LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Griglie al Plebiscito, prove di mediazione per evitare la battaglia al Consiglio di Stato
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/2/2019

I comitati propongono le grate appena fuori dalla piazza. Il ministro Bonisoli venerdì al Mann

Napoli. La terza via, quella politica mai trovata nellepoca dei blocchi contrapposti tra capitalismo e comunismo, potrebbe essere individuata ai confini di piazza del Plebiscito. Luovo di Colombo è di spostare dieci passi più in là le grate della Linea 6 del metrò e sistemarle appena fuori la catena che delimita lantico Largo di Palazzo e che costeggia ledificio della Prefettura. Le griglie non sarebbero più quadrate ma rettangolari e formalmente verrebbero a trovarsi fuori dalla zona vincolata.

Meno di dieci metri per riprendere i lavori senza la spada di Damocle del ricorso del ministero dei Beni Culturali al Consiglio di Stato. Cosa che allungherebbe a dismisura i tempi e bloccherebbe per altri mesi il cantiere.

Inoltre il ricorso al Consiglio di Stato potrebbe portare alla richiesta di approfondimenti sui progetti, sul perché manca la Via (Valutazione di impatto ambientale) che sarebbe stata rubata dagli schedari qualche anno fa. E poi la legittimità riguardo la competenza territoriale del Tar Campania a giudicare sullordinanza del Mibact, e tanto altro ancora. Inoltre, proprio su Piazza del Plebiscito cè una sentenza del Consiglio di Stato datata 27 luglio 2015, in cui si annullava la decisione del Tar della Campania che aveva dato ragione al Comune contro il vincolo culturale indiretto stabilito dal ministero sulla piazza. Nella sentenza il Consiglio attribuiva al Mibact la facoltà di prescrivere le distanze, le misure e le altre norme dirette ad evitare che sia messa in pericolo lintegrità dei beni culturali immobili, ne sia danneggiata la prospettiva o la luce o ne siano alterate le condizioni di ambiente e di decoro. Un precedente.

Tutte queste ragioni conducono oggi a cercare la terza via in maniera molto ufficiosa. Ieri mattina i Comitati e lassessore Calabrese si sono ritrovati a pochi metri di distanza nel cantiere del Plebiscito. Non si sono parlati. Qualche scambio di pareri è stato fatto più tardi su Facebook, sulla pagina Democratici oltre. In questo botta e risposta lavvocato Gaetano Brancaccio ha illustrato il progetto con tanto di foto. In questo clima di possibile contenzioso giudiziario - scrive Brancaccio - che potrebbe durare diversi mesi o addirittura anni, ci sentiamo di ribadire la proposta formulata nelle settimane scorse dalla rete di Associazioni Insieme per Napoli , proposta chiamata dieci passi. Questa soluzione, prevede lo spostamento delle griglie di 10 passi, pochi metri, ma fuori dallarea vincolata. Una soluzione che, se accettata dal Comune, potrebbe trovare il consenso del Mibact che, a sua volta, fermerebbe il ricorso al Consiglio di Stato permettendo la ripresa immediata dei lavori.

Ma cè unaltra ala dei Comitati che non condivide la mediazione ed è per il blocco totale del progetto. Con loro anche gli intellettuali come Marta Herling, Tomaso Montanari e i parlamentari Cinque Stelle Rina De Lorenzo e Franco Ortolani. La verità - spiega Francesco de Notaris, coordinatore delle Assise - è che le griglie sono un falso problema. Quello reale è limpatto ambientale che gli scavi in cavità non censite come è stato scritto nel progetto, possono provocare in superficie. Spostare le griglie dieci metri in qua o in à non cambia nulla. Il tunnel sempre lì sotto passa. Presto ci riuniremo come Assise per affrontare il problema. Insomma, il progetto per loro va bloccato completamente perché, come ha spiegato Rina De Lorenzo, le vibrazioni metterebbero a rischio il colonnato e i palazzi in superficie.

E sul fronte dei finanziamenti europei? La Commissione Ue prende nota della decisione del Tribunale amministrativo della Regione Campania ma, come sempre, non commenta sentenze nazionali o regionali. Reiteriamo limportanza del completamento di questo progetto finanziato dalla politica di coesione europea, del quale beneficeranno Napoli e i suoi abitanti. In ballo ci sono i 98 milioni di risorse europee già stanziate per il completamento della tratta. Il 25 gennaio, una delegazione della Commissione Ue era stata a Napoli. Preso atto dei ritardi, lesecutivo si era mostrato disponibile a trovare un accordo per evitare la perdita di risorse, ma chiedeva la ripresa del cantiere della linea 6. Un nuovo incontro è previsto a marzo.

Intanto, venerdì è atteso a Napoli il ministro Bonisoli, per un tour dal Mann a Capodimonte. Potrebbe essere loccasione giusta per qualche chiarimento sul Plebiscito.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news