LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Il saluto di Osanna: cè ancora tanto da fare
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 4/1/2019

Pompei, lultimo atto del direttore uscente, che si ricandida: riapre la Schola Armaturarum

POMPEI. Nevica sugli Scavi. Ma è una neve lieve, piccoli fiocchi che svaniscono appena toccano terra. Rendono più suggestiva latmosfera che avvolge lennesimo ritorno alla vita della Schola Armaturarum e, allo stesso tempo, larrivederci (o laddio?) di Massimo Osanna, il direttore generale che lascia lincarico che assunse nel gennaio 2014 per volontà dellallora ministro per i Beni culturali Massimo Bray. I due momenti sintrecciano e si sovrappongono. Forse non a caso. Il professore lascia riconsegnando ai visitatori il monumento che, dopo il rovinoso crollo del novembre 2010, era diventato il simbolo del degrado e dellincuria del sito archeologico e che oggi è la sintesi del riscatto e di quattro anni di successi.

Si chiude lepoca doro? Niente affatto, cè ancora tanto da fare. Nessuno più di Osanna ne è consapevole. Per questo il professore vorrebbe ritornare. E, per realizzare il suo sogno, si sottoporrà, insieme con altri candidati, al giudizio della commissione chiamata a scegliere il nuovo direttore. Spera di succedere a se stesso per consolidare un posto, che già ha conquistato, tra i grandi archeologi di Pompei, da Giuseppe Fiorelli ad Amedeo Maiuri, passando per Vittorio Spinazzola. Proprio questultimo, mentre in Europa infuriava il Primo conflitto mondiale, conduceva limponente campagna di scavo lungo via dellAbbondanza durante la quale fu portata alla luce anche la Schola Armaturarum. Danneggiata dalle bombe durante la Seconda guerra mondiale, la struttura fu restaurata secondo le concezioni del momento con limpiego del cemento armato, che, però, ha finito per appesantirla oltremodo e che, complice la non perfetta impermeabilizzazione, ha finito per cedere rovinosamente a causa delle infiltrazioni dacqua. Il crollo segnò il punto più basso della storia recente del sito. Si registrò un moto di indignazione spontaneo di portata planetaria. Il ministro ai Beni culturali Sandro Bondi fu quasi costretto alle dimissioni (che rassegnò alcuni mesi dopo) e iniziò a farsi largo la consapevolezza che si sarebbe dovuto cambiare registro. Di quella sconfitta fu figlia il Grande progetto Pompei, un vero e proprio piano Marshall per la città antica, finanziato con 105 milioni dellUnione europea. La sua attuazione, affidata però alla gestione commissariale di generali dei carabinieri, da Giovanni Nistri a Mauro Cipolletta, ha coinciso con lo svolgimento dellincarico scientifico-manageriale di Osanna. Sono orgoglioso - rivela il direttore - che durante il primo biennio, quando la situazione era veramente critica, e si lavorava in apnea, cera un clima particolarmente positivo. Con Nistri (attuale comandante generale dellArma, ndr ) e col team dei restauratori abbiamo lavorato veramente bene. I crolli a Pompei rappresentano ormai un capitolo chiuso. Conclusa la fase della manutenzione straordinaria ora ci si può dedicare a quella ordinaria. Lopera di restauro delledificio crollato, svolta da personale interno e della Ales non si è limitato al ripristino delle struttura crollata, ma si è estesa allo scavo di altri locali, allinterno. Abbiamo rinvenuto una serie di anfore - spiega Osanna - che provengono da tutto il Mediterraneo. Anfore da olio del Nord Africa, anfore cretesi da vino, della Betica, ossia la moderna Andalusia, utilizzate per contenere la salsa di pesce, e, ancora, anfore locali, rappresentative di una dieta mediterranea, che di aiutano a capire anche cosa si facesse in questo luogo: era una sala da banchetti, probabilmente di unassociazione. magari, volendo speculare un po una di quelle associazioni chiuse dopo gli incidenti del 59 dopo Cristo, quando la rissa nellanfiteatro (tra i pompeiani e i nocerini, ndr ) portarono a una serie di punizioni per i pompeiani che non si erano comportati bene. Particolarmente complesso è stato il lavoro effettuato per rimettere insieme il puzzle degli affreschi sbriciolati nel crollo. Per colmare le lacune presenti e, allo stesso tempo, rendere visibile lintervento è stata utilizzata la tecnica del tratteggio. A proposito della carenza di custodi, il professore ha auspicato lo svolgimento dei concorsi già auspicati dal ministero. Occorre anche insistere sulla videosorveglianza e sul rafforzamento della sala regia. E parimenti va avanti anche il progetto dellarchivio informatizzato che rende fruibile a tutti il frutto delle ricerche effettuate Ma è chiaro che la componente umana resta fondamentale. Sono peraltro appena arrivati a Pompei anche 7 nuovi funzionari restauratori. Osanna non nasconde un pizzico di tristezza, indotta anche dal malinconico sole invernale per dover lasciare lincarico. Ma sono ottimista - conclude - ho fatto quello che dovevo fare. Torno alluniversità soddisfatto. Mi sono ripresentato proprio per concludere il lavoro. Un altro triennio di lavoro è fondamentale per dedicarsi alla manutenzione sistematica e alla fruizione: bisogna rifare gli ingressi inadeguati per i turisti arrivati a 3,7 milioni. Bisogna musealizzare il laboratorio degli organici, sistemare i depositi. E poi cè la Reggia di Quisisana a castellammare da allestire, lo spolettificio di Torre Annunziata, e a sempre a Torre lo scavo della via dei sepolcri che mi piacerebbe fare. E poi naturalmente le Ville di Stabia da sistemare definitivamente.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news