LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ustica, la sorpresa arriva dai fondali. Scoperta un'antica nave romana
Ignazio Marchese
Giornale di Sicilia Palermo 28-AGO-2005

USTICA - Una nave romana è stata trovata nei fondali del porto di Ustica nel corso delle lezioni di archeologia e scienze subacquee organizzate dalla rivista «Archeologia Viva». Grossi pezzi dell'imbarcazione individuata nel fondale della Cala Santa Maria si trovano tra i 25 e 35 metri. Sono stati individuati nel corso di diverse lezioni di archeologia subacquea tenute dalla rivista in collaborazione con la Soprintendenza di Palermo e con le Università di Foggia e Palermo.
Lo scorso anno le ricerche hanno interessato la zona del porto. Quest'anno ci si è spostati sulla sponda destra del porto. Qui è avvenuto il ritrovamento. «Stiamo recuperando i pezzi e li stiamo catalogando per poter individuare con esattezza il periodo storico della nave - afferma Piero Pruneti direttore della rivista "Archeologia Viva" - Al momento l'unica cosa certa è che si tratti di una nave romana probabilmente del primo secolo avanti Cristo. Ma si tratta al momento solo di ipotesi. Successivamente, potremo essere più precisi». Per i sessanta partecipanti alla quattordicesima edizione delle lezioni di archeologia e scienze subacquee un'esperienza davvero unica visto che avranno la possibilità di scandagliare i fondali del porto di Ustica alla ricerca di altri navi puniche e romane che per secoli hanno trovato riparo nell'insenatura naturale dell'isola.
«L'isola, dal IV secolo avanti Cristo al V secolo dopo Cristo, ha rappresentato un punto di approdo per le rotte commerciali tra l'Africa e Roma. Il suo porto naturale ha rappresentato per migliaia di imbarcazioni una naturale sosta nel lungo viaggio con il quale si portava il grano coltivato a Tunisi e in altre regioni africane a Roma - aggiunge Piero Pruneti - Questo ce lo dicono oltre il ritrovamento della nave, i tanti reperti, vasellame e anfore, che sono stati già ritrovati nel fondale di Cala Santa Maria». Reperti che non dovranno essere recuperati e trasportati all'interno di un museo. Ma potranno e dovranno restare in mare catalogati e utilizzati per un percorso subacqueo. Che l'isola fosse meta stabile dei romani non è una novità. L'ultima testimonianza è stata la scoperta fatta
10 scorso anno dalla Soprintendenza nel corso dei lavori per la centrale fotovoltaica. «Quando è bastato scavare per fare affiorare una villa romana - afferma il sindaco Aldo Messina -. Una costruzione, probabilmente del Vsecolo dopo Cristo che è solo l'ultimo esempio di quanto sia ricca di storia l'isola di Ustica. Per questo anche quest'anno abbiamo sostenuto l'iniziativa di "Archeologia Viva", certi che dall'ambiente e dalla cultura passa lo sviluppo dell'isola».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news