LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Peggy , 40 anni dopo. Karole Vail: Mia nonna ha creato a Venezia uno spazio di libertà
Fabio Bozzato
Corriere del Veneto 19/1/2019

La nonna era una donna schietta, diretta, non amava molto mostrarsi affettuosa. Forse dipendeva da una educazione rigida, chissà. Il ricordo più vivido che ho di lei è quando giravamo in gondola. E stata lultima persona a Venezia ad avere una gondola privata. La nonna in questione è Peggy Guggenheim, scomparsa 40 anni fa e le cui ceneri riposano proprio nel giardino del suo Palazzo Venier dei Leoni. Chi ne parla è Karole Vail: suo padre, Sindbad, era nato dal primo matrimonio della collezionista americana con Laurence Vail. Studi a Londra e a Firenze, storica e curatrice darte, Karole Vail dal 2017 dirige la celebre casa-museo veneziana, che dal 1979, alla scomparsa di Peggy, appartiene alla Solomon R. Guggenheim Foundation.

Che cosa ha convinto sua nonna a trasferirsi a Venezia?

Forse era già venuta da bambina, di sicuro glielha fatta conoscere il marito Laurence Vail. Prima di venire qui, Peggy aveva vissuto ventanni in Europa e poi a New York durante la guerra. In Europa è tornata nel 1947 e lanno dopo è invitata ad esporre la sua collezione alla Biennale di Venezia, con un successo clamoroso. Era completamente affascinata dalla città.

Eppure era anche una città provata, povera, fuori dai grandi circuiti.

Tutta lEuropa usciva dalla guerra. Lei ha portato le novità europee e americane e a sua volta ha incontrato grandi artisti come Santomaso, Vedova, Bacci. La sua presenza in città è stata una ventata di contemporaneo. La sua collezione era già famosa e in tanti venivano a conoscerla.

Aveva rapporti con il mondo accademico?

Non credo e immagino fosse un mondo molto conservatore. Aveva rapporti con singoli, ad esempio con il grande critico Rodolfo Pallucchini o con collezionisti come Carlo Cardazzo, di cui era anche amica, entrambi interessati alle nuove avanguardie.

E come reagiva la Venezia del tempo alla sua presenza?

Peggy portava qualcosa di incredibilmente nuovo: ebrea, americana, con uno stile tutto suo, innamorata del contemporaneo. Molto diversa dal mondo borghese e nobile veneziano che sicuramente la guardava con sospetto. Eppure è riuscita a conquistare tutti: negli anni 50 -60 le sue feste attiravano chiunque, dal mondo dellarte alla politica, gli affari e la cultura. La casa era un punto di riferimento per gay e lesbiche, che lo sentivano come uno spazio di libertà

E per i veneziani più comuni, chi era Peggy? Unamericana stravagante?

Stravagante, sì. Ma vedere ogni giorno questa signora passeggiare con i suoi cani per le calli deve aver creato un rapporto di affetto. Lei apriva la sua casa e il suo giardino a tutti durante la settimana. E questo è stato il suo più grande regalo alla città.

È anche il lascito a chi lha gestita dopo la sua morte.

Sì, credo sia rimasto uno spazio intimo. Questa dimensione di casa-museo è importante, ma non può essere un mausoleo, non possiamo rimanere intrappolati nella storia. Così ha fatto il precedente direttore, e così voglio fare anchio. Deve restare uno spazio vivo.

Il fatto di essere la nipote di Peggy rende più difficile lincarico?

Certo è uno spazio di famiglia, ma io non cho mai vissuto. Mi appartiene fino a un certo punto. Devo andare oltre, devo essere molto obiettiva. So che con quel legame familiare devo farci i conti: ci sarà sempre una sensazione di tenerezza o di critica Ma questo è un museo di tutti, non è mio.

Dai tempi di Peggy, oggi a Venezia ci sono altri collezionisti-mecenati.

Lei è stata una sorta di modello per quello che sarebbe avvenuto molto dopo. Oggi Pinault, Prada e altri hanno collezioni straordinarie, ma sono visioni diverse: lei non voleva essere considerata una gallerista o una mercante darte, ma solo una mecenate. Peggy rimane unica.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news