LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il museo della Moda guarda al futuro. Asse con gli studenti del Polimoda
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 10/1/2019

Gli archivi aperti ai ragazzi, eventi insieme: così gli Uffizi aprono le porte alle nuove generazioni

Come sarebbe il Museo della Moda di Palazzo Pitti se tra i suoi archivi e tra le sue sale trovassero stimoli e spazi creativi i ragazzi delle scuole di moda fiorentina, il Polimoda tanto per partire? E come sarebbe e che eco avrebbe anche fuori da Firenze il Polimoda se nel suo piano di studio potesse vantare uno o più corsi fatti in tandem con il museo della Moda. Di più, se potesse offrire ai suoi studenti un archivio e uno spazio espositivo come quello custodito nei locali di Palazzo Pitti su cui studiare e imparare i primi rudimenti di museografia, ma anche su cui costruire progetti, eventi, modalità di comunicazione adatte a sedurre il mercato del fashion di domani o forse anche delloggi che poi è quello dei cosiddetti millennials che di questi tempi sono tra quanti fanno più gola a stilisti di ogni parte del mondo?

È su questo doppio quesito che il Museo della Moda di Eike Schmidt e il Centro di Firenze per la Moda Italiana di Antonella Mansi che del Polimoda è socio fondatore stanno stendendo un programma di collaborazione a tutto tondo per implementare il valore delle due istituzioni. Il progetto è ambizioso perché mentre a Firenze si studia questo accordo a Roma è da poco stato istituito dal ministro Alberto Bonisoli il cosiddetto secondo tavolo della Moda (di cui fanno parte anche i nostri Lapo Cianchi per Pitti Immagine, Stefania Ricci per il Museo Ferragamo e Maria Luisa Frisa per il Gucci Garden) che ha lobiettivo proprio di valorizzare il patrimonio della moda italiana. E soprattutto perché sul piatto cè la volontà di altre città italiane (Milano in testa) di aprire un loro museo della Moda candidato a diventare poi il Museo della Moda italiana di riferimento. Palazzo Pitti vanta una collezione e una storia di tutto rispetto, quella che fu la Galleria del Costume è stata fondata nel 1983 sotto la direzione di Kristen Aschengreen Piacenti ed ospita più di 6.000 pezzi, fra abiti e accessori di moda dal XVIII secolo a oggi. Ma il binomio fashion e musei fa gola a tanti. E questa è una delle ragioni per cui giocare danticipo qui a Firenze darebbe un vantaggio non da poco alla città.

Laccordo tra Palazzo Pitti e dunque Gallerie degli Uffizi da un lato e Centro per la Moda dallaltro è da formalizzare, ma sta prendendo forma in questi giorni sulla strada tracciata da Antonella Mansi, anche nellintervento firmato da lei sullo speciale Pitti di martedì 8 allegato al Corriere Fiorentino, in cui scriveva della sua volontà di legare le istituzioni sulla strada della formazione. Ecco che in questo senso il Museo della Moda con i suoi 6.000 pezzi e con le sue sale, al di là della sua attuale attività di catalogazione, digitalizzazione, ampliamento depositi e di mostre per ora è in corso la bellissima Animalia Fashion (foto) a cura di Patricia Lurati potrebbe essere una biblioteca-laboratorio dei futuri stilisti. Per ora come start-up, partirebbero quelli del Polimoda, ma in futuro anche gli iscritti alla Marangoni, allo Ied e insomma tutti quelli che in questo campo trovano spazio a Firenze. Gli studenti potrebbero non solo crescere anche dentro alle sale del Museo ma anche potenziarne le capacità di emergere nella grande competizione che segue anche i canali della comunicazione in forza di un linguaggio più adatto alle nuove generazioni. La strada è tracciata, ora spetta ai responsabili trasferirla in un programma che dovrebbe vedere la luce a brevissimo.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news