LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Perché è giusto che i turisti diano un obolo a Venezia
Gabriella Imperatori
Corriere del Veneto 8/1/2019

Il sogno eterno di vedere (non sempre, purtroppo, di visitare per conoscere) il capoluogo lagunare oltrepassa i disagi dellacqua alta, del caldo umido estivo, dei prezzi proibitivi di hotel, ristoranti e boutique di lusso, dei negozietti di ricordini costosi quanto spesso orrendi, dei vaporetti intasati di folla che spintona.

E continua a provocare un assalto incontrollato a Venezia, completo del degrado che tutti conosciamo, dai tuffi nei canali alle odorose merende sui gradini dei monumenti alluso-toilette notturno di certe calli.

Il tutto, da parte dei cosiddetti giornalieri, per un selfie con lo sfondo di piazza San Marco, del ponte dei Sospiri o dellinfilata di gondole in riva degli Schiavoni. Poco altro.

Non si tratta qui di disprezzare snobisticamente quella parte di italiani o di stranieri che si accontentano di impressioni da cartolina. Tutti hanno il diritto, direi il dovere, di cercar di migliorare la propria ancorché scarsa cultura e di godere della bellezza, che non è riservata ai benestanti e può restare nel ricordo per tutta una vita.

Anche se non cè il tempo, forse neppure la voglia, di entrare nei musei, allinterno della Fenice, di spostarsi nelle meravigliose isole minori e nella altrettanto incantevole Venezia degli orli, come la chiamava lo scrittore Paolo Barbaro.

Certo, anche i giornalieri han bisogno di un panino e una CocaCola, ma se non sono incivili e irrispettosi possono (potrebbero) trovare luoghi e momenti adatti e lasciar pulita e silenziosa una città che è tutta un museo. E come per entrare nei musei si deve pagare un biglietto, così è giusto pagare un piccolo obolo per entrare in Venezia. Una minima tassa dingresso, o di sbarco, come quelle già in vigore per approdare allisola dElba o allarcipelago delle Eolie, se lo possono permettere anche i turisti mordi e fuggi, senza dire dei passeggeri delle grandi navi da crociera. Ma questi turisti, spesso responsabili di un vergognoso degrado, non dovrebbero essere mai, comunque, in numero superiore ai residenti.

Anche per questo motivo il ticket, che escluderebbe i veneti e avrebbe il risultato di un gettito annuo di qualche decina di milioni, sembra ben visto dalle amministrazioni, e soprattutto dai residenti che non ne possono più delle difficoltà e noie che son costretti a subire. Per il momento ci si limita a discuterne, limporto potrebbe variare a seconda del periodo, ma già si parla di un futuro obbligo di prenotazione, oltretutto utile anche ai turisti senza pernottamento, le cui visite sarebbero più comode e gradevoli. Forse se fossero in numero inferiore, oltre a sottostare a una maggior disciplina, potrebbero, non dico sperimentare quella sorta di patologia, quel benessere-malessere psicofisico che va sotto il nome di sindrome di Stendhal, di fronte allammirazione di un eccesso di opere darte, ma provare almeno lemozione di essersi avvicinati alla bellezza fino a capirla almeno un poco, da esserne affascinati e turbati. (Ma questa, purtroppo, è probabilmente unipotesi dellirrealtà).



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news