LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Intorno al prestito di un Caravaggio
Andrea Viliani
Corriere del Mezzogiorno - Campania 24/2/2019

Nel dire sì, o no, a un prestito, fra le tante condizioni sarebbe prioritario verificare se tale richiesta si inserisca in un preciso metodo di lavoro e quindi nella strategia culturale che ne è alla base.
E, per mia esperienza, questo metodo esiste oggi a Napoli, e anzi andrebbe applicato in maniera sempre più sistematica. In questi anni, infatti, le istituzioni culturali campane hanno messo a punto un metodo basato sulla condivisione di progetti espositivi, editoriali e didattici e sullinterscambio di buone pratiche amministrative.

È un metodo che sta permettendo di attivare la perdurante attualità del patrimonio culturale della Campania Felix, a partire delle molteplici connessioni disciplinari presenti nella rete delle sue infrastrutture museali, e di delineare un sistema integrato anche in funzione dellofferta formativa e turistica. Ne sono risultate mostre che non sarebbero state altrimenti possibili, ma anche, per esempio, linclusione di opere darte antica e moderna nelle mostre personali dedicate dal Madre a tre fra i più importanti fotografi contemporanei lucraino Boris Mikhailov, litaliano Mimmo Jodice e lamericano Robert Mapplethorpe: autori che con sensibilità e modalità differenti hanno intrattenuto una loro personalissima relazione con gli archetipi stessi della storia dellarte evocando nel museo reale i loro musei ipotetici.

La Campania e Napoli non scoprono ora, per altro, questo metodo di lavoro (ricordiamo, fra le tante, la straordinaria mostra di Louise Bourgeois organizzata da Nicola Spinosa a Capodimonte nel 2008 e lomaggio che lo stesso museo le ha reso nel 2017 nellIncontro Sensibile con Guarino): ed è quindi nostro compito continuare a applicare e implementare questo metodo, che non abbiamo inventato ma che, altresì, non dovremmo disattendere.

Lo sforzo di chi organizza una mostra è senzaltro quello di evitare ogni banalizzazione in modo da poter fornire, a partire dalla ricerca eseguita, le condizioni per inediti percorsi simbolici. Condizioni che in questi anni sono state sempre di più perseguite, dando pieno senso a questo metodo, grazie alla scrupolosa, e direi quotidiana, collaborazione fra musei come, tra gli altri, Mann, Parco Archeologico di Pompei, Paestum, Reggia di Caserta, Polo Museale della Campania, il comitato di Via Duomo.

La Strada dei musei, Università, Archivi, Biblioteche, Fondazioni private. Con la garanzia di una disponibilità economica e di una regia sempre attenta della nostra Regione. Il Museo e Real Bosco di Capodimonte è stato costante e nevralgico co-autore nella messa a punto di questo metodo, che ha al centro una politica responsabile ma anche prospettica dei prestiti, salvaguardando le esigenze di tutela ma definendo insieme una visione complessiva e di futuro. Di cui il nostro patrimonio pubblico ha altrettanto bisogno se vogliamo non solo preservarlo ma affidarlo denso di tutte le sue implicazioni e cogliendone tutte le sue potenzialità alle prossime generazioni. Spesso queste opere sono state oggetto di nuovi studi e restauri o hanno previsto debite compensazioni o lapplicazione di una politica di reciprocità. Ma sopratutto sono poi tornate alle loro sedi originarie con laggiunta di uno sguardo altro a volte sorprendente, quale quello degli artisti contemporanei che proprio le mostre in cui le opere in prestito sono state esposte hanno permesso di generare e di condividere con migliaia di visitatori. La Danae di Tiziano riletta da John Armleder e accompagnata dalla realizzazione di una nuova opera per la collezione di Capodimonte; il prestito delle eruzioni di Volaire, Toma o Warhol in dialogo con i frammenti provenienti pompeiani, in Pompei@Madre. Materia Archeologica, che ha permesso lavvio delle Pompeii Commissions, commissione di nuove opere darte generate dal patrimonio archeologico che giace, non esposto e non studiato, nei nostri magazzini. Esempi, appunto, delle opportunità aperte da questo metodo, che pochi altri territori potranno mai avere lonore e lonere di sperimentare, e quindi non omologato. La cultura del Grand Tour è ancora questa: fornire al mondo nuove sollecitazioni, agendo nel nostro presente a partire dal nostro passato.

Per questo ritengo che la valutazione del prestito di unopera come Le Sette Opere della Misericordia di Caravaggio andrebbe inserito anche nel più ampio contesto del metodo di lavoro sinergico e quindi della strategia culturale qui descritti. Per altro siamo al cospetto di unopera a suo modo già concettuale, e quindi di preveggente contemporaneità, ogni anno posta in confronto dinamico con nuove opere darte in un esemplare progetto a cura di Mario Codognato. E forse andrebbe anche considerata la linea di ricerca scientifica perseguita dal Museo di Capodimonte in questi anni: mostre focalizzate sul rapporto che il museo ha con la sua storia, le sue collezioni, le sue molteplici identità, alcune delle quali da puntualizzare altre addirittura da riscoprire (Depositi. Storie ancora da scrivere) o sul rapporto degli artisti con lo scenario della cultura partenopea (Picasso a Napoli. Parade). Non mostre enciclopediche per lorganizzazione delle quali i budget sono vertiginosamente aumentati in linea con le esigenze di un sistema dellarte sempre più professionalizzato ma che riscoprono quel patrimonio che è di fronte ai nostri occhi, meraviglioso e inesauribile, soprattutto in una città-mondo come Napoli e in una regione come la Campania con i suoi trenta secoli di contemporaneità. Un patrimonio che, per altro, a molti è ancora ignoto: soprattutto ai più giovani o ai tanti concittadini che raramente ritengono di poter essere turisti a casa propria. Un patrimonio che, lavorando insieme, potremo invece far conoscere anche a loro e nello stesso tempo ri-conoscere noi, custodi ma anche interpreti, ognuno a suo modo, e ogni giorno.




news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news