LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rovereto. Mart, seimila ingressi in meno
Annalia Dongilli
Corriere del Trentino 26/2/2019

Il Rapporto Lo stato di salute dei musei. Tengono Muse e Buonconsiglio, bene il Diocesano. Lesperto: serve qualità
Lanno scorso registrato un meno 4,5%, ma rispetto al 2010 il calo è stato di 91.000 persone

È del 4,5 per cento il calo dei visitatori del Mart di Trento e Rovereto denunciato dallassessore Mirko Bisesti. Si tratta di 6.098 visitatori in meno. Stazionari invece gli ingressi al Muse, che per il 2019 punta sul nuovo planetario, e Buonconsiglio. Male Castel Thun. Pier Luigi Sacco, direttore dellIrvapp: Gli ingressi sono importanti, ma conta anche la qualità.


TRENTO. Lassessore alla cultura Mirko Bisesti lo aveva detto alla commissione provinciale competente: i dati degli ingressi al Mart sono in calo. E in effetti i numeri gli danno ragione, almeno da un punto di vista meramente matematico: nel 2018 il museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto ha totalizzato, nelle tre sedi del museo, Casa Depero e Galleria Civica, 134.990 ingressi, il 4,5 per cento in meno del 2017 quando si parlava di 141.088 visitatori. Luci ed ombre si registrano in tutto il sistema museale trentino.

Il Mart
Sotto la cupola di Mario Botta è qualche anno che si fatica a far lievitare i numeri. In passato è stato detto che le cifre dellera Belli fossero fuori scala per il tipo di mostre realizzate, sicuramente di grande impatto e valore ma altrettanto costose, inconciliabili con i bilanci più magri di oggi. Quindi la decisione di puntare sulla qualità ma a costi più contenuti: che però fatica a pagare in termini numerici. Il Mart registra infatti una leggera ma costante emorragia di visitatori; erano 232.140 nel 2010, 145.797 nel 2015, 153.106 nel 2016 per scendere ancora a 141.088 nel 2017. Lo scorso anno la perdita è più contenuta, ma rimane: ci si ferma a 134.990 accessi, il 4,5 per cento in meno pari a 6.098 persone. Cifre che richiedono, secondo la nuova giunta targata centrodestra, un cambio di rotta: e di qui, lo ha detto lo stesso Bisesti in commissione, la decisione di nominare Vittorio Sgarbi alla presidenza del Mart per rilanciare listituzione culturale.
Gli altri musei

In generale tutto il panorama museale del Trentino registra luci e ombre. I dati riguardanti il Muse sarebbero da record ma in realtà il grosso incremento è legato come spiega il direttore Michele Lanzinger a un diverso criterio di calcolo: dal 2018 conteggiamo separatamente visite e laboratori e altre attività, per cui se una persona entra al museo e poi fa due attività contiamo non uno ma 3 ingressi. Il numero di visitatori per noi è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2017, mentre dei miglioramenti li abbiamo nelle sedi periferiche, come il Museo dellaeronautica Caproni e il museo geologico di Predazzo. La cifra dunque di 483.433 ingressi nella sola sede cittadina del Muse va presa con le pinze: i visitatori reali entrati dalle porte della struttura realizzata da Renzo Piano sono circa 370mila, tanti quanti nel 2017. Numeri che potrebbero però alzarsi nel 2019 con lapertura, in primavera, di Muse H20, un planetario che avrà la forma di una molecola di acqua caratterizzato da tre sfere, una grande, lOssigeno, che ospiterà un teatro digitale con proiezioni sferiche e 80 sedute, e due più piccole, lidrogeno.

Migliora i propri standard il Museo Diocesano tridentino diretto da Domenica Primerano: nel 2018 gli utenti sono stati 51.893, un 9,3 per cento in più del 2017 quando si erano arrestati a 47.025. Si tratta, a ben guardare, di una delle migliori performance di sempre per listituzione diocesana, che, stando al report pubblicato di recente, ha visto anche 12.340 partecipanti alle attività educative e ben 143 eventi collaterali alle 5 iniziative espositive organizzate.

Alti e bassi li registra anche linsieme dei castelli gestiti dal castello del Buonconsiglio: il castello della città registra un leggerissimo incremento, pari a circa 300 unità (0,19 per cento in più) passando da 159.108 visitatori a 159.410 visitatori. Meno bene va Castel Thun, che dopo lexploit del primo anno (nel 2010 ebbe ben 147.323 ingressi) negli anni seguenti oscillava tra i 73mila e i 78mila estimatori annui. Questanno si è però fermato a 70mila. In rosso anche Castel Beseno: il maniero che si affaccia sulla valle dellAdige perde il 2,8 per cento di visitatori, mentre in recupero cè Castel Stenico con un incremento del 2,5 per cento.

Il fattore prezzo
Da segnalare che il maggior numero di ingressi si registra, forse ovviamente, nella prima domenica del mese, ossia nel giorno in cui i musei aprono le proprie porte a tutti gratuitamente. Che quindi il costo del biglietto possa incidere sulle scelte dei visitatori di fare o meno una visita al museo è un elemento che il mondo politico dovrà probabilmente tenere in considerazione. Intanto nei prossimi giorni la giunta provinciale dovrebbe sciogliere le riserve sui nomi dei futuri componenti dei consigli di amministrazione dei principali musei, tra cui Mart e Muse.




news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news