumano che si ispirasse alla cultura dellaccoglienza per unaccoglienza nella cultura: proponevano itinerari dal centro antico allarea flegrea, orientando le scelte dei turisti verso la conoscenza del grande patrimonio della città.

Larea flegrea labbiamo sempre promossa dice oggi Iovine sconta ancora ritardi per la difficoltà di mettere a sistema e valorizzare, attraverso unopera di promozione oltre i confini regionali, il grande tesoro che possiede. Lavventura della Pietrasanta comincia nel 2003 quando insieme al rettore monsignor De Gregorio e Gemma Cautela della Soprintendenza fui incoraggiato a prendermi cura del complesso monumentale, coinvolgendo i De Vita per primi, ottenendo la rimozione della cancellata che delimitava il perimetro della piazzetta e così, al posto di un campo di calcio abusivo spuntano i tavolini della Locanda del Grifo (sua) e respira lingresso della basilica. Successivamente Progetto Neapolis Srl assieme al Comune finanzia il restauro della Cappella del Cappuccio, tra la Cappella Pontano oggi pure rimessa in sesto (Era diventata un deposito di bare) e la basilica. Quindi riuscimmo a convincere il cardinale che potevamo trasformare la Pietrasanta da antica Fabrica Ecclesiae a moderna Fabbrica della Cultura, un luogo, cioè, capace di ospitare grandi operazioni culturali, dalle mostre ai concerti e prevedendo un intervento di valorizzazione che, partendo dalla basilica, si estendesse allarea archeologica fino al sottosuolo, un progetto verticale, dalla basilica più alta della città fino a 40 metri di profondità. Oggi possiamo dire che questo risultato è stato raggiunto.

In questo momento lassociazione ospita Lapis Museum, Chagall, il Museo Archeologico sui culti e le leggende napoletane ed è lOsservatorio Vesuviano a spiegarci il sottosuolo.

Abbiamo già avuto i Tesori nascosti e il Museo della Follia di Sgarbi, Arthemisia, Le mostre impossibili con la Rai e grazie alla rete di rapporti con grandi soggetti pubblici, musei ed Enti, la nostra Fabbrica aumenterà i livelli di produttività. Già con lOsservatorio stiamo pensando ad altre iniziative: una stazione sismica nel cuore del centro storico, anche per dimostrare che soggetti pubblici e privati possono cooperare. Possiamo dire, conclude Iovine, che limpresa culturale si realizza con cultura di impresa, ma limpresa che stiamo mettendo insieme in realtà non vuole produrre profitti ma valori, ben inteso anche economici, ma anche sociali, identitari di quella memoria collet tiva che va conosciuta e diffusa e soprattutto il progetto ha dimostrato che tutela del bene e la sua valorizzazione possono stare insieme e non sono incompatibili. La Pietrasanta è oggi un cantiere di contaminazioni culturali sostenuto dalla capacità duna squadra di professionisti che ne condividono le finalità: restituire alla città un bene per troppo tempo in abbandono e dimostrare, con lesempio, un modello virtuoso, che affidare a privati il compito di gestire e prendersi cura dei monumenti può essere una scelta di crescita per tutti



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news