LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma, arsenico, tallio e piombo: chiuso per inquinamento il Parco archeologico di Centocelle
di LORENZO D'ALBERGO
22 novembre 2018 LA REPUBBLICA



Rifiuti di ogni tipo abbandonati nel parco archeologico di Centocelle. E nel sottosuolo trovati metalli tossici

L'ordinanza firmata dalla sindaca Raggi per il Canalone e i dintorni. Nel suolo contaminato sono stati interrati, fino a otto metri, ogni tipo di veleni. I residenti della zona: "E' la nostra Terra dei fuochi"


I residenti l'hanno ribattezzata "Terra dei fuochi " ormai da anni, hanno chiesto l'intervento dell'esercito e ottenuto l'apertura di un tavolo in prefettura per contrastare il fenomeno tossico. Ora è arrivata la conferma del Campidoglio: il problema non può più essere trascurato. Non nel parco archeologico di Centocelle, da ieri parzialmente chiuso al pubblico per questioni sanitarie: il terreno è contaminato, carico di metalli e serve con urgenza una bonifica.

Così si legge nell'ordinanza firmata dalla sindaca Virginia Raggi. Un atto che mette in fila i passaggi di una storia partita nel gennaio 2017, quando nell'area arrivarono prima i vigili del fuoco e poi i dipendenti del dipartimento Ambiente del Comune. Dal sottosuolo, dai cunicoli che corrono nell'area del cosiddetto "canalone", arrivava un gran fumo nero. Diossina pura derivante da un enorme cumulo di rifiuti di ogni tipo dato alle fiamme nelle cosiddette "fungaie " , in barba a ogni regola e ai polmoni degli abitanti del quadrante est della capitale. Ma non è finita qui: dopo aver spento l'incendio, i pompieri hanno scavato e scavato. Giù, in profondità per 8 metri trovando spazzatura e materiali di risulta interratti da chissà quanti mesi. Forse anni.
A quel punto sono partiti i controlli dell'Arpa e del Centro documentazione conflitti ambientali sul suolo del parco. Il monitoraggio - purtroppo - ha rivelato ciò che in tanti già credevano: i giardini di Centocelle, dall'entrata nord a quella più vicino alla zona militare, sono contaminati. Antimonio, berillio, piombo, rame, selenio, stagno, tallio, vanadio zinco, arsenico: i campioni di terra analizzati li contengono tutti e in quantità massicce, di sicuro superiori ai limiti previsti per le aree verdi a uso pubblico.
PUBBLICITÀ
inRead invented by Teads
Ora c'è l'intervento della prima cittadina grillina: il parco, 120 ettari peraltro stretti nella morsa degli autorottamatori di viale Palmiro Togliatti, va chiuso. Sia la porzione del "canalone" che quelle attorno a cui sono stati raccolti i frammenti poi studiati in laboratorio. Addio al polmone verde, ora non resta che sperare nella bonifica.
Un'operazione che sarebbe stata sicuramente più probabile se il ministero della Difesa avesse confermato l'intenzione di portare a ridosso dell'area il nuovo pentagono italiano. Promesso dall'ex ministra Roberta Pinotti, il progetto è stato tagliato dalla nuova titolare del dicastero, Elisabetta Trenta, con un annuncio durante la kermesse Italia a Cinque Stelle: " Si tratta di un faraonico progetto di cementificazione che sarebbe costato, da qui ai prossimi anni, un miliardo e cento milioni di euro. Ecco, sono lieta di annunciarvi che, in una prospettiva di reale razionalizzazione delle spese, quei soldi non saranno mai spesi. In una parola: tagliato". A Centocelle non resta che incrociare le dita: dopo il monitoraggio bisogna intervenire.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news