LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, il direttore Miiller: troppi film italiani al Festival? L'ha chiesto il ministero. A Venezia un festival come ministero comanda
Fabio Ferzetti
Il Messaggero, 28-AGO-2005






Mercoled s'inaugura la 62a Mostra del Cinema. Marco Miiller difende il ruolo "di servizio" del suo operato e replica alle accuse ricordando le disposizioni ricevute
Il direttore: Abbiamo fotografato con la massima chiarezza la produzione
di quest'anno. Restaurare i film? Nel nostro budget la cifra riservata ai classici ammonta a zero euro
Chi ha detto che tocca a noi scoprire i nuovi registi? Non siamo mica Locarno
L'azionista di maggioranza stato chiaro: in selezione ufficiale almeno sette italiani

MENO tre. A 72 ore dall'inaugurazione della 62' Mostra del Cinema, Marco Miiller ostenta sicurezza. Le accuse piovono fitte, come sempre: festival-supermarket, ritorno all'ordine, giuria di basso profilo, assenze clamorose, eccesso di prudenza. Ma il direttore, al secondo mandato, non si scompone. E contrattacca rivendicando un po' a sorpresa la funzione quasi "di servizio" del suo ruolo. Come a dire: il direttore un funzionario assediato da mille obblighi e responsabilit, non un creativo libero di creare il cartellone ideale, quindi non disturbate il manovratore. Posizione legittima naturalmente, anche se da un percorso professionale come il suo (il sito della Biennale gli dedica 6 pagine iperboliche) ci si aspetterebbe meno pragmatismo e pi utopia.
Dunque Venezia alla fine serve "a far uscire bene i film nelle sale"? Non un po' poco? Che senso ha venire al Lido se poi un giorno o due settimane dopo quei titoli sono tutti in circolazione?
Piano, vediamo di capirci. Si tratta di creare un circolo virtuoso fra le attrattive artistiche di un film, che spetta a noi riconoscere, e il suo valore di mercato, che un festival pu rivelare e che non coincide banalmente con gli elementi commerciali. Esempio: il film-sorpresa dell'anno scorso, Ferro 3 di Kim Ki-duk. Nessuno sapeva nemmeno che esistesse, poi a Venezia hanno fatto a botte per comprarlo, uscito a Natale ed andato benissimo anche al botteghino. Sarebbe successo senza la Mostra?.
Perfetto. Ma dov' il Kim Ki-duk di quest'anno? Sulla carta i film del concorso sono decisamente pi "garantiti", e una met di loro escono subito o quasi. Inoltre non c'
nemmeno un opera prima...
Ma Venezia non Locarno, chi lo ha detto che Venezia deve scoprire i nuovi registi? Se non c' una rivelazione, meglio lasciarli agli altri festival o alla Settimana della Critica, riservata agli esordi.
Scoprire talenti pi rischioso che selezionare nomi affermati. In anni recenti Venezia e Cannes vantavano gli esordienti in gara.
Mah, sarei curioso di vedere quanti di loro hanno poi fatto storia, in un modo o nell'altro. Comunque di questo si pu parlare solo a bocce ferme, se i film delle Giornate degli Autori o della Settimana della Critica si riveleranno migliori dei nostri.
Esiste anche il rischio contrario, l'autogol del grande nome. Un anno fa toccato a Placido. Anni prima a D'Alatri con I giardini dell'Eden. Il bello che sono scivoloni evitabilissimi. Se un film non al di sopra di ogni possibile riserva, spedirlo in concorso un azzardo se non una cattiveria...
Bisogna anche fare i conti con quello che pronto, se non mettevamo in gara Ovunque sei cosa ci mettevamo?.
A parte il fatto che c'erano Il resto di niente della De Lillo e Vento di terra di Marra fuori concorso, non obbligatorio avere tre italiani in gara.
S, cos tutti i giornali saltavano su a dire "vergogna! la Mostra non difende il cinema italiano!. Mai visto che Venezia non avesse tre italiani in concorso. Il nostro azionista di maggioranza, il ministro della Cultura, stato chiaro: va bene diminuire il numero totale dei film, ma ci devono essere almeno sette italiani in selezione ufficiale, cio un ottavo dell'insieme.
Prendiamone atto. Sulla carta per il gruppo italiano il pi debole in concorso. Con
tutto il rispetto, forse Avati, Cristina Comencini e Faenza non sono i cineasti pi innovativi e sorprendenti di questi anni...
Abbiamo fotografato con la massima chiarezza la produzione italiana di quest'anno. I film di Battiato e di Paravidino stanno bene dove sono, uno troppo sperimentale per la gara, l'altro ha i pregi ma anche i difetti degli esordi.
A Locarno c'era La guerra di Mario di Capuano, imperfetto ma molto interessante.
Assolutamente, ma abbiamo preferito altri lavori. Succede. Capuano poi lo seguo dai tempi di Locarno, non ho certo cattiva coscienza....
Provo a tradurre: lo volevate fuori concorso e lui ha preferito Locarno.
Proprio cos
Tornando agli scivoloni, forse l'episodio di Ovunque sei ha spinto Placido a non portare a Venezia Romanzo criminale.
Placido non era negativo, anzi.
Quindi?
La versione ufficiale del produttore, Riccardo Tozzi, che il film non era pronto, non possiamo che accettarla. Non ne abbiamo visto nemmeno dei frammenti, fra l'altro ci avrebbe fatto comodo come metro di paragone. E cos stato per Benigni. Se produttore e autore dicono di non aver ancora chi uso il montaggio definitivo devo credergli. Ovunque sei fu proposto e spinto moltissimo per il concorso dallo stesso produttore che oggi ci nega perfino la proiezione di Romanzo criminale. Perch quei film non sono a Venezia? La domanda va girata ai produttori.
Forse i produttori hanno troppa voce in capitolo... Una volta i festival erano pi autorevoli.
Niente affatto. Venti, trent'anni fa i registi andavano ai festival con le pizze del film sottobraccio, ma non c'erano figure come gli agenti di vendita mondiali e i produttori avevano meno rischi d'impresa, una volta certi che il film si sarebbe ripagato sul mercato nazionale lo mandavano in giro senza problemi.
Per finirla con gli italiani, l'anno scorso Venezia ha rilanciato in grande stile gli "Italian Kings" della serie B, che si difendevano benissimo da soli e oggi si trovano in Dvd perfino negli autogrill, ma i re della nostra serie A di una volta continuano a vedersi pochino al Lido...
Quest'anno, oltre ai Casanova, ci saranno molti classici restaurati, il Sal di Pisolini, Banditi a Orgosolo di De Seta, l'animazione di Pagot e di Gibba. Ma restaurare film e presentarli non nei nostri compiti. Ci sono enti che godono di cospicui finanziamenti, tocca a loro occuparsene, anche qui il Ministero stato chiaro. Alle retrospettive dei grandi, come Lattuada, Germi o Comencini, so che sta pensando la Cineteca Nazionale, anche perch sono autori richiestissimi all'estero.
E' a casa loro che rischiano di essere dimenticati.
Ma il rapporto della nostra cultura con i suoi classici del cinema non pu risolverlo la Biennale. Bisogna lavorarci 365 giorni su 365.
Suona un po' pilatesco. La Biennale funziona tutto l'anno.
Ripeto: non ci sono i fondi. Nel budget delle attivit permanenti della Biennale la cifra riservata ai classici zero euro. I miei desideri non si traducono in finanziamenti. E poi, dopo la retrospettiva del 2004 sono stato chiamato a non occuparmi di restauri. La retrospettiva di quest'anno, la "Storia segreta del cinema asiatico", al di l di un minimo contributo ministeriale la pagano la fondazione Prada e finanziatori asiatici. Ma grazie a quest'iniziativa della Biennale sono stati restaurati dieci capolavori asiatici che stavano marcendo in una caverna a 70 chilometri dall'antica capitale imperiale di Xian e ora, dopo Venezia, verranno distribuiti in nome video dalla Bim. Per il 2006 invece stiamo lavorando su due ipotesi. Una retrospettiva integrale del grande regista cinese King Hu. O la "Storia segreta del cinema spagnolo", sponsor d'eccezione Pedro Almodovar che in primavera avr finito il suo nuovo film e dovrebbe trovare tempo per noi.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news