LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. La città si difende con la memoria. E col buon senso
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 6/2/2019

Non si ferma un cambiamento epocale bloccando i cambi di destinazione dei negozi. Ma è un fatto necessario, oltre che positivo, per difendere lidentità di una città. Reagisce così il sociologo e urbanista Giandomenico Amendola alla scelta del Comune di Firenze di porre vincoli di salvaguardia sui negozi storici.

Professore, quindi la scelta di Palazzo Vecchio non è sbagliata.

Tuttaltro. In Europa lo si fa ovunque, dal Portogallo allUngheria. Negli Usa si difendono persino i caselli autostradali. Noi tendiamo a confondere storia con memoria. La storia la fanno gli storici. La memoria è quella della gente. È un errore considerare queste operazioni una banalità: i negozi sono elementi di identità delle persone. Se torni nel vecchio quartiere e non trovi più nulla del passato, la tua identità muore.

Un po come il ragazzo della via Gluck, insomma.

Sì: ma per Firenze è ancora più importante perché la città ha già avuto stravolgimenti incredibili. Senza memoria non cè identità, e i negozi sono ancora oggi memoria. E lo sono sia icone come Rivoire che il verduraio, anche se il primo è un attrattore turistico. Non cè una vera antitesi tra le due esigenze. Non è un caso che quando i negozi scompaiono, si ricostruisce tutto ad hoc.

Come succede in alcuni mall e centri commerciali...

Esattamente: sa che la strada principale della prima Disneyland fu ricostruita identica a quella della città natale di Walt Disney, Marceline, in Missouri?.

Bloccare il cambio di attività in questi negozi però, sostengono anche alcuni architetti, significa imbalsamare una città.

Questo è un rischio e va bilanciato col buon senso. Ma il vero problema è la città monoculturale. Mi preoccupa più altro: prima a gestire i ristoranti, i bar, erano le famiglie fiorentine. Oggi non è più così: si reggono sulle grandi catene.

Firenze non corre il rischio di diventare, nonostante questi paletti, una città massificata e globalizzata? Non siamo partiti tardi?

Nel momento in cui cè una domanda ed unofferta, dai tempi di Smith e Ricardo, lofferta andrà dietro alla domanda. Se la domanda è turistica, si va dietro questa. Attenzione, però: il turista non cerca più il David, ma una esperienza turistica. E Firenze ha una storia che la rende capace di produrre una fascia enorme di esperienze. Dai luoghi di Hannibal al ricordo del Grand Tour: ma qualcuno propone lesperienza di San Frediano?.

Lei mi pare pessimista: non ci sono metodi per arginare questi fenomeni?

Non ci sono ricette. La città cambia continuamente con spinte in tensione tra di loro. Cambiano tecnologie, mezzi di trasporto, la base produttiva, lanima delle persone. Il Palazzo della Signoria non può cambiare, ma cambia la domanda di esperienza in quella piazza. La vera dannazione di Firenze è, purtroppo, che è piccolissima. Altre città riescono a dislocare questi flussi. Ma il cambiamento è nei particolari: se nei vecchi appartamenti del centro la sovrintendenza non concede ristrutturazioni con ascensori, gli anziani e chi cerca case di standard alto non abiterà più, andrà a vivere fuori, affittandoli ai turisti. Ecco, quando parlo di buon senso intendo questo. E se oggi si può intervenire così, domani chissà quale altra soluzione andrà trovata: la città è un processo.



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news