LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venaria, le mostre e i numeri dei turisti
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 1/3/2019

Laltro ieri alla Reggia di Venaria è andato in scena laddio del direttore Mario Turetta, chiamato a più alti incarichi ministeriali; con gran giubilo della presidente Paola Zini. I due erano in guerra da un anno per cause ancora da accertare e il promoveatur ut amoveatur di Turetta ha risolto la baruffa: sicché Mario & Paola sono ricomparsi insieme in pubblico, dopo mesi da separati in casa, in letizia e gaudio, per raccontare al colto e allinclita bilanci e progetti della Reggia.

Purtroppo, Turetta è incorso in alcune inesattezze o non detti che impongono qualche precisazione.

Turetta ha confermato che nel 2018 sono stati venduti 957.070 biglietti (vi ricordo ancora una volta che il dato della Venaria si basa sui biglietti staccati, non sulle persone fisiche dei visitatori: ogni singolo visitatore infatti stacca anche più di un biglietto a seconda delle mostre che intende vedere; secondo stime attendibili un milione di biglietti corrisponderebbe a circa 400 mila visitatori fisici entrati nellarea della Reggia).

Il direttore uscente ha anche riconosciuto con franchezza che i biglietti del 2018 sono meno di quelli venduti nel 2017, quando ne staccarono 1.039.657, record assoluto.

Ha però spiegato la pesante flessione con la rinuncia, questanno, al Villaggio di Babbo Natale che, sostiene Turetta, nel 2017 attirò alla Reggia almeno 100 mila persone. Una rinuncia causata da problemi burocratici che si spera siano in futuro superati, ha aggiunto Turetta rivolgendosi con sguardo fidente allassessore alla Cultura del Comune di Venaria, Antonella DAfflitto. Costei ha annuito compunta e partecipe del dispiacere turettiano. Stravagante siparietto, se si considera che i problemi burocratici in questione furono sollevati e propugnati giustappunto dallamministrazione comunale della quale la DAfflitto è autorevole esponente. Ad ogni modo: così lha raccontata Turetta. A me spiace puntualizzare, perché Turetta mi sta simpatico e lo stimo, ma con i numeri non si scherza. E i numeri dicono che i 957.070 biglietti del 2018 sono meno non soltanto del milione e rotti del 2017, ma anche dei 984.899 nel 2016: e bisogna ricordare che, se nel 2018 è mancato il Villaggio di Babbo Natale, nel 2017 la Reggia aveva scontato due settimane extra di chiusura per ospitare il G7.

In pratica, la Reggia di Venaria nel 2018 è ripiombata indietro di sette anni: nel 2011, infatti, toccò un suo primo record storico vendendo 951.617 biglietti.

Quindi: lanno passato la Reggia (senza il Villaggio di Babbo Natale) ha perso 82.587 biglietti rispetto al 2017 (quando ci fu il Villaggio ma ci furono anche le due settimane di chiusura extra); e ha fatto pure peggio del 2016, con ben 27.829 biglietti in meno rispetto a due anni fa (quando comunque il Villaggio di Babbo Natale non cera).

Linversione di tendenza è confermata dallandamento delle mostre: la più visitata nel 2018 è quella del fotografo Salgado, con 92.139 biglietti; al secondo posto si piazza Restituzioni-La fragilità della bellezza con 72.184 presenze; al terzo Easy Rider, che al 31 dicembre aveva totalizzato 68.483 visitatori, però prosegue e può ancora arrivare in alto.

Il confronto con lanno precedente è tristanzuolo: ai primi tre posti nel 2017 troviamo infatti Caravaggio Experience con 135.203 ingressi in 257 giorni dapertura; la mostra di Giovanni Boldini con 101.798 biglietti in sei mesi; e Lady Diana. Uno spirito libero che in 180 giorni ha richiamato 85.134 visitatori. Nel 2016 alla Venaria la mostra più vista fu quella di Steve McCurry (170 mila biglietti) seguita da Le meraviglie degli zar con più di 106 mila paganti.

Insomma: nellarco degli ultimi tre anni le mostre top della Venaria hanno avuto sempre meno visitatori.

Ora, Babbo Natale o non Babbo Natale, i numeri mi dicono che alla Venaria qualcosa va storto. Forse le mostre funzionano meno che in passato; forse si è esaurita la spinta propulsiva; potrebbe anche darsi che, semplicemente, a Torino arrivino meno turisti. Ma se lo scrivo, poi i barbapapà del Comune si dispiacciono e sindignano e tirano fuori i dati della questura per dimostrarmi che non capisco niente e che a Torino non ci sono mai stati così tanti turisti.

Propongo quindi uninedita spiegazione: a Torino i turisti non fanno che aumentare, però vanno tutti al Museo della Juve. Ricordate quando eravamo riconosciuti nel mondo come la città della Juventus e della Fiat? Peccato che adesso ci manchi la Fiat: sennò, il ritorno agli Anni Settanta sarebbe perfetto.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news