LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cassia antica massacrata dai vandali
di UMBERTO G. RICCI
marted 30 agosto 2005 Il Tempo, Roma



MONTEFIASCONE Nel tratto in localit Paoletti a causa dellasportazione delle grosse pietre poligonali


MONTEFIASCONE ridotta davvero male l'antica strada Cassia, nel tratto che percorre il territorio di Montefiascone, in localit Paoletti. Da tempo, ma il fenomeno si accentuato in questi ultimi anni, ignoti vandali asportano le grosse pietre poligonali di lava che costituiscono la pavimentazione originaria della consolare romana. Gi in pi punti la carreggiata risulta danneggiata in maniera irreparabile in quanto, al posto dei blocchi di pietra viva, si sono formati dei veri e propri crateri. Il fenomeno di spoliazione di una testimonianza storica rappresentata dalla millenaria via di comunicazione, non adeguatamente contrastata da nessuna delle autorit preposte alla sua salvaguardia. Poco ha fatto o sta facendo la Sovrintendenza ai beni archeologici del Lazio per conservare ai posteri questo patrimonio culturale non solo italiano, ma dell'intera umanit. N il Comune di Montefiascone ha mai valutato appieno la sua importanza e quindi messo in atto i conseguenti accorgimenti necessari alla sua conservazione. E dire che quel tratto di consolare, la cui origine data circa il 180 a.C., era giunta a noi, almeno fino a qualche anno fa, in perfetto stato di conservazione. Soltanto i carabinieri, pur nei limiti di uomini e mezzi, si sono preoccupati quantomeno di controllare la zona con appostamenti diurni e notturni, al fine di arginare il fenomeno di distruzione di queste vestigia dell'antica civilt romana. Ma la loro meritoria opera non risolutiva se le autorit preposte non intervengono con una campagna di sensibilizzazione, a cominciare dalle scuole, volta a far comprendere l'importanza che riveste l'antica strada romana non solo per la cultura contemporanea ma anche per quella avvenire. Chi distrugge le proprie radici non ha certo un solido futuro. Ma vediamo brevemente la storia di questa antica strada romana. Intorno al 180 a.C., il censore Lucio Cassio Longino fece costruire una strada lastricata che da Roma conduceva a Firenze. Si distaccava dalla esistente Clodia (225 a.C) all'undicesimo miglio e si dirigeva a Veio, Baccano e Sutri, proseguendo poi verso nord e attraversava Viterbo Montefiascone, Vulsinio (l'antica Bolsena), Cortona ed Arezzo. Nella zona di Viterbo, dove sorgevano stazioni balneari e terme per ristorare i viandanti - come nota lo storico Mario Signorelli - al cinquantesimo miglio della Cassia fu edificato il ponte detto Camillario che prender poi il nome dai Santi Valentino ed Ilario che vi furono martirizzati e uccisi La strada voluta da Cassio seguiva il preesistente tracciato etrusco, perlomeno nel tratto da Veio a Montefiascone. Qui sfiorava il tempio di San .Flaviano e si biforcava in direzione sia di Bolsena che di Orvieto. Nel territorio falisco i tratti ancora visibili dell'antica Cassia si trovano in localit Paoletti, Poggio della Frusta, Montegallo e Guardata. A riprova dell'originario tracciato etrusco sono state rinvenute, ai suoi lati, diverse tombe etrusche e, in localit Turona, vicino a Bolsena, addirittura un castelliere villanoviano.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news