LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Foro di Traiano con lo sponsor tornano gli scavi
Alessandra Paolini
30 novembre 2018 la Repubblica


È stato il pallino di Francesco Rutelli che da sindaco fece cominciare i primi scavi. E anche il chiodo fisso, anni dopo, di un altro primo cittadino: Ignazio Marino che per quella causa e per tante altre, andò a caccia di mecenati bussando a quattrini in giro per il mondo.

Dopo anni di attesa e intoppi, il sogno di "ricucire" il Foro di Traiano, riprende il via.

I lavori, diretti dalla sovraintendenza capitolina ai Beni culturali, dovrebbero infatti ricominciare nella prima metà di dicembre. Sei mesi, o giù di lì, il tempo necessario per vederne la conclusione. La sovraintendenza spiega che verrà rimosso il tratto iniziale della via Alessandrina, per una lunghezza di 30 metri circa, allo scopo di unificare i due settori del Foro di Traiano rimasti separati dalla strada dopo gli scavi del 1998-2000.

A finanziare il cantiere, con un milione di euro, ci ha pensato il ministero della Cultura e del turismo dell'Azerbaijan. L'opera di mecenatismo risale al 2014 quando a palazzo Senatorio c'era Marino. L'allora sindaco, che tra i suoi primi provvedimenti bloccò il passaggio delle auto in via dei Fori imperiali, firmò una convenzione con il presidente azero Ilham Aliyev . Foto, strette di mano all'avvio dei lavori. Ma ci furono numerosi intoppi. Dal sottosuolo ecco sbucare dei cavi per l'illuminazione pubblica. La cosa provoca un primo fermo nel novembre del 2016 e un altro blocco a marzo 2017 quando vengono trovati altri cavi. Il che ha significato dover seguire il lunghissimo iter burocratico: perizia di variante al progetto e gara per la rimozione dei fili. Ma tutto da ieri ha nuovamente preso il via.

Una volta finita l'operazione, riprenderà anche l'attività di scavo vero e proprio, probabilmente dalla metà di dicembre.

Sempre ai Fori, un altro mecenate che viene dal freddo, potrebbe dare il via a un'altra importante operazione: quella di far risorgere la Basilica Ulpia, grazie all'anastilosi, ovvero la tecnica di innalzamento e ricostruzione delle colonne che costituivano la cosiddetta basilica. A donare un milione e mezzo di euro per questo intervento è Alisher Usmanov, imprenditore russo, nato in Uzbekistan tra i primi quaranta uomini più ricchi al mondo. A intercettarlo, anche in questo caso, fu Marino. Ed è il caso di ricordare come sempre a Usmanov si deve il restauro della sala degli Orazi e dei Curiazi e la fontana dei Dioscuri davanti al Quirinale. "Dopo la mia elezione in Campidoglio - si legge nel blog di Marino quando vidi le condizioni in cui versava la sala degli Orazi e Curiazi, dove il 25 marzo 1957 vennero firmati i trattati che istituirono la Comunità economica europea, pensai che mancava poco al sessantesimo anniversario e non avevamo le risorse per restaurarla. E così, come in altri casi, mi misi alla ricerca di un mecenate che potesse aiutare Roma".

Anche il Campidoglio pentastellato è in cerca di cuori generosi. Per questo ha approvato in giunta il nuovo regolamento sulle sponsorizzazioni. Non è ancora operativo però, manca l'ok dell'assemblea Capitolina.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news