LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Adesso bisogna ripensare tutta la piazza di Augusto
Giuseppe Pullara
CORRIERE DELLA SERA, 28-AGO-2005




Non sarà una vera inaugurazione, ma che il nuovo contenitore dell'Ara Pacis cominci ad essere quasi pronto è pur sempre una buona notizia. Da troppi anni infatti sono stati indicati traguardi e scadenze cui sono seguiti rinvii accompagnati sempre da miserevoli ragioni. Su questo rosario di date si è innestata la giaculatoria delle polemiche: secondo i critici estremi l'architetto americano Richard Meier, che ha fatto quasi sempre opere straordinarie — compresa la chiesa di Tor Tre Teste sulla Casilina — qui, a piazza Augusto Imperatore, starebbe per regalarci una «schifezza». Ma il Comune va oltre, e rischia di esagerare: si fa anche il sotto-lungotevere. Ma alla piazza, ridotta al degrado, qualcuno si ricorderà di pensare? Anche se è stata sempre uno dei luoghi meno frequentati ed amati dai romani, piazza Augusto Imperatore non merita lo stato in cui versa. In gran parte ridotta a parcheggio abusivo e tollerato, ospita oleosi capolinea degli autobus. Per il resto, ha la funzione di una specie di rotatoria per le macchine che vanno dal Flaminio al centro o in Prati. Quanto ai marmorei palazzoni di stile imperiale che Vittorio Ballio Morpurgo edificò a fine anni Trenta, sono stati, sempre oggetto di insofferenza tanto che gli abitanti dell'area adiacente sembrano averli subiti piuttosto che accettati. Solo in tempi recentissimi i portici sono stati animati dai tavolini di ristoranti tanto da far pensare ad un nuovo ruolo di questi edifici nel quartiere. Quando Rutelli fece abbattere la teca in vetro e cemento che proteggeva l'Ara Pacis gli uffici comunali pensarono giustamente che si doveva pur provvedere ad un rinnovamento dell'intera piazza. E infatti sono scorsi fiumi di parole sui «nuovi equilibri» da fissare. Sono passati quasi dieci anni e mentre si avvicina il sospirato giorno della restituzione del monumento augusteo alla città, la piazza continua a versare in uno stato di completo abbandono, con muretti caduti da anni nei giardini sottostanti, con inferriate divelte, con erbacce esuberanti, sporcizia e tutto il resto.
L'assessore Morassut promette «concorsi internazionali di architettura» per provvedere, ma di tempo ce n'è stato parecchio per intervenire in modo da consegnare ai romani, insieme, una nuova Ara Pacis in una piazza se non rinnovata almeno risistemata. L'amministrazione comunale ricorda la Recherche di Proust, un romanzo «à tiroirs», a cassetti: opera unica ma a compartimenti separati. Per la verità il Campidoglio ha avuto buone intenzioni: ha perfino istituito una commissione speciale per reinventare la piazza. Quando, presieduta dal prestigioso e leggermente onirico Leonardo Benevolo, ha indicato tanto per cominciare l'abbattimento totale dei palazzoni bianchi che la circondano, il Comune ha decretato la sua fine. In attesa dell'eventuale bando di concorso, della scelta dei commissari, della conclusione delle procedure urge un'operazione di «pronto intervento» che non si limiti però a ripulire la piazza dall'immondizia o a ripristinare le ringhiere dei giardinetti, il Campidoglio dispone di uffici adeguati ad agire se non altro in supplenza di un futuro Grande Progetto. Resta la dimostrazione dell'incapacità pratica, se non teorica, di agire in modo coordinato. E un po' come andare al matrimonio con la marsina, i jeans e le scarpe di gomma. Molto chic, ma solo per gli snob.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news