LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Piazza del Plebiscito, le grate e la giusta mediazione
Giovanni Verde
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/2/2019

Per informare correttamente il lettore di una vicenda giudiziaria sarebbe necessario avere a disposizione il fascicolo processuale. Senza di esso, ad esempio, non sono in grado di spiegare perché il Ministero dei beni ambientali e culturali (Mibac) sia intervenuto sullautorizzazione rilasciata dalla Soprintendenza a collocare sul pavimento di piazza Plebiscito la oramai famosa grata di aerazione. Leggo, infatti, che il Mibac ha annullato dufficio il provvedimento autorizzativo, là dove, di regola, tale intervento in autotutela è di competenza della stessa autorità che ha emanato il provvedimento.
Ossia della Soprintendenza. Né mi sembra invocabile il potere del Ministero di sostituirsi allautorità subordinata o di avocare a sé le competenze di questultima, trattandosi di un potere esercitabile soltanto in situazioni durgenza, quali di sicuro non erano presenti nel nostro caso.

Metto, comunque, da parte il dubbio e prendo atto del fatto che il Ministero poteva intervenire. Tuttavia, non è detto che lintervento fosse necessario. Perché il potere di autotutela possa essere esercitato bisogna che latto da annullare sia illegittimo, che vi sia un interesse pubblico che impone lintervento e che lo stesso sia giustificato da una corretta comparazione tra gli interessi coinvolti (che tenga conto, cioè, del rapporto costi-benefici).

In sostanza un annullamento dufficio non è possibile per valutazioni di merito. Di conseguenza, ammesso che il Mibac avesse il potere di annullamento, il giudice amministrativo ha dovuto valutare se lo abbia correttamente esercitato; se cioè il suo sia stato un controllo riguardante lapplicazione delle disposizioni di legge oppure abbia implicato valutazioni di opportunità e di convenienza.

Non ci sono è ovvio disposizioni che dicano se la grata sia lesiva del vincolo che protegge larchitettura complessiva della piazza e la sua identità storico-ambientale. E neppure ha senso richiamare lart. 9 della Costituzione secondo cui la Repubblica tutelail patrimonio storico e artistico della Nazione. Non sono di quelli che leggono la Costituzione a giorni alterni o addirittura soltanto la domenica. Le porto rispetto come al testo che ci ha aiutati a progredire in questi settanta anni della nostra storia in una condizione di accettabile libertà e non apprezzo gli interventi successivi (penso in questi giorni allo scelerato art. 116, introdotto nel 2001, che porterà i cittadini delle Regioni ad essere cittadini italiani più o meno negli stessi termini in cui oggi i cittadini italiani si sentono cittadini europei). E, tuttavia, sono ben lontano dal pensare che le disposizioni della Costituzione non abbiano bisogno delle mediazioni della politica, perché se tutto fosse scritto e stabilito dalla Costituzione e, di conseguenza, se tutto fosse traducibile in diritti ed obblighi, non ci sarebbe spazio per la politica, che è tale perché è materiata di scelte inevitabilmente e necessariamente discrezionali. Ed il Paese finirebbe con lessere governato dai giudici (come sta in qualche modo avvenendo, così scompensando il nostro sistema democratico).

I modi secondo i quali si deve tutelare il nostro patrimonio storico ed artistico non sono, insomma, stabiliti dalla Costituzione, ma sono lasciati a tutti noi, senza predeterminazione di vincoli che ci renderebbero simili a robot programmati, ma non dotati di autonomo pensiero. Il Tar, se bene intendo, ha ritenuto che il Mibac abbia annullato lautorizzazione del Soprintendente per una valutazione di merito e non perché fosse stata violata una qualsiasi disposizione di legge. Il che non gli era consentito.

In unepoca di sovranismi, queste discussioni tecniche appaiono oziose. Il popolo sovrano obietterà, infatti, che i tecnicismi sono coperture prezzolate a protezione di interessi non commendevoli. La grata non si deve mettere perché, per dirla con il Ministero, per bocca del quale parla il popolo sovrano, crea una discontinuità nellassetto della pavimentazione di una piazza che ha assunto per la città di Napoli un pregnante significato identitario e compromette uno spazio urbano figurativamente e dimensionalmente determinato nella prima metà dell800.

Di qui il suggerimento di collocare la grata in piazza Carolina, salvi gli approfondimenti tecnici di indagini archeologiche.

Il popolo sovrano, di cui il Ministro ritiene di essere, secondo lattuale vulgata, portavoce, a questo punto dovrebbe porsi, tuttavia, il problema del rapporto costi-benefici. Al riguardo, posto che la metropolitana deve farsi; che per farla sono stati stanziati 177 milioni di euro, di cui 98 milioni sono di risorse europee; che lo spostamento in piazza Carolina non è sicuro; che esso richiede approfondimenti tecnici e indagini archeologiche; che non si sa quali possano essere i risultati di tali indagini (che, anzi, allo stato sono allarmanti); che piazza Carolina è adiacente a piazza Plebiscito così che comunque ci sarebbe una compromissione di quello che il Mibac definisce pregnante significato identitario (tanto più in quanto piazza Carolina è di dimensioni di gran lunga minori così che la grata salterebbe di più allocchio); che i costi sarebbero destinati a lievitare enormemente e che i tempi si allungherebbero allinfinito; che il finanziamento europeo potrebbe saltare; posto tutto ciò il popolo sovrano (e, quindi, il Ministero che se ne fa portavoce) dovrebbe chiedersi se nel rapporto costo-benefici il gioco, per così dire, valga la candela.

Personalmente sono di quelli che rimpiangono i vagoni della funicolare di un tempo o pensano con malinconia ai tempi in cui si raggiungeva il Vomero con il tram. Mi piego a malincuore alle esigenze dei tempi moderni, che impongono sacrifici, per cui sono costretto ad accettare lidea che le nostre antiche città siano sovrastate da immensi ponti, che le imbruttiscono (e che talvolta crollano). E quando penso alla grata di piazza Plebiscito e alle vicende connesse, che sono ben lontane dallessere concluse (e con limpresa che iscrive di continuo nei registri riserve annotando gli aumenti dei costi), mi sembra che dovremmo tutti fare uso di moderazione. Ci lamentiamo perché il nostro sistema economico è in crisi.

Constatiamo che non siamo in grado di competere con la concorrenza straniera. Ce la prendiamo con il mondo cattivo e soprattutto con lEuropa che non ci vuole bene. Dovremmo cominciare a chiederci se le nostre pretese di avere tutto e il contrario di tutto non siano eccessive (e in termini economici non ci costino, ad esempio, più o meno quanto ci costa la corruzione) e dovremmo, quindi, chiederci in quale misura vicende come quella della grata di piazza Plebiscito (che si aggiunge alle infinite altre oggi in corso) incidano su quei maledetti numerini che contrassegnano il nostro debito pubblico. Dovremmo cominciare a farlo noi, ma soprattutto dovrebbe farlo chi ci governa. Leggo che si potrebbe risolvere il tutto spostando la collocazione della grata nellambito della piazza stessa. Il Mibac approfitti della possibilità di mediazione; rinunci a proseguire per la strada del ricorso ai giudici, che non porta da nessuna parte e aggrava i danni che la collettività già sta pagando.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news