LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Canale Romano, Scalfati «affonda» l’ipotesi dell’esproprio
di ROMANO TRIPODI
mercoledì 31 agosto 2005 Il Tempo




SABAUDIA — «Mi chiedo per quale motivo sino ad oggi nessuna istituzione, a qualsiasi titolo, non abbia pensato di mettere mano al restauro del Canale Romano, liberandolo dai massi che lo ostruiscono, e di riparare le sue sponde ormai al collasso e non certamente per colpa della mia famiglia». È il commento di Alfredo Scalfati, proprietario del lago di Paola, al ventilato esproprio dell’importante sito archeologico costruito oltre duemila anni fa dai romani.

«Non ho mai vantato diritti di proprietà sul Canale, che ritengo prezioso non soltanto dal punto di vista storico-archeologico, ma anche per la vicina azienda ittica, prima ancora che per i cantieri Rizzardi, alla ricerca di uno sbocco in mare per i loro yacht. Del resto a sottolineare l’importanza strutturale dell’opera fu tre secoli fa l’allora Papa Innocenzo XIII. Ho l’impressione che sul Canale Romano vada in scena, e non certamente da oggi, una sorta di teatrino della politica. Si parla molto, e spesso senza cognizione di causa, per non fare nulla», prosegue il primogenito dell’avvocato Giulio, che si dice d’accordo con quanti escludono che il Comune possa espropriare un bene che appartiene allo Stato e sul cui futuro debbono pronunciarsi il Ministero dei Beni culturali e la Sovrintendenza ai Beni Archeologici del Lazio. Proprio la Sovrintendenza infatti pochi mesi fa vi ha apposto il suo vincolo. Tocca quindi allo Stato e per esso al Ministero dei Beni Culturali, di cui le Sovrintendenze sono espressione, dire cosa di debba fare del Canale di Torre Paola. Quale tipo di lavori eseguirvi per scongiurare il definitivo collasso delle sue sponde ed al tempo stesso consentire alle imbarcazioni da diporto di attraversarlo per raggiungere il mare aperto.

«Per quanto mi riguarda, come ha ricordato nei giorni scorsi proprio Il Tempo, ho sottoposto nell’aprile del 2004 all’attenzione dell’amministrazione comunale di Sabaudia, della Provincia di Latina e della Sovrintendenza Archeologica del Lazio, la relazione dell’architetto Antonio Briolini, per la rimozione dei massi che oggi ostruiscono il corso d’acqua, mettendo in serio pericolo la navigazione ed attendo ancora di avere una risposta. Se quel progetto non è condiviso lo si dica chiaramente e se ne faccia un altro. Ma parlare rimanendo inoperosi è la soluzione peggiore perché le sponde del Canale Romano sono ormai al collasso. Ma come ho avuto modo di dire in altre occasione ho l’impressione che della vocazione marinara di Sabaudia, della necessità di incentivare un turismo che punti sulla piccola e media nautica da diporto e sulle relative strutture alle istituzioni poco importa, impegnate come sono a autorizzare un’autentica corsa al mattone, che sta stravolgendo lo stesso paesaggio della città», conclude Scalfati. Il Canale Romano torna così ad essere oggetto di un duro confronto a Sabaudia. Nella città delle dune vincoli ambientali e archeologici, uniti alle competenze sullo stesso sito da parte di molteplici enti, cozzano da tempo con la necessità di sviluppo del settore turistico ed industriale. E molti progetti in tal senso da qualche anno sembrano proprio ruotare attorno al lago di Paola e allo storico Canale.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news