LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. In principio fu il borgo
Marta Ghezzi
Corriere della Sera - Milano 9/1/2019

Da Chiaravalle a Crescenzago da Gorla a Baggio, un viaggio alle origini medioevali della città che è anche un Sos contro il degrado

Milano. La città dei 70 borghi (Magenes) è un libro dettato da unurgenza. Bisogna fare qualcosa prima che il tempo e lincuria sbriciolino la storia, sottolinea lautore, Roberto Schena. Il giornalista ha girato a piedi per tre anni la periferia milanese per censire gli antichi borghi che rischiano di scomparire. Milano ha un primato, forse unico, di cui pochi sono a conoscenza: era costituita da una miriade di borghi, la parte fondante della sua struttura urbana, spiega Schena. Una struttura oramai scomparsa, negli anni Venti del Novecento la metropoli assorbe la cinta più esterna e il territorio inizia a cambiare. Demolizioni, bombardamenti, qualche speculazione edilizia: oggi dei borghi nelle aree centrali non è rimasta traccia, per ritrovarli bisogna spingersi nei confini più esterni, a Baggio, Affori, Crescenzago, Gorla, Chiaravalle. Identificati solo come quartieri, in realtà sono stati veri comuni, con borghi, sobborghi, frazioni. Tutti di epoca medioevale, rimaneggiati nei secoli, a volte maltrattati da cattivi restauri, ma ancora in piedi. Per poco, però: se non si agisce tempestivamente, rischiamo di perderli, dichiara Schena. Cascine, case coloniche, chiese, sono infatti costruite con mattoni di argilla, cotti al sole, che si sbriciolano con facilità. Basta una tegola fuori posto, lacqua che filtra, la natura che si impadronisce delle facciate. Un patrimonio che potrebbe durare più dei grattacieli, a patto di curarlo.

Il libro, illustrato dalle fotografie di Ettore Tamagnini, che ha seguito Schena nella caccia ai monumenti storici, porta alla luce una Milano nascosta, dimenticata. Luoghi che conferiscono identità estetica e culturale a zone marginali, che potrebbero perfino offrire nuove prospettive, dice lautore. Dei 70 borghi, lui mette in evidenza le zone più bisognose di interventi. Da salvare subito, la chiesa di Macconago. È la foto di copertina, una chiesetta settecentesca di campagna dedicata a San Carlo. E poi lintero borgo lì intorno. A Macconago cè perfino un castello del XIV secolo, più antico di una ventina di anni di quello Sforzesco, sconosciuto ai milanesi. In completa rovina, lintero borgo di Assiano, a ovest della città (rogge e fontanili, cascine monumentali: uno spettacolo). E ancora, il casino di caccia di Quintosole, gioiello rurale che merita un restauro, con lintero complesso di Quintosole, che conserva un aspetto campagnolo perché è circondato dai campi del Parco agricolo sud. Da non dimenticare, la struttura di Cascina Annone, sul Naviglio Pavese, al limitare della città (consiglio un giro sul ponte di ghisa, panoramico, costruito dagli Austriaci per collegare le due sponde e i relativi borghi). E poi Sella Nuova, il borgo ignoto di Baggio, e Ronchetto delle Rane (con la chiesa di San Pietro e Paolo, la cappella sistina tra i campi). Spero di incuriosire la città, conclude Schena, io sogno una mappa dei borghi per passeggiate senza uguali fra campi e cascine, rogge e piccoli monumenti che, insieme, compongono un grande affresco che va preservato.




news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news