LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Sos Archivio Storico
Marcello Anselmo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/1/2019

Il patrimonio documentale della città ammassato senza cura in stanze umide. Comune latitante, serve una mobilitazione

In una città bloccata (non solo) dal punto di vista finanziario, incapace di assicurare standard minimi di servizi agli abitanti (scuole, trasporti) come ai turisti, sarebbe opportuno far leva sulle risorse e sulle competenze già presenti nellamministrazione così come valorizzare pezzi inattesi del patrimonio civico.

Sarebbe auspicabile una sorta di mobilitazione, pratica e simbolica, delle potenzialità inespresse capace di compensare linazione che mortifica lo sviluppo culturale e sociale. Fare di necessità virtù, attingere al senso di responsabilità civica, allimmaginazione creativa sarebbe un primo (ma fondamentale) passo per disarticolare il fatalismo diffuso che provoca una sostanziale immobilità dalle conseguenze drammatiche per il presente ma soprattutto per il futuro.

Da dove iniziare? Per esempio dal prendersi cura del patrimonio documentale conservato, o meglio ammassato, nellarchivio storico municipale. Lo scrigno in cui si trovano veri e propri tesori della città trattati, però, in modo pietoso. Per la mia attività di storico ho avuto modo di frequentare larchivio a più riprese riscontrando un progressivo degrado negli ultimi dieci anni. Sia chiaro che la responsabilità non è, banalmente, imputabile ai lavoratori che tra alti e bassi fanno il possibile per garantire la fruizione e la salvaguardia del patrimonio. È doloroso registrare la totale assenza di interesse da parte della macchina amministrativa nel razionalizzare e preservare quello che potrebbe essere una risorsa eccezionale tanto per la ricerca quanto per la politica culturale cittadina.

Larchivio storico municipale conserva, teoricamente, il patrimonio documentale che va dal XII secolo fino ai nostri giorni. Si tratta di fonti dal valore inestimabile che, adeguatamente inventariate, organizzate e valorizzate testimonierebbero la complessità dellevoluzione della città e della sua società.

In una stanza abbandonata e inaccessibile, ad esempio, sono malamente accatastati i documenti dellattività di tre secoli del Real Albergo dei Poveri, una struttura da anni al centro di progetti di riqualificazione ma, storicamente, del tutto inesplorata. In altri locali, solo parzialmente accessibili, è possibile consultare in modo del tutto casuale cartografie, atti amministrativi, inchieste, dibattiti, fondi iconografici e fotografici, bilanci, resoconti fonti preziose per scrivere la storia delle trasformazioni del territorio urbano. Anche se in una dimensione caotica e fortunosa, almeno fino al principio del XX secolo, si riesce ad accedere allinfrastruttura storica della città. Accesso che, al contrario, è decisamente impossibile per quanto riguarda la documentazione archivistica relativa al periodo che va dal secondo dopoguerra agli anni 80, perché la sede dellarchivio storico municipale di San Lorenzo (dove sono ammassati i documenti relativi agli ultimi 70 anni di vita amministrativa napoletana) è inagibile dal terremoto del novembre 1980. La storia contemporanea di Napoli è mutilata di una parte fondamentale del proprio corpo documentale. Lo stesso periodo soffre, inoltre, della carenza organizzativa dellArchivio di Stato che rende inaccessibili i documenti a partire dal secondo dopoguerra nonché quelli recentemente ricevuti dellarchivio della Società del Risanamento.

Cè da aggiungere, purtroppo, che oltre allinerzia amministrativa anche il mondo accademico napoletano non mostra dinamicità o protagonismo in relazione allo stato dei documenti che pur dovrebbero essere una risorsa fondamentale per la propria attività. Nonostante limpegno di ricercatori, dottorandi e tesisti nel provare a recuperare fonti senza un coordinamento, sarebbe auspicabile lo sviluppo di una funzione di stimolo da parte dellaccademia nel miglioramento dellaccesso al patrimonio storico della città, attraverso proposte e progetti indirizzati al miglioramento dellaccesso ai documenti e una loro valorizzazione anche in ambito non strettamente dedicato ad addetti ai lavori.

Ciò che colpisce, è il totale disinteresse per la valorizzazione di una risorsa, che con uno sforzo minimo, potrebbe rivelarsi una miniera inesauribile per la città. Lo stato confusionale in cui versa il patrimonio archivistico municipale è il sintomo, drammatico, dellentropia che mortifica Napoli. Il rifiuto di riconoscere il carattere complesso e contraddittorio delle proprie origini. Unopportunità sprecata foriera di quel silenzio assordante che trasforma (per quanto riguarda la città) la Storia da scienza sociale della complessità in folklore neopittoresco.




news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news