LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Provincia di Firenze. Seconda chance cercasi per 143 aree dismesse
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 23/2/2019

Ci sono 143 aree dismesse in tutta la provincia di Firenze, che raccontano un passato industriale finito e sui quali si può costruire il futuro di tante città. Soprattutto se lattrattività del capoluogo porterà investitori pronti a trasformare questi luoghi, con una superficie pari a 4.800 campi di calcio, 420 ettari.

Se lattrattività del capoluogo fosse trasferita in tutta la provincia, un intero territorio potrebbe cambiare volto. Perché nella sola provincia di Firenze, ci sono terreni pari a 4.800 campi di calcio che attendono una nuova vita. Vecchie cartiere, vetrerie, aziende chimiche. Luoghi dove si produceva dinamite, sigari, concimi: abbandonati a volte da più di mezzo secolo. Sono le aree dismesse censite dalla Città metropolitana in uno studio realizzato da Claudio Saragosa, Iacopo Bernetti e Giacomo Rossi. Partono dal racconto del passato industriale del nostro territorio, per cercare di immaginare un futuro.
I numeri

Si tratta di 420 ettari divisi in 143 aree. Ci sono, spiegano i ricercatori, circa 26 aree dismesse di medio-grande dimensione, che vanno dai 5 ai 15 ettari, mentre sono 50 le aree dismesse la cui superficie oscilla tra 1 e 5 ettari. Le aree dismesse di piccola dimensione, superiori a 2.000 mq ed inferiori ad 1 ettaro, sono invece 66. Tutte queste 143 aree sono per lo più distribuite lungo le principali direttrici di sviluppo urbano, che complessivamente occupano una superficie pari a circa 420 ettari.
Il futuro

Lo studio censisce non solo le aree, ma anche lo stato dellarte. Cioè cosa sta succedendo, dal punto di vista delle scelte politiche e del ruolo dei privati (principalmente, sono in mano ad aziende e società), con complessità enormi, a partire dai costi di bonifica. Eppure la presenza di questi spazi è unopportunità, e qui dovrebbe concentrarsi lo sforzo degli strumenti urbanistici. Anche perché si ricorda che tendenzialmente, la pianificazione indirizza gli interventi di riqualificazione urbana sui siti dismessi da alcune decine di anni e, soprattutto per i siti con un passato produttivo, gli eventuali costi di bonifica, rallentano od ostacolano del tutto i processi di trasformazione. Ma il fenomeno legato alla dismissione ed allabbandono, tuttavia, non è storico in quanto è tuttora in corso unulteriore fase di deindustrializzazione dovuta al succedersi delle crisi internazionali, che inevitabilmente creerà nuove aree dismesse.
Le esperienze estere

Lobiettivo è quello di usare queste aree per arrestare il consumo di suolo, rigenerare pezzi di territorio e di città, inventarsi anche un futuro: se non produttivo, di sviluppo. E per farlo, Saragosa ed i suoi collaboratori provano anche a far capire che è possibile fare interventi belli, rigenerativi, importanti, snocciolando i migliori esempi del caso a livello europeo, dai Docklands di Londra, al porto occidentale di Malmoe, fino al Parco Dora a Torino ed al Quartiere Le Albere a Trento. Ma per fare questo, occorrono anche ingenti investimenti pubblici: come raccontano invece alcuni dei principali interventi in città, dal Palazzo della Ferrovie in Lavagnini a Costa San Giorgio, gli investitori privati puntano sullaccoglienza, giovane o di lusso. Con scarsi effetti sulla vita dei residenti.
Il passato scomparso

La ricerca però ci dice di più: racconta un passato industriale eccelso, forte, ormai scomparso. Investimenti a volte azzardati ma efficaci. Avevamo uno dei poli più importanti del vetro a Empoli. Producevamo prima dinamite, poi facevamo sperimentazione chimia con la Montecatini a Signa. Alle Sieci, negli anni 20, oltre 400 dipendenti esportavano le Ceramiche Brunelleschi in mezzo mondo, portando con se il nome di una delle icone del nostro Rinascimento. A Castelfiorentino cera la produzione di zucchero del centro Italia. Industrie battute dalla competizione globale, dal cambio dei mercati, dallabbandono delle attività agricole, dal non aver investito in ricerca e sviluppo. Ma anche dallalluvione: quella del 66 colpì le Ceramiche Fanciullacci a Montelupo Fiorentino, che dopo alti e bassi non riuscirono più a camminare sulla loro gambe. E, casi più noti ma non meno importanti, a Firenze cera lavionica della Fiat a Novoli, le fonderie della Pignone: in questo caso, però, la rigenerazione urbana, si è già compiuta. Ma ci sono altre 143 storie da riscrivere.
Cosa si muove

Tra le 143 aree, ci sono buchi neri, o vuoti, storici. Uno enorme, larea ex Nobel a Signa, grande come una città abbandonata: È stato presentato un nuovo progetto, da una società americana, ci vuole fare cinema, alberghi e negozi spiega il sindaco Alberto Cristianini. Pare il prezzo sia intorno ai 13 miloni di euro) ma soprattutto va trovato chi investe: ci vorranno centinaia di milioni.

A Scandicci, per il Palazzaccio ci sono grandi firme interessate, ma occorre che il governo si assuma la responsabilità di trovare una soluzione per rendere loperazione possibile, dice il sindaco Sandro Fallani. Più difficile il recupero dellex Zuccherificio Granaiolo a Castelfiorentino: Larea è privata, ha bisogno di un investimento consistente spiega il sindaco Alessio Falorni almeno 20 milioni di euro. Ma con quale scopo? Recuperando larcheologia industriale, anche a scopo produttivo, è convinto Falorni, perché il fatto che ci sia lo sbocco della statale 429 ci può davvero dare una mano.




news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news