LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma divorata dal cemento: 3.600 volte il Circo Massimo
Cecilia Gentile
Repubblica-Roma, 18/01/2019

Il rapporto di Ispra e Campidoglio fotografa ledificazione selvaggia. Più di 30mila ettari Il terreno è impermeabilizzato. Nelle zone a rischio esondazione vivono 71mila persone


Più di 30mila ettari di territorio consumato, pari al 23,54% della superficie complessiva. Tanto per dare unidea dellestensione, immaginiamoci il Circo Massimo moltiplicato per 3.600 volte. Questa adesso è Roma, mangiata, o forse sarebbe meglio dire devastata, da speculazioni selvagge, strade, infrastrutture, parcheggi, piazzali desolati e smisurati nel nulla. E si continua a costruire.
Sfruttando le rilevazioni satellitari degli ultimi cinque anni Ispra e la Uo di Statistica di Roma Capitale in collaborazione con i volontari del Servizio civile hanno stilato la mappa del consumo del suolo della città, occupata per il 28% da edifici, per il 40% da parcheggi, piazzali e infrastrutture, per il 21% da strade.
Il risultato spiega Michele Munafò, per Ispra curatore della ricerca è limpermeabilizzazione del territorio, con le conseguenze nefaste del dissesto idrogeologico, degli allagamenti, della città trasformata in isola di calore, dei cambiamenti climatici . Il 92% del suolo consumato lo è in maniera irreversibile. Non si sono salvate nemmeno le zone a massima pericolosità idraulica, occupate in una percentuale del 13%, l80% del quale ormai irrecuperabile. Nello studio cè anche una classifica dei municipi più stravolti da cemento e asfalto. I due municipi del centro storico, I e II, e quello dei quartieri Centocelle, Prenestino, Collatino e Pigneto, il V, sono quelli con la maggiore percentuale di territorio impermeabilizzato. Nel municipio I si arriva al 74,38%, nel II al 68,42% e nel V al 63,11%, mentre il XIV con il 12,78%, registra la percentuale minore. Le aree di massima pericolosità idraulica legate ai canali di bonifica sono localizzate nei municipi X e XI, ad Ostia, Acilia, Infernetto, Ponte Galeria e Malafede, per una superficie complessiva di quasi 3mila ettari. Coinvolti 58mila abitanti. Oltre 71.500 persone vivono in zone a rischio esondazione, prevalentemente vicino al letto del Tevere e dellAniene o di corsi dacqua minori. Nel biennio 2016/ 2017 racconta Munafò Roma ha occupato 36 ettari in più. Un dato significativo, considerando che nello stesso periodo Milano ha sviluppato 19 ettari di costruito, Napoli 7 e Firenze 5. Anche se Milano batte Roma per complessivo consumo di suolo, che supera il 50% della sua superficie.
Negli ultimi anni cè stato un decremento dei permessi di costruire. Passiamo da 1.700 autorizzazioni del 2008 a meno di 300 rilasciate negli ultimi anni, informa Massimiliano Cafaro, responsabile Pianificazione agricoltura di Roma Capitale. Ma non basta. Per non consumare più suolo occorrono politiche economiche di sgravi fiscali per chi interviene sul costruito e migliora le costruzioni esistenti dichiara lassessore allUrbanistica, Luca Montuori Ad oggi demolire e ricostruire un immobile costa più che costruirne uno nuovo su un prato. Questa credo sia una delle ragioni principali che ha spinto la città a svilupparsi disordinatamente . E sul piano regolatore: Sono passati dieci anni dal piano regolatore, alcune parti di città hanno bisogno di grandi ripensamenti, perché non possono più avere la stessa funzione con cui sono nate.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news