LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Ravasi non arretra sulle Catacombe: regole da rispettare
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/2/2019

In molti ieri mattina nellaula magna della Federico II attendevano larrivo del cardinale Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della cultura. Ma tra loro non cera alcun rappresentante della Curia napoletana, né don Antonio Loffredo. Sulle catacombe Ravasi ha detto: troveremo una soluzione però le regole vanno rispettate.

Napoli. In molti ieri mattina nellaula magna della Federico II attendevano larrivo del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della cultura. Ma tra loro non cera alcun rappresentante della Curia napoletana, nè tantomeno padre Antonio Loffredo o i ragazzi della Paranza del Rione Sanità che da anni gestiscono le catacombe di San Gennaro.

Loccasione era il convegno Homo Sum, molteplicità dei saperi e unicità dei fini a cui era presente anche il rettore Gaetano Manfredi.

In molti speravano che fosse loccasione per un chiarimento sulla questione Catacombe. Nei mesi scorsi la Santa sede aveva chiesto, proprio attraverso Ravasi, che la convenzione per il sito della Sanità venisse adeguata a quella delle altre aree monumentali in Italia (il 50 per cento degli introiti e regole dettate dal Vaticano). La Santa sede poi si era affrettata a smentire le voci su una presunta richiesta di arretrati alla cooperativa la Paranza per 700 mila euro.

Ieri mattina le assenze hanno fatto capire che la soluzione è ancora lontana dallessere trovata. Nonostante le parole di Ravasi che sembrano tranquillizzare tutti. Stiamo lavorando con la diocesi di Napoli - ha detto il cardinale - tenendo conto che per la legge italiana le catacombe di San Gennaro e San Gaudioso sono di competenza della Santa sede. Ma dal presidente del Pontificio consiglio della Cultura è anche giunto un messaggio chiaro sulla situazione del sito archeologico: quelo delle regole.

Il cardinale ha spiegato di non avere in programma alcun incontro con i giovani della cooperativa, né con larcivescovo Crescenzio Sepe. I due prelati si erano visti a novembre per discutere del rinnovo della convenzione per la gestione delle catacombe. Questa volta non incontrerò i ragazzi della cooperativa - ha detto Ravasi - stiamo lavorando positivamente a riguardo con la diocesi di Napoli affinché lesperienza continui secondo le regole, tenendo conto che le catacombe per la legge italiana, in particolare per il Concordato del 1984, sono di competenza della Santa sede. Al termine dellincontro Ravasi ha assicurato più volte che la questione si risolverà e si è detto certo che questa esperienza positiva potrà continuare ma, ha chiarito con fermezza che la questione va valutata nel complesso e questa esperienza devessere inserita nellambito delle regole, come avviene per tutte le altre catacombe.

Ma cè tempo. La convenzione tra la curia di Napoli e la cooperativa La Paranza non scade questanno, ma nel luglio 2020 e fino ad allora tantissimi scenari possono ancora cambiare. Fino a questo momento nessuna proposta ufficiale è giunta dalla Santa sede ai ragazzi della Paranza che continuano il loro lavoro che ha portato il sito della Sanità ad essere uno dei più visitati di Napoli: 150 mila turisti nel 2018.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news