LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Schmidt nei cantieri degli Uffizi. Sì alla loggia di Isozaki o si perdono altri 5 anni
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 26/2/2019

I cantieri degli Uffizi proseguono e si concluderanno nel 2024, ma resta il nodo Isozaki. Le autorizzazioni non ci sono e se dovessero cambiate i progetti servirebbero altri 5 anni. Eike Schmidt fa il punto sui lavori e avverte.

Non si entrerà più dallentrata del loggiato vicina a piazza della Signoria, ma da quella che guarda lArno. Scendendo giù verso le ex scuderie medicee, risalendo nel corridoio che ospiterà le statue dellantichità classica, per poi uscire in piazza del Grano. Gli Uffizi si preparano a una rivoluzione che riguarderà gran parte del modo in cui si attraverserà la grande U che compone loriginale architettura vasariana del principale museo italiano. Ma cè ancora da scigliere il nodo della loggia di Isozaki. Ci sarà un nuovo ampio ristorante che prenderà il posto delle ex Reali Poste e le cucine che sorgeranno sul lato di via dei Georgofili. E un doppio sistema di collegamenti verticali scale e ascensori che coprirà entrambe le ali del museo: dal 2024 non sarà più necessario tornare indietro sui propri passi, una volta conclusa la visita, per guadagnare luscita. Era un aspetto su cui sentivamo particolarmente il bisogno di intervenire ha spiegato Francesco Fortino, architetto in forze alla soprintendenza, responsabile del cantiere dei Nuovi Uffizi.

Il cantiere promette il direttore Eike Schmidt vedrà la fine appunto il 2024. Per completare la prima metà dei lavori ci sono voluti 10 anni, per la prossima metà ce ne vorranno meno di 5: siamo al 60% del percorso. all80 per quanto riguarda i lavori alla parte espositiva. Rimane aperta la questione della loggia di Isozaki: nessun passo avanti ma se arrivassero le autorizzazioni del ministero saremmo in tempo per completare la loggia prima del 2024. Senza loggia rimarrebbe un gran buco e nessuno lo vuole. Un piano B significherebbe un rallentamento di non meno di 5 anni e credo che nessun fiorentino voglia vedere le gru fino al 2030.

Ora i lavori investiranno lala di levante composta a maggioranza da locali tecnici e in un secondo momento, a ponente, sorgerà il nuovo bookshop con 12 sale espositive. La sfida principale specifica Fortino era migliorare gli impianti, trovare i punti dove passare con cavi e tubi è stato difficile. Ieri sono giunti in visita al cantiere esponenti politici comunali e regionali di tutti gli schieramenti: Da tempo ci chiedevano perché ci sono ancora le gru commenta il soprintendente Andrea Pessina Era giunto il momento di far vedere loro cosa stiamo facendo. Il cantiere ora si allarga andando a comprendere il Corridoio Vasariano, pronto nel 2021, fino al Giardino di Boboli. Le scuderie non erano mai state oggetto di visita. E sono particolarmente interessanti perché conservano i segni visibili del passaggio di cavalli e stallieri dai tempi dei duchi fiorentini. Inizialmente Schmidt voleva portare lì la parte archeologica. Poi ha capito che lambiente sotterraneo non era adatto, sarebbe stato necessario intervenire in modo invasivo. Siamo partiti dallanalisi dei percorsi prosegue Fortino La scelta di usare le poste per il ristorante è dovuta alla grande domanda che rimane inevasa con il solo bar della terrazza.

Schmidt ha spiegato che è già tutto finanziato: nel 2015 abbiamo ricevuto 18 milioni ai quali vengono aggiunti 30 dei 40 dallo stralcio cultura e turismo del 2016. Gli altri 10 milioni serviranno al Vasariano. Alla fine il museo passerà da 6 mila a 12 mila metri quadrati di spazi espositivi e la capacità di accoglienza dei visitatori aumenterà da 900 a 1200.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news