LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dolomiti sito dell'Unesco, pronta la richiesta
IL GAZZETTINO 30-AGO-2005



Belluno
Con il piano di gestione stato messo l'ultimo tassello alla candidatura delle Dolomiti a 41. 6ito Unesco italiano. Ieri stato inviato a tutti i Comuni delle Province interessate: Belluno, Bolzano, Trento, Udine e Pordenone. Avranno otto giorni di tempo per presentare eventuali osservazioni. Unico Comune bellunese che ha espresso ufficialmente il suo no all'ingresso nell'Unesco, quello di Vodo di Cadore, area nella quale ricadono in parte gioielli del calibro del Pelmo e dell'Antelao. Il dissenso stato superato alzando la perimetrazione a quota 1600 metri, ovvero laddove scatta il vincolo della legge Galasso che sottrae il territorio a ogni forma urbanistica.
Entro il 20 settembre, unitamente al dossier che identifica le aree da dichiarare patrimonio dell'umanit, il piano di gestione dovr partire per Parigi, dove ha sede la Commissione che valuter la candidatura. Il verdetto, qualora la valutazione fosse positiva, atteso per l'inizio del 2007. Nel frattempo, sulle Dolomiti, giungeranno i commissari per osservare in presa diretta le leggendarie guglie di dolomia. Nella perimetrazione rientrano oltre ai Parchi naturali, perle quali le Tre Cime, i Cadmi di Misurina, il Pramper, il Bosco Nero, le sorgenti del Piave, le Pale di San Lucano, il Pelmo, l'Antelao, la Civetta, il Sorapis e altre vette di un arco alpino che gi in passato aveva tentato di entrare in blocco nel prestigioso albo Unesco. Poi la proposta era naufragata nelle difficolt legate alla necessit di un'azione transfrontaliera. Oggi la proposta ritorna alla ribalta, chiamando le Dolomiti a fare da apripista con l'obiettivo di arrivare a proteggere tutte le Alpi.
Con le isole Eolie, uniche a essere inserite nell'olimpo di ci che l'umanit si impegna a conservare e tramandare alle generazioni future, i Monti Pallidi si apprestano a essere il secondo sottoposto a tutela per motivi "naturali". Tutti gli altri lo sono per motivi "culturali". Ultima in ordine di tempo la citt di Siracusa, l'altra candidatura italiana assieme alle Dolomiti.
Irma Visalli, consigliere provinciale delegato a seguire i lavori di coordinamento del progetto (Belluno ha infatti la maggior quota di territorio interessato alla protezione Unesco), spiega come il piano non vada ad aggiungere altri vincoli rispetto a quelli gi esistenti. Non da prescrizioni di alcun genere ma fissa tre filoni sui quali agire unitariamente: conservazione, promozione, formazione. Fermo restando che ogni Provincia e Comune continuer ad avere piena autonomia.
Nel dicembre scorso - afferma la Visalli - il ministero dei Beni culturali ci ha interpellato per chiedere se fossimo interessati a procedere per candidare le Dolomiti. La proposta era nata gi diversi anni prima quando era stato presentato il progetto di tutelare tutto l'arco alpino. L'Unesco disse di no, ritenendo l'area troppo vasta.
Ora si riparte dalle Dolomiti. Si tratta di un lavoro immenso che siamo riusciti a svolgere in pochi mesi, cercando sempre di trovare un equilibrio con le esigenze di tutti i soggetti interessati. Stiamo tentando di rispettare tutte le posizioni.
Ma la battaglia si consumata anche contro i timori che con l'ingresso nella galassia Unesco potessero aggiungersi nuovi vincoli di ordine ambientale. In realt - conclude la Visalli - l'Unesco non aggiunge alcun altro vincolo, prende atto solo di quelli esistenti, perch tutte le aree prese in considerazione sono gi sottoposte a forme di tutela. bene anche evidenziare come questo progetto abbiamo aperto una canale per affrontare l'importante questione della gestione delle aree vincolate.
Lauredana Marsiglia



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news