LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI: La rinascita di Palazzo Penne
Mario De Cunzo
30/08/2005 Il Mattino




Tre anni fa, nella sede dell’Istituto Italiano di Studi Storici, in occasione delle celebrazioni di Benedetto Croce, il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, annunciò ufficialmente la decisione di acquistare palazzo Penne. Dopo anni di alterne vicende e di progressivo abbandono lo storico edificio costruito nel 1406 da Antonio di Penne, gran segretario del re Ladislao di Durazzo, sarebbe stato acquistato dalla Regione per essere destinato a biblioteche. Non è stato facile per il governatore e per il suo assessore Marco Di Lello vincere le difficoltà della burocrazia e perfezionare l’acquisto. Il palazzo era proprietà della società Manuia che in vero non poteva che vendere perché ogni tentativo di rendere commercialmente produttivo l’immobile era stato frustrato dalla Sovrintendenza. Ora l’acquisto è stato completato e sono stati stanziati i primi fondi, 300mila euro, per iniziare il restauro. L’edificio non è completamente in rovina perché è ancora abitato da due inquiline, due signore che garantiscono pulizia e decoro negli ambienti ancora agibili. La facciata di ingresso è caratterizzata da bugne rettangolari sulle quali è impressa la penna, stemma di famiglia concesso da re Ladislao al suo fedele segretario in ricordo sia delle funzioni di Secretus Regis Consiliator sia del paese di origine in Abruzzo. Il portale di ingresso in belle forme durazzesche è in marmo bianco e marmo rosato, al di sopra del portale vi è una targa, sormontata dallo stemma d’Angiò Durazzo con l’anno della costruzione: XX anno regno regis Ladislai... mille fluunt magni bistres centumquater anni (1406, nel ventesimo anno del regno del re Ladislao). Lungo l’arco ribassato si sciolgono due nastri con una scritta latina che echeggia un epigramma di Marziale, la scritta, poco leggibile, è stata trascritta in fogli manoscritti conservati nella Biblioteca Nazionale di Napoli ed è stata pubblicata da Celano Chiarini in Notizie del bello, dell'antico e del curioso della città di Napoli, 1850, e da altri: «Qui ducis vultus nec aspicis ista libenter, omnibus invideas invide nemo tibi» (tu che giri la faccia e non guardi questa casa, invidi tutti, nessuno invidia te). Si affiancano e si uniscono forme tardo gotiche attribuibili ad Antonio Baboccio da Piperno, quotatissimo artista del tempo, ed elementi di raffinata cultura umanistica, come aveva notato Roberto Pane nei suoi testi sui secoli XV e XVI. Il palazzo ha l’ingressso su via Banchi Nuovi e si sviluppa con portici e giardini fino all’orlo di un terrazzo panoramico affacciato sul mare; dall’alto di un possente banco di tufo dominava uno specchio d’acqua dove forse vi era un approdo nel basso medio evo e dove ora vi è piazza della Borsa. Dall’ingresso segnato da battenti in legno intagliato originale del Quattrocento si passa in un atrio con volta a crociera costolonata, poi scendendo pochi gradini si raggiunge un portico con pilastri quadrati, esili colonnine angolari e archi a sezione ottagona. Il portico delimita un giardino ben tenuto con piante esotiche e da frutto, e tra il verde sparsi reperti antichi forse provenienti da corpi di fabbrica demoliti o da strutture mai comletate. Di fianco il palazzo affaccia sui gradini di Santa Barbara, una rapida antica discesa a mare, si conservano ancora ampie finestre a croce, altri segni dell’antica lussuosa dimora. Più tardi nel palazzo Penne ha abitato Teodoro Monticelli (1759, 1845) monaco benedettino, eroe della rivoluzione del 1799, incarcerato, dal 1808 professore di chimica nell’Università di Napoli; celebre per gli studi sul Vesuvio, conservò nel palazzo la sua celebre collezione di minerali. Nel 2000 la Biblioteca della Fondazione Benedetto Croce ha pubblicato un bel libro di Gennaro Borrelli Il palazzo Penne, un borghese a Corte, nel quale si possono trovare tante altre notizie sul palazzo. Nell’estate del 2002 quando si ventilava lo sfratto delle due famiglie che ancora abitano il palazzo, vi fu una forte mobilitazione, il 20 giugno ed il 24 settembre gruppi di giovani animosi dei comitati antisfratto si opposero allo sgombero. In seguito il consigliere di circoscrizione Pino De Stasio e io avevamo pensato di salire sulle impalcature che ancora vi sono e iniziare con alcuni amici muratori il restauro abusivamente, ma abbiamo desistito per non turbare l’ordine pubblico. Oggi le cose sono cambiate. La Regione ha affidato il palazzo all’Università Orientale affinché siano collocate in esso la Biblioteca Pietro Piovani e la Biblioteca Fabbrocino Tessitore che Fulvio Tessitore con atto liberale ha voluto mettere a disposizione del pubblico. Ora si fa sul serio.




news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news