LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Giovara, le Fondazioni e gli assessori esterni
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 21/2/2019

Di per sé, la mozione presentata qualche giorno fa dal consigliere Cinquestelle (e presidente della Commissione cultura) Massimo Giovara, non propone nulla di particolarmente nuovo: chiede che il Comune induca le Fondazioni culturali di cui è socio a sostenere e promuovere le energie artistiche torinesi. Detta così, basterebbe invitare Giovara a scoprire quanto quelle Fondazioni dallo Stabile al Museo del Cinema, dal Teatro Ragazzi alla Film Commission già oggi fanno per creare (cito dalla mozione) occasioni di lavoro in ambito culturale e di promozione della creatività in generale che spontaneamente nascono dal territorio. Questo già succede regolarmente, e Giovara che di mestiere fa lattore dovrebbe saperlo, almeno per esperienza personale. Ma Giovara apre la sua mozione citando le promesse elettorali di Chiarabella, ovvero quegli obiettivi che, in materia di cultura, non mi sembrano ancora del tutto raggiunti. Si direbbe quasi che miri a scaricare direttamente sulle Fondazioni culturali la realizzazione del programma politico dellamministrazione comunale.

In tal caso mi corre lobbligo di ricordare sommessamente che le Fondazioni non sono enti strumentali di Palazzo Civico. Non esistono per assecondare le volontà della politica. Con ununica eccezione: la Fondazione Cultura, nata proprio per organizzare le manifestazioni direttamente volute e ideate dallamministrazione torinese, tipo il Festival Jazz, o Biennale Democrazia. Non a caso è lunica Fondazione culturale partecipata e finanziata esclusivamente dal Comune di Torino. Tutte le altre hanno altri soci: almeno la Regione e una o entrambe le Fondazioni bancarie. Spesso il Comune è un partner minoritario, nel senso che paga meno degli altri. Ripeto: non mi pare proprio che le Fondazioni ignorino e non offrano opportunità alle famose risorse locali. Ma ogni istituzione culturale ha una mission sua propria. Luniversità ha obiettivi diversi dallasilo, così come ad esempio un teatro nazionale non è prioritariamente tenuto a dare una chance a giovani promesse e vecchi irrealizzati: sebbene lo Stabile lo faccia, almeno per quanto riguarda le giovani promesse. Ma esistono altri livelli, altri spazi per far crescere gli esordienti: se il potere ci tiene, sostenga faccio un altro esempio le realtà come Piemonte Movie, che fanno emergere i nostri nuovi talenti cinematografici, anziché imporre al Museo del Cinema di programmare tra una rassegna su Pabst e una su Dreyer le opere di Ciccillo il bravo videomaker di barriera. Il contesto è tutto: e fuori contesto le quote calate dallalto diventano riserve indiane fini a se stesse e disertate dal pubblico.

Qualcuno potrebbe insinuare che in concreto la mozione Giovara delinei una presa di potere della politica sulla cultura, con un sindaco che impone i cantanti al Regio e gli attori allo Stabile; che decide quali mostre si fanno a Palazzo Madama o quali spettacoli mette in scena il TPE; che dice al Museo del Cinema quali pellicole proiettare o a Film Commission quali produzioni sostenere. Ciò significherebbe una sorta di MinCulPop 2.0; o più modestamente un ente benefico (volgarmente detto greppia) per sedicenti artisti incompresi. Di sicuro non è questa lintenzione di Giovara, il ciel mi scampi da simili retropensieri: egli stesso, nella mozione, garantisce il rispetto dei margini di autonomia nelle scelte di tipo artistico e scientifico. E meno male.

Mi preme però di ricordare che lunico rapporto sano fra la politica e la cultura è quello nel quale la politica nel nostro caso Regione e Comune finanzia le Fondazioni culturali e, tramite i propri rappresentanti nei Consigli damministrazione, ne sorveglia lattività amministrativa, lasciando ai direttori artistici non i margini di autonomia, bensì la completa libertà sui contenuti: compresa la scelta di chi scritturare e chi no. Senza bandi: recitare Amleto non è un impiego al catasto. Se poi devo dire come la vedo io, sono dellidea che la mozione Giovara sia in realtà unaltra puntata della resa dei conti fra i consiglieri Cinquestelle e gli assessori esterni al Movimento. Giovara da tempo è nei fatti lassessore supplente alla Cultura: ha eclissato levanescente Francesca Leon; le ha scelto il direttore di Torino Jazz Festival; le ha dettato la linea sul Regio; laffianca in incontri e trattative; e piazzatosi alla presidenza della Commissione cultura ha rimesso in discussione laccordo sulla nuova Fondazione Torino Piemonte Musei che la povera Leon aveva imbastito con la Regione. Ma cè di più: tra le righe della sua mozione Giovara richiama bruscamente la giunta agli obiettivi in campo culturale sottoscritti da Appendino in campagna elettorale. Questo è un richiamo allortodossia per Chiarabella. Non solo un avviso di sfratto a un assessore in bilico.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news