LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Siracusa. Monumenti, coste, paesaggi e beni naturali fagocitati da costruzioni realizzate nella provincia di Siracusa in assenza di Piano Paesaggistico
Fabio Morreale
Libertà Sicilia, 01/03/2019

Per decenni abbiamo costruito senza alcun strumento organico di pianificazione del territorio. I Piani regolatori dei Comuni non sono stati capaci di impedire la costruzione di mostri, anche in presenza di beni irriproducibili. Monumenti, coste, paesaggi e beni naturali sono stati letteralmente fagocitati dal cemento e dallasfalto e, in alcuni casi, persi per sempre. E senza suscitare la reazione di nessuno, con il tacito assenso di cittadini, società civile, chiesa, amministratori, forze dellopposizione. Adesso lo strumento di tutela cè e si chiama Piano Paesaggistico della provincia di Siracusa. È stato adottato con D.A. n. 98 del 01/02/2012, approvato con D.A. n. 5040 del 20/10/2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana il 16 marzo 2018. Le linee guida del Piano, se rispettate, fanno evitare gli errori del passato.

I risultati di uno sviluppo urbanistico senza Piano Paesaggistico è sotto gli occhi di tutti. Basta accorgersene. Oppure basta seguire questa rubrica che periodicamente ne mette sotto i riflettori uno, dando molto spazio alle immagini, le uniche capaci di dimostrare i danni arrecati. La rubrica nasce dalla conferenza omonima organizzata da Natura Sicula il 25 ottobre 2017.

LA PIÙ GRANDE NEVIERA IBLEA TRASFORMATA IN VANO SERBATOI

Buccheri. Cera una volta una grande neviera, una di quelle strutture in pietra a secco che nella zona montana iblea serviva a conservare la neve quando non cerano i frigoriferi. Man mano che la struttura andava riempita, la neve veniva pestata perché diventasse più compatta. Ciascun solaio, alto circa 30 cm, andava diviso da sottili strati di felci e foglie. Il sistema era sufficiente a trasformare la neve in ghiaccio; questultimo, a sua volta, veniva tagliato in blocchi da 50-60 kg e venduto nei mesi estivi. Il tutto finché non comparirono lenergia elettrica e i primi frigoriferi.

La struttura era a Buccheri, sulla cima del monte Contessa, a 920 m di quota, e per secoli aveva accolto nel suo pozzo la massima quantità di neve che una neviera iblea avesse mai conservato: oltre 13 mila tonnellate. Era grande, molto grande, e la gente, piuttosto che chiamarla col nome del proprietario, ovvero Neviera Politi, la chiamava A Rutta Ranni. La sua base era rettangolare, il tetto a botte, e le pareti spesse 1,5 m. Costruita in pietra vulcanica su un pendio naturale, aveva tre bocche di immissione sulla volta, chiuse da altrettanti portelli in pietra, e una porticina a nord per prelevare la neve destate. Neanche la neviera A Lupa di Chiaramonte Gulfi, cosiddetta per la insaziabile capienza, poteva competere con quella buccherese. Dopo secoli di esercizio, nei primi del Novecento il suo destino fu quello di tutte le altre: labbandono. Lultima volta fu riempita nel 1927. Per svuotarla era talmente grande che ci vollero quattro anni. A Buccheri non fu lunica neviera presente, ce nerano una trentina circa. Tuttavia a Rutta Ranni era nota a tutti perché era la più grande, la più monumentale. Per decenni la struttura, che fu proprietà del principe Alliata, giacque senza subire alcun utilizzo, finché un giorno

Un giorno il Comune di Buccheri divenne proprietario della neviera. In quel tempo, per alimentare lacquedotto, il Comune scavò un pozzo trivellato a soli 30 m di distanza. Erano presumibilmente gli anni 70. Dovendo collocare dei serbatoi, lamministrazione scelse di metterli dentro la neviera.

Ma prima di ogni cosa il Comune adeguò i locali alla nuova destinazione duso, distruggendo il monumento di archeologia industriale: la parte sottoterra, profonda circa 10 m, fu colmata e pavimentata; la parete nord in pietra a secco fu sostituita da una sottile parete in blocchetti calcarei e malta, e munita di una moderna porta in ferro saldato; le bocche di immissione sulla volta, liberate dai blocchi monolitici di chiusura, diventarono prese daria con telaio in ferro saldato, zanzariera metallica e onduline in plastica. Fine della neviera. Lelemento di unicità di quel territorio, trasformato dal cemento e dallignoranza, perse la sua identità originaria, la sua capacità attrattiva. Lignoranza è la nemica peggiore della crescita. Per non averne compreso la valenza culturale, lo stesso ente che avrebbe dovuto proteggerla e valorizzarla, gli ha arrecato i danni peggiori. E da mezzo secolo lo scempio non ha mai suscitato la reazione di nessuno.

http://www.libertasicilia.it/siracusa-monumenti-coste-paesaggi-e-beni-naturali-fagocitati-da-costruzioni-realizzate-nella-provincia-di-siracusa-in-assenza-di-piano-paesaggistico-2/


news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news