LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Così abbiamo vinto la sfida di Matera capitale della Cultura. Un viaggio che durerà 330 giorni
Antonio Sacco
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/1/2019

Parla il supervisor dellArea cultura dellevento che parte oggi

Il mio lavoro? Si ispira a Beckett ma citando SantAgostino

Il destino di Ulisse è quello di tornare nella sua Itaca, il mio quello di tornare a Napoli. Agostino Riitano, 41 anni, project manager supervisor Area cultura di Matera 2019, sta per vivere oggi il momento magico dellinaugurazione della grande kermesse della Capitale Europea della Cultura con grande emozione e anche con grande commozione. Ma poiché non si sente un cervello in fuga dalla propria terra, dallarea vesuviana che lo ha visto nascere nel 1977 a Torre del Greco, ha già bene in mente il prossimo approdo in cui rendere limpossibile possibile, la mission che sta caratterizzando la sua attività ormai da ventanni. A Matera, agli esordi del nostro lavoro, tutto appariva unutopia. Eduardo Galeano scrive: mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e lorizzonte si sposta dieci passi più in là. Per quanto io cammini non la raggiungerò mai. A cosa serve lutopia? Serve proprio a questo: a camminare.

Il cammino per arrivare allinaugurazione di Matera 2019 è stato lungo, cinque anni. Riitano lo ha vissuto tutto perché nel 2014 è stato membro del team della direzione artistica per lideazione del programma culturale del dossier di candidatura di Matera a Capitale Europea della Cultura. Un dossier vincente. Open Future è lo slogan di Matera. Lo sviluppo del programma culturale è stato un continuo ripensamento dei traumi del passato nel rilancio verso il futuro. Concepire lantichità come una dimensione ricollocabile nel futuro ha implicato il superamento della condizione svantaggiata e ferita del sopravvissuto, nonché la riscoperta orgogliosa della nozione di resistenza, di resilienza. I Sassi sono la bellezza e la colpa. Dal giorno in cui arrivai a Matera per entrare nello staff direttivo, sentii con forza la violenza dialettica tra questi due termini: bellezza e rimprovero, bellezza e colpa.

Viscere riportate alla luce, un concetto non nuovo per Riitano che a Napoli aveva già lavorato in un contesto simile. Il mio viaggio era iniziato, senza che lo sapessi, con il recupero e la valorizzazione delle Catacombe nel Rione Sanità. Nel tessuto urbano, unimpalcatura silenziosa, densa di storie e di avvicendamenti umani, vive come resto di un mondo e, al contempo, come altro mondo.

Oggi lapertura di Matera 2019 con uninaugurazione segnata dalla presenza di cinquantaquattro bande provenienti dalle Capitali Europee della Cultura e da altri comuni della Basilicata. Un programma sterminato destinato a concludersi il 19 dicembre dopo quarantotto settimane di programmazione. Dovevamo e volevamo realizzare qualcosa di mai fatto: 330 giorni di attività con 3300 appuntamenti. Sono stati mobilitati centinaia di volontari e di associazioni, tutti i comuni della regione. I progetti sono nati dalla collaborazione tra artisti, collettivi, istituzioni, associazioni locali e un ampio ventaglio di artisti, network e istituzioni europee. Quindi ogni progetto racchiude tre dimensioni: quella locale, quella mediterranea, quella europea.

Ma come nasce il manager della cultura Agostino Riitano, come si è formato? Grazie a Samuel Beckett. Sì, proprio così, attraverso lesperienza nel teatro; alla mia grande passione per la scena ho accoppiato la mia naturale vocazione alle questioni organizzative, al management culturale. Ho imparato un po alla volta come poter contemporaneamente citare a memoria SantAgostino e gestire un notevole budget. Ecco arrivare così le esperienze con Teatro Nuovo e Galleria Toledo. Nel 2003 fonda Officine Efesti centro di produzione creativa e associazione per la promozione delle arti contemporanee nellarea Euro-Med. Dal 2006 è stato direttore artistico di Eruzioni Festival, Barock, Festival delle Culture Giovani e Trasparenze Festival. Poi tra i cofondatori del Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea (C.Re.S.Co). E si è occupato appunto del management culturale del progetto di co-design del Rione Sanità, sperimentando un approccio mediterraneo allo sviluppo della smart city. Nel biennio 2014/2015 è stato coordinatore di staff dellAssessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli per la predisposizione di una policy strategica per la cultura. Un rapporto di lavoro importante, alcune cose sono state fatte, altre si possono fare con le istituzioni compagne di viaggio delle giovani realtà culturali locali emerse in questi anni.

Esperienze che lo hanno portato anche alla docenza di project management nel Corso di alta formazione in management dei Beni Culturali e Ambientali della Federico II. E alla pubblicazione di Sud Innovation Patrimonio Culturale, Innovazione Sociale e Nuova Cittadinanza (Franco Angeli, Milano), un libro che racconta come il Sud sia un laboratorio per nuove forme di cittadinanza culturale e cambiamento sociale.

A Matera in questi 330 giorni ci sarà molto spazio dedicato a Napoli. E, soprattutto, nella logica della co-creazione spiega Riitano con il Teatro San Carlo produrremo la Cavalleria Rusticana, la prima volta di unopera lirica allestita e performata nei Sassi con protagonista la comunità materana. Un ulteriore esempio di come i cittadini possano essere parte integrante di un grande progetto. Un esempio, insieme con il patrimonio di idee acquisito in questi anni a Matera, di cui Riitano non potrà non tener conto quando tornerà a Napoli, la sua Itaca.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news