LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

l boss, i quadri rubati a un nobile veneziano e le voci su Caravaggio
A. Zo. G. Bu.
Corriere del Veneto 27/2/2019

VENEZIA. Truffe, estorsioni e usura droga e prostituzione: il core business del clan dei casalesi guidato da Luciano Donadio. Dallindagine che ha scoperchiato le ramificazioni della Camorra sul litorale veneto emerge però anche la passione per larte del boss. Un pentito fu incaricato di vendere sei tele: un nobile veneziano ne ha riconosciute un paio, rubate in casa sua. Continua, intanto, la sottoscrizione dellappello contro la mafia.



VENEZIA. Truffe, estorsioni e usura, soldi falsi, droga e prostituzione (su queste ultime anche chiedendo il pizzo ad altri gruppi criminali). Erano questi i core business del clan di Casalesi guidato da Luciano Donadio, sgominato una settimana fa da un blitz di Squadra mobile e Guardia di Finanza sotto la guida del pm Roberto Terzo. Ma dagli atti dellinchiesta spuntano anche i quadri rubati e addirittura si parla di un paio di tele attribuite a Caravaggio. La fonte è uno dei pentiti, che ha riferito di essere stato incaricato da Donadio di cercare acquirenti per sei quadri dautore al prezzo di 50 mila euro luno. Il pentito li ha anche fotografati nellabitazione del boss in cui erano custoditi, a Casal di Principe, e proprio a partire da quelle immagini pare che un paio siano tra quelli rubati nel 2007 a casa di un nobile con palazzo sul Canal Grande, che li ha riconosciuti: due olii su tela di paesaggi.

A conferma dellinteresse per larte cè anche il fatto che Donadio nel 2015, anni dopo, era stato intercettato mentre diceva ai suoi sodali di possedere 7 quadri di fine 800 frutto di un furto di una ventina di opere avvenuto in una villa. Sono molti i filoni per fare soldi che emergono dagli atti. Per esempio cè la ricettazioni di gioielli e diamanti. Ma anche la spasmodica ricerca di soldi falsi. Ti giuro sono perfetti - diceva un complice al boss - tre ragazzi li fanno... li faccio lavorare di notte, gli do 500 euro a testa. Ci sono le truffe aggravate ai danni dello Stato, per lucrare trattamenti di disoccupazione o di maternità non spettanti, per un totale quantificato (per difetto) in 500 mila euro dalla Guardia di Finanza. Ma anche le ripetute truffe alle assicurazioni, in particolare alla francese Groupama, grazie al ruolo del titolare dellagenzia di San Donà di Piave, che non è stato indagato, ma è stato licenziato proprio per queste irregolarità. In un caso uno dei figli di Donadio era caduto in moto e laveva danneggiata: il boss aveva organizzato un falso incidente che aveva portato a una liquidazione di 2500 euro.

Il clan introitava tanti soldi in contanti e per farli girare senza destare troppi sospetti li usava anche per pagare gli stipendi ai dipendenti delle società collegate, molti dei quali erano in realtà solo una copertura. Gli inquirenti hanno scoperto che a un certo punto la Donadio società cooperativa aveva 35 dipendenti, per la maggior parte pregiudicati e prostitute. Un altro filone è quello delle vincite di gioco fittizie: viene citato il caso dellimprenditore Graziano Poles che doveva ripulire 100 mila euro e Donadio gli propone di simulare delle vincite al punto Snai di sui era proprietario formalmente il figlio, usando le ricevute.

Domani i tre sindacati Cgil, Cisl e Uil manifesteranno davanti al municipio di Eraclea contro le infiltrazioni mafiosa nel Comune, di cui è stato arrestato il sindaco Mirco Mestre. E ieri anche il sindaco di Venezia e metropolitano Luigi Brugnaro ha affrontato largomento. Nel nostro territorio gli imprenditori corrotti non sono molti, cè qualche mela marcia, che quando possiamo togliamo dal cesto - ha detto - Già quando ero presidente di Confindustria abbiamo raccontato agli imprenditori che fallire non è un reato, ma lo diventa reato se non ne accetti culturalmente lidea e ti rivolgi agli strozzini. Sono state fatte in passato e continueranno le azioni non solo contro la delinquenza, ma anche il terrorismo - ha proseguito - Parte tutto da un disagio sociale generale, dalla mancanza di controllo del territorio. Da noi questo controllo cè, grazie a prefetto, procura, forze dellordine, ma anche a una società civile, onesta, degna, capace e retta .




news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news