LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Provincia, è guerra al cemento
Pietro Gorlani
Corriere della Sera - Brescia 1/3/2019

Pianificazione del territorio. Presentate dal presidente Alghisi le nuove linee guida del Piano territoriale di coordinamento

Stop ai capannoni, riduzione del 25% delle aree edificabili, mille ettari di campi da tutelare

Non è più tempo di capannoni, di terreni agricoli da valorizzare con prefabbricati, molti dei quali, negli anni della crisi destinati a diventare cattedrali nel deserto, ecomostri che nessuno ora sa come riqualificare. La Provincia ha presentato ieri le linee guida del Piano territoriale di coordinamento che prevede una riduzione del 25% delle aree edificabili, mille ettari di campi da tutelare.


Dopo labbuffata cementizia degli anni Novanta e dei primi anni Duemila, il cui apice è stata la Tremonti Bis che incentivava la cancellazione di suolo agricolo per far spazio ad un florilegio di capannoni si intravvede una nuova era nella gestione del suolo.

Fondamentale è stata la legge regionale 31 del 2014 (voluta dallex assessore al Territorio Viviana Beccalossi) che ha di fatto congelato la possibilità di consumare nuovo suolo agricolo. Legge che non ha cancellato le aree edificabili già inserite nei 205 piani di governo del territorio comunali (per complessivi 5.637 ettari). Scaduta la deroga dei 30 mesi, durante la quale i privati proprietari delle aree edificabili dovevano richiedere i piani attuativi, ora la Regione sta tracciando un primo bilancio per capire quanti di quei 5.637 ettari saranno realmente cementificati. Nel frattempo la Provincia di Brescia, in sintonia con la norma regionale, ha deciso di rendere più severe le linee guida del suo Piano territoriale di coordinamento provinciale, dando linee guida più stringenti ai Comuni: Vogliamo ridurre del 25 per cento le aree costruibili spiega il presidente Samuele Alghisi con lobiettivo minimo di mille ettari. Chiederemo alle amministrazioni locali di andare a togliere ledificabilità su quelle aree per le quali i privati non hanno avanzato alcuna richiesta di cemento negli ultimi cinque anni. Non solo. Si cercherà anche di omogeneizzare meglio il territorio, tutelando le aree agricole a maggior pregio, utilizzando il principio della compensazione, che permette di concedere aree edificabili (di pari estensione) in unaltra zona del Comune. Vorremmo che i Comuni dimensionino i loro piani di governo del territorio alleffettivo fabbisogno delle loro comunità. Senza speculazioni ma anche senza autoriduzioni autolesioniste aggiunge Alghisi. Insomma, in medio stat virtus paiono dire il presidente del Broletto e il consigliere delegato al Territorio, Giambattista Groli. Già, perché una volta ridotte le aree edificabili, poi è difficile reinserirle.

I dati diffusi ieri in Provincia dicono una cosa: la legge regionale 31 del 2014 nel Bresciano è stata rispettata. Dal 2014 al 2019 solo 9 ettari di aree agricole sono state sottratte allagricoltura ha spiegato il dirigente del settore Territorio, Riccardo Davini. Le eccezioni si contano in sette comuni: Calcinato e Calvagese hanno rosicchiato nel complesso due ettari di campi per inserirli nei loro Pgt; 9 ettari se ne sono andati con i procedimenti Suap (sportello unico attività produttive, pensato per lampliamento di aziende esistenti) di Provaglio dIseo (Aqm), Bedizzole (Tovo Gomme), Lograto (autotrasporti Cram), Isorella (Gia.Da), Monticelli Brusati (Tecnopress). Attenzione, questo non significa che negli ultimi 5 anni sono stati cementificati solamente 9 ettari; questa è la superficie sottratta allarea tutelata (188.643 ettari, compresi gli alpeggi). Secondo il report di Ispra la cementificazione in provincia viaggia su una media di 78 ettari lanno. Che a qualcuno può sembrare tanto ma è poca cosa se paragonata ai ritmi pre-crisi, dieci volte maggiori. Per rendersene conto bisogna sfogliare il denso report Levoluzione delluso del suolo dal 1999 al 2012 (Masini et. Al. 2014), reperibile anche sul web: dal 1999 al 2007 sono stati consumati 840 ettari di suolo libero lanno. Invece ai ritmi attuali potrebbero passare 80 anni prima che si consumi tutta larea edificabile ancora disponibile. Che il Broletto è intenzionato a ridurre ulteriormente. Come? Con il nuovo Ptcp (che avrà due anni di gestazione): i comuni nei nuovi Pgt dovranno verificare leffettivo fabbisogno residenziale, tenendo conto della riqualificazione del territorio e della minimizzazione del consumo di suolo. Poi li si invita a tenere conto dei presupposti previsti dai commi 6 e 9 dellarticolo 5 della legge regionale 31/2014: in caso di mancata presentazione del piano attuativo da parte dei privati nei 30 mesi successivi Il Comune valuta in via principale e preferenziale, il non mantenimento o la riduzione degli ambiti di trasformazione vigente. Se la loro eliminazione risulta difficoltosa si invita ad adottare il principio della compensazione: tutelare le aree più di pregio cedendone altre di pari estensione in zone più degradate. Lobiettivo finale è quello posto dallUnione Europea: zero consumo di suolo entro il 2050. Una sfida indirettamente collegata alla questione dei cambiamenti climatici, alla sopravvivenza del pianeta e della nostra provincia.




news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news