LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La villa scrigno a Montespertoli ospitò 300 opere trafugate dai tedeschi
Lucia Aterini, Francesco Turchi
Il Tirreno - Empoli 6/1/2019

Anche l'opera di un pittore olandese chiesta dal direttore degli Uffizi alla Germania era custodita a Montagnana. Da qui si sono perse le tracce di un'altra decina di dipinti.

MONTESPERTOLI. Allappello ne mancano ancora una decina, sparpagliate in tutte le parti del mondo per chissà quale storia di trafugamento. Erano 300 le opere darte degli Uffizi e della galleria Palatina di Palazzo Pitti che erano state portate alla villa Bossi-Pucci di Montagnana per ordine della Sovrintendenza nel novembre del 1942. Col passaggio del fronte, nel luglio del 1944, i dipinti vennero caricati sua una decina di camion. . E solo dopo la fine della guerra vennero ritrovati in Val Pusteria, nel tribunale di San Leonardo in Passiria. Ma non erano tutti, appunto. Tra quelli mancanti cè anche il Vaso di fioridel pittore olandese Jan Van Huysum che ora il direttore degli Uffizi Eike Schmidt rivuole dal suo stesso paese, dalla Germania. E, tra laltro, in maniera provocatoria, ha affisso una foto del quadro mancante con la scritta (in più lingue) Rubato.

Nel fazzoletto di colline tra Valdelsa e Valdipesa erano state portate alla fine del 1942 quasi ottocento opere degli Uffizi e di Palazzo Pitti per proteggerle da eventuali bombardamenti nel centro di Firenze. Ed erano state depositate in tre castelli: quello di Montegufoni, quello di Montagnana e quello di Poppiano, tutti a poco distanza luno dallaltro, nel territorio di Montespertoli.

Montegufoni fu il luogo più fortunato ed è Andrea Pestelli, storico locale, a raccontare i particolari di questo periodo (tra laltro ha pubblicato anche il libro La Primavera del Botticelli nel castello di Montegufoni). Mio nonno fu il custode di questi capolavori tra cui la Primavera del Botticelli racconta allepoca il castello era di un inglese e mio nonno, Guido Masti, lavorava per lui. Oltre alla Primavera cerano anche altre opere tra cui Madonne di Giotto e di Masaccio. In tutto erano 272 dipinti. Mio nonno difese queste opere dalle truppe tedesche che volevano sistemarsi nel castello grazie a una dichiarazione di Albert Kesserling che non autorizzava lingresso dei soldati tedeschi in quel luogo.

Però, cinque giorni prima del passaggio del fronte, a luglio quando ormai lesercito tedesco era allo sbando, un ufficiale minacciò di bruciare tutti i capolavori per far posto ai suoi uomini va avanti ancora Pestelli mio nonno gli spiegò che quel patrimonio non era solo italiano, ma apparteneva al mondo. E così riuscì a convincerlo. E nel novembre del 1945 tutti i dipinti integri fecero ritorno a Firenze. Dopo la fine della guerra Masti venne insignito del titolo di cavaliere della Repubblica per aver difeso questo patrimonio artistico. E Andrea Pestelli gli ha dedicato il suo libro.

A Montagnana, però, non fu così. Alla villa Bossi Pucci racconta Andrea Pestelli arrivò lordine di portare via tutto. Ci lasciarono solo cinque opere di grandi dimensioni tra cui anche due affreschi di Santa Maria Novella. Nel dopoguerra furono ritrovati a San Leonardo in Passiria. Allappello ne mancavano, però, una decina. Negli anni seguenti tre sono rientrati dagli Stati Uniti. Cinque sono stati individuati in Germania e uno in Olanda.

http://iltirreno.gelocal.it/empoli/cronaca/2019/01/06/news/villa-scrigno-di-300-opere-trafugate-dai-tedeschi-1.17627277


news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news