LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ara Pacis, inaugurazione il 23 settembre
Lilli Garrone
CORRIERE DELLA SERA - 28 AGO2005





L'opera dell'architetto Richard Meier sarà aperta, per visite guidate, il giorno del compleanno numero 2.068 dell'imperatore. Ma ci saranno ancora tre mesi di lavori Via libera al sottopasso sul lungotevere

Ara Pacis, l'inaugurazione è fissata al 23 settembre. Una data scelta non a caso: è, infatti, quella del compleanno dell'imperatore Augusto, nato il 23 settembre del 63 a.C. Si può considerare un regalo per il suo 2.068° anniversario, anche se un dono «parziale»: i lavori proseguiranno nel lato nord, dalla parte di via e passeggiata di Ripetta, per completare l'auditorium, la sala conferenze ed i luoghi espositivi e di ristoro. In questi giorni nel cantiere sono al lavoro 100 operai con turni anche notturni per permettere la prima visita del 23 settembre, «guidata» dal sindaco Walter Veltroni. L'Ara Pacis si potrà poi tornare ad ammirare con visite guidate settimanali: romani e turisti si dovranno mettere d'accordo con la sovrintendenza. Entro l'anno, comunque, l'opera sarà completata. E l'amministrazione ha deciso di dare il via libera al sottopasso sul lungotevere per ricollegare monumento e fiume: sarà un project flnancing da 40 milioni di euro.


Ara Pacis, regalo di compleanno per l'imperatore
Inaugurazione il 23, ma i lavori proseguiranno per la scalinata e il lato nord

Una data scelta non a caso: è il giorno in cui nacque Augusto. Caio Giulio Cesare Ottaviano, il primo imperatore romano, vide la luce, infatti, il 23 settembre del 63 a.C. a Roma. E quindi il fatidico giorno in cui si tornerà ad ammirare il più famoso altare dell'antichità, quell'Ara Pacis nascosta da esattamente cinque anni (i lavori per il nuovo Museo che porta la firma dell'architetto americano Richard Meier iniziarono nel settembre del 2000) Augusto avrebbe «compiuto» 2068 anni. Sarà un'inaugurazione «parziale», perché i lavori proseguiranno ancora per qualche mese nel lato nord del cantiere, verso via e passeggiata di Ripetta. Si dovrà terminare la parte che riguarda l'Auditorium, la sala conferenze e i luoghi destinati alle esposizioni e al ristoro. Anche la grande scalinata di ingresso sarà terminata in modo parziale: per il momento, infatti, al posto del marmo vi sarà una copertura forse in moquette o in materiale plastico.
A compiere la prima visita all'Ara Pacis, che fu dedicata all'Imperatore dal Senato romano nel 9 a.C dopo le vittorie in Sapgna e in Gallia, sarà il sindaco Walter Veltroni accompagnato dall'assessore all'Urbanistica Roberto Morassut e da un fitto stuolo di invitati illustri tra i quali lo stesso progettista Richard Meier, la cui presenza, però, non è ancora confermata. B dal 23 settembre in poi anche i romani e i turisti potranno tornare a visitare il monumento, sia pure con visite guidate settimanali e previo appuntamento con le sovrintendenze. Entro l'anno, comunque, il nuovo Museo sarà del tutto terminato e il cantiere - dopo anni di polemiche e di momenti con il fiato sospeso - sparirà da piazza Augusto Imperatore.
Gli operai lavorano adesso anche la notte: passando dal piazzale con il buio si vedono, al di là delle impalcature, la luce e i bagliori delle fiamme ossidriche. I turni sono stati rinforzati (nel cantiere sono in questo momento sono in attività 100 persone) e si va avanti a tappe forzatesi conclude così una vicenda che «è stata sicuramente complessa - afferma l'assessore Roberto Morassut - segnata da un lato dal dibattito culturale sull'inserimento di nuova architettura nel cuore di Roma antica, dall'altro dalle faticose procedure amministrative che in questo paese segnano la realizzazione di grandi opere. Sono orgoglioso per questa amministrazione comunale - aggiunge Morassut - e per come la questa storia si sia conclusa con il riconoscimento della regolarità amministrativa degli atti e delle congruità dei costi, grazie anche al preziosissimo e scrupoloso lavoro dell'ufficio Città storica». Tra i momenti difficili di questa vicenda c'è stata, infatti, anche un'indagine della Corte dei Conti sui maggiori oneri del costo del Museo, durata due anni, che si è conclusa con la piena assoluzione per l’amministrazione capitolina. E il responsabile dell'ufficio Città storica, l'architetto Gennaro Farina ricorda come il nuovo complesso sarà «importante anche per gli eventi che verranno realizzati intorno all'opera, collocata in una posizione strategica nella città. Nel nuovo complesso museale -aggiunge - vi saranno mostre, dibattiti ed un laboratorio di restauro». Soddisfazione infine per il presidente dell'impresa Calosi del Mastio, nonché amministratore delegato della «Maire engennering», Fabrizio Di Amato: «Questo è il primo appuntamento, il primo step importante - afferma - È il compimento di un grande sforzo».



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news