LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. La meraviglia degli arazzi di Cosimo I
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 27/2/2019

Nel Salone de Dugento visibili per sei mesi quattro capolavori. Poi arriveranno gli altri

È un sogno che si realizza. Il sogno è doppio, quello del biblico Giuseppe, che dà il nome alla serie dei bellissimi e preziosi venti arazzi medicei, e quello della esposizione degli arazzi nel Salone de Dugento per il quale furono realizzati. Da ieri, infatti, quattro dei capolavori voluti da Cosimo I sono visibili al pubblico e lo rimarranno per sei mesi, per lasciare il posto ad altri quattro pezzi e così via a rotazione fino al 29 agosto 2021 quando la straordinaria mostra chiuderà. Un tour di trenta mesi per mostrare a turisti e fiorentini gli arazzi tornati a nuova vita dopo quasi trentanni di restauro e riuniti grazie allaccordo tra Comune Vecchio, Quirinale, e Ministero dei beni culturali, che nel 2021 potrebbe essere rinnovato.

Gli arazzi, tutti di proprietà dello Stato, furono divisi a fine Ottocento, dieci rimasero in Palazzo Vecchio, dieci seguirono i Savoia a Roma, e lintesa tra Presidenza della Repubblica e Firenze li ha riportati a casa e, dopo la mostra del 2015, ora ha reso possibile il loro inserimento nel percorso museale comunale, anche se per ammirarli occorre un biglietto a parte, oltre che la prenotazione, dato che per non mettere in pericolo la loro conservazione (anche se il Salone è stato climatizzato) si potranno vedere solo in piccoli gruppi e al massimo per trenta minuti (informazioni e prenotazioni: info@muse.comune.fi.it, e 055.2768224 055. 2768558). I primi quattro arazzi, due per parete, sono Il sogno dei Manipoli su disegno del Bronzino, Giuseppe racconta il sogno del sole, della luna e delle stelle , sempre del Bronzino, Vendita di Giuseppe , del Bronzino e Lamento di Giacobbe , su disegno e cartone di Pontormo, realizzati tra il 1548 e il 1549 dai fiamminghi Jan Rost (il cui anagramma in girarrosto con tanto di pollo firma i suoi pezzi) e da Nicolas Karcher. La firma Bronzino Fiorentino si legge invece sulla Vendita di Giuseppe , assieme al giglio rosso tra le due F di Fabbrica Fiorentina e tra i volti, gli animali, i panneggi colorati, i fiori e le piante, spuntano fili doro e simbolismi legati ai Medici, intrecciati in composizioni poco conosciute dato che sono rimaste invisibili per anni.

Questa mostra è frutto della disponibilità generosa, fin dal primo momento del Capo dello Stato Sergio Mattarella, cui con un po di incoscienza lanciai lidea di riunire gli arazzi nel luogo per il quale erano stati realizzati dice il sindaco Dario Nardella Uniniziativa che si unirà agli eventi per i 450 anni dalla morte di Cosimo I, che li volle, come volle la fontana del Nettuno in piazza Signoria che tra poco restituiremo alla città, restaurata e con anche i getti dacqua. Alla scopertura degli arazzi hanno partecipato anche Marco Ciatti, soprintendente dellOpificio delle Pietre Dure che ha restaurato gli arazzi fiorentini, Francesco Colucci per il Quirinale, e Alessandra Griffo per le Gallerie Degli Uffizi cui appartengono gli arazzi da sempre in deposito agli Uffizi.

E per lanno di Cosimo I agli Uffizi terremo una mostra di arazzi Seicenteschi, ha annunciato Griffo.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news