LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. mpagnie: tassa di sbarco per metà crocieristi
f. b.
Corriere del Veneto 4/1/2019

Dal 20 gennaio salasso su VeneziaUnica: 100 euro per chi abita fuori regione

VENEZIA. Disponibili allintesa anche se la cautela è dobbligo, considerando che molte questioni rimangono aperte. Le compagnie di crociera aprono alla tassa di sbarco che però rischia di essere già dimezzata o quasi visto che Venezia è home port e il traffico di transito rappresenta solo il 13 per cento. Questo significa che molti dei turisti che arrivano o partono dalla Marittima si fermano per qualche giorno in città pagando già la tassa di soggiorno, escludendo così già in partenza il nuovo ticket introdotto dal governo con la Legge di Bilancio. Ecco che il contributo di sbarco non riguarderebbe più un milione e mezzo di crocieristi ma meno, forse solo la metà considerando che nel 2006 Ca Foscari stimava che il 40 per cento dei passeggeri saliva subito in nave o faceva un giro per la città.

Molto dipenderà dal regolamento che adotterà Ca Farsetti, qualsiasi previsione è prematuro farla anche se il tesoretto secondo le prime stime parte da 20 milioni di euro. La tariffa che potrà essere definita infatti varia da 2,5 a dieci euro, e probabilmente molto dipenderà dalla stagionalità. Fondamentale per le compagnie sarà lapplicazione della misura su tutti i vettori contemporaneamente, quindi non solo sulle navi ma anche sui treni (aspetto per ora complicato) per non creare disparità. Unaltro aspetto su cui gli armatori si stanno interrogando è lapplicazione: tutti i crocieristi pagheranno la tassa di sbarco o solo quelli che decideranno di visitare la città, perché se si verificasse la prima ipotesi le compagnie rischierebbero di diventare da sostituto dimposta ad oggetto dimposta. Tutte domande a cui nessuno ora pare poter dare una risposta.

Già la prossima settimana però il sindaco Luigi Brugnaro avrà una riunione di maggioranza per condividere alcuni passaggi, poi a ruota verrà realizzato un gruppo tecnico di approfondimento per poter realizzare una prima bozza da condividere con le categorie e con le altre istituzioni, a partire dalla Regione che ha già collaborato con il Comune ad esempio sulla limitazione di take away e alloggi turistici. Ca Farsetti punta a usare il contributo sia per pagare gli extra-costi (per esempio i rifiuti) che per regolare gli accessi. Il punto fermo è quello del 28 febbraio: quella è la data entro la quale i Comuni devono aver approvato il bilancio preventivo e Ca Farsetti, che già lo ha fatto senza contributo di sbarco, dovrà rispettare quella deadline per il nuovo regolamento e soprattutto per la variazione di bilancio. Sarà una corsa contro il tempo perché le difficoltà non mancano: il sindaco dovrà infatti trovare un accordo (potrebbe imporlo ma vuole condividere il piano facendo passare il contributo per un aiuto alla città e non per fare cassa) con le categorie, le compagnie di crociera, quelle di trasporto e con Trenitalia e Italo.

Intanto slittano gli aumenti sulla Veneziaunica. Dovevano partire dallinizio di gennaio, ma Avm ha deciso di modificare le tariffe dal giorno 20 in concomitanza con i nuovi abbonamenti. Per i veneziani e per gli abitanti della Città metropolitana non cambierà niente perché se avranno bisogno di cambiare la tessera continueranno a pagare 10 euro i primi, venti i secondi (ci sono anche gli studenti che così vedono dimezzarsi il costo). Le modifiche (salate) ci saranno per tutti gli altri, a partire dai veneti che anziché sborsare 20 euro ne dovranno pagare 40, ma soprattutto per i residenti fuori regione (sono stimate 20 mila tessere allanno) per cui la tariffa è passata da 50 a cento euro. Un aumento stimato in un milione di euro che andrà soprattutto nelle casse del Comune che ne beneficerà della percentuale maggiore.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news