LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, Ambrosiana. Raffaello, pronto lallestimento
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 3/3/2019

Il cartone della scuola di atene allAmbrosiana

Dal 27 marzo si potrà ammirare dopo quattro anni di restauri il cartone preparatorio dellaffresco La Scuola di Atene di Raffaello. Pronto il nuovo allestimento alla Pinacoteca Ambrosiana.

Una nuova teca di vetro e un nuovo allestimento. Dopo quattro anni di restauri, il prossimo 27 marzo il pubblico potrà finalmente rivedere in posizione verticale il grande cartone preparatorio della Scuola di Atene. Raffaello lo disegnò per mostrare al papa Giulio II come avrebbe affrescato la seconda parete della Stanza della Segnatura negli appartamenti vaticani che Giulio II volle rinnovare stanco del lusso gotico da parvenus del suo odiato predecessore Alessandro VI Borgia.

La Pinacoteca Ambrosiana, dove il cartone è arrivato nel 1610, ha chiesto allo studio di Stefano Boeri di valorizzare lopera e larchitetto ha postato su Instagram e Facebook alcune immagini e un filmato che documentano i lavori in corso in queste ore.

Il grande cartone è già stato posizionato nella teca che nei prossimi giorni verrà chiusa dopo le ultime verifiche sui valori di umidità e temperatura, ha spiegato Boeri al telefono. Poi verranno montati gli apparati didattici, le luci e gli elementi darredo realizzati appositamente su suo disegno dalla ditta Riva 1920, specializzata in mobili in legno massello.

Anche la precedente teca di vetro di Luigi Caccia Dominioni, risalente al 1966, è stata sostituita con una di ultima generazione prodotta da Goppion, società che fornisce le vetrine ai maggiori musei del mondo. Si tratta di una lastra di vetro protettivo antiriflesso di circa 24 metri quadrati che ha richiesto lapertura nel museo di un passaggio apposito.

Insomma lidea dellAmbrosiana è rendere finalmente noto il capolavoro, poco conosciuto persino dai milanesi, dopo il restauro cui è stato sottoposto grazie al sostegno di Giuseppe Rabolini, fondatore della società RaMo, e seguito da un comitato scientifico composto dal Collegio dei dottori della Biblioteca Ambrosiana e da esperti dellIstituto superiore per la conservazione e il restauro, dei Musei Vaticani, della Soprintendenza di Milano e del Centro conservazione e restauro La Venaria Reale, con la consulenza tecnica di Pinin Brambilla Barcilon e il coordinamento di Maurizio Michelozzi, affiancati da docenti di diverse Università italiane.

Laffresco della Scuola di Atene cambiò la storia dellarte e a sua volta Raffaello, mentre lo realizzava, fu sconvolto dalla visione del soffitto che Michelangelo stava dipingendo nella cappella Sistina. Ad opera ormai compiuta, il venticinquenne pittore di Urbino aggiunse così un omaggio al più anziano maestro fiorentino ritraendolo al centro della scena nei panni di Eraclito. Ed ecco perché nel cartone dellAmbrosiana manca la figura di Michelangelo visibile invece nella redazione finale di Roma.

Questopera racconta storie affascinanti ed è unica perché nessun altro cartone rinascimentale di tale grandezza è giunto fino a noi (misura ben 285 x 804 centimetri). Il disegno infatti, non fu usato per riportare limmagine sul muro, operazione che ne avrebbe comportato la distruzione, ma solo per mostrare al Papa leffetto dellaffresco.

La Fondazione Fiera Milano contribuirà da ora alla promozione dellopera, ma in questi quattro anni si è persa unoccasione. Nonostante il restauro avvenisse in diretta, con i restauratori che lavoravano dietro un vetro visibili al pubblico anche grazie a un video che ne amplificava le operazioni in dettaglio, quasi nessuno a Milano se nè accorto. Al contrario, durante il restauro della Sala delle Asse di Leonardo, al Castello, sono stati predisposti diversi eventi ed aperture al pubblico in modo da creare aspettativa per linaugurazione che avverrà il prossimo 2 maggio. Anche Raffaello sarebbe stato contento di avere più pubblicità perché era un giovane molto abile nel promuovere il proprio lavoro ed era cresciuto sotto lala di guerrieri umanisti come Federico da Montefeltro e Giulio II, grandi esperti delluso dellarte come strumento di propaganda.




news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news