LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Il Basquiat rubato sarebbe falso Ipotesi truffa alle assicurazioni
Erica De Blasi
Repubblica-Torino, 23/11/2018

La tela di cui lex skipper torinese Sergio Rossi denunciò la sparizione è valutata 25 milioni: ora allesame dei carabinieri

Colpo di scena sul caso del celebre dipinto " LAngelo ribelle" di Basquiat. Il quadro, stando a indiscrezioni trapelate negli ultimi giorni, sarebbe un falso. Si palesa quindi lombra di una truffa internazionale e milionaria, la cui vittima potrebbe essere la compagnia di assicurazioni. Se fosse stato autentico, il suo valore sarebbe oscillato tra i 20 e 25 milioni di euro. La tela, recuperata dalla pg di Torino, è stata trasferita al Nucleo tutela patrimonio culturale guidato dal tenente colonnello Silvio Mele dove è stata nuovamente esaminata. Un primo parere, che dava il quadro per autentico, era firmato da un perito del tribunale di Roma. Resta ora da capire se il quadro fosse fasullo già allinizio, ipotesi al momento più probabile, o se sia stato sostituito successivamente. Intanto lopera è stata ritrovata a casa di un amico del proprietario. Ci sono voluti due anni perché saltasse fuori. Le indagini, coordinate dal pm Giuseppe Riccaboni, stanno facendo luce un passo alla volta. Era stato il proprietario del quadro, Sergio Rossi, 67 anni, ex skipper di fama internazionale, a denunciare la sparizione dellAngelo ribelle. La tela, avva raccontato, gli era stata donata da unamica per riconoscenza, ma lui, ignorandone il valore, laveva abbandonata per anni in cantina. Solo in seguito si era accorto di avere un tesoro. E dopo averlo fatto periziare nella capitale, sognava di venderlo, anche per una cifra molto più bassa del suo reale valore. Ma ecco che un amico gli avrebbe presentato dei mediatori. Da lì sarebbe iniziato un viaggio per lEuropa fino allincontro con un gallerista che gli aveva promesso una perizia nientemeno che dalla sorella di Basquiat, in Usa, e un compratore disposto a pagare almeno venti milioni. Offerta accettata: peccato che il quadro sia poi sparito, con le ultime tracce che portavano negli States. Una storia romanzesca che ricorda molto il film "La miglior offerta". Sembra che negli ultimi tempi Rossi non se la passasse molto bene dal punto di vista economico. Gli inquirenti vogliono capire se il dipinto fosse assicurato, e per quanto denaro. Un lavoro certosino che potrebbe mettere nei guai, nellipotesi del falso sin dallinizio, anche chi ha redatto la perizia.
Noto come il Picasso Nero, Jean-Michel Basquiat, graffitista Usa morto a 27 anni nel 1988, era amico di Andy Warhol con cui ha anche lavorato. I suoi quadri, quelli veri, raggiungono quotazioni record: nel 2017 " Untitled" venne battuto alle aste di primavera di Sothebys a New York per 110,5 milioni di dollari, diventando così , un un colpo solo, lopera più pagata per un artista americano davanti ad Andy Warhol, il lavoro più costoso di un artista afro-americano e il più caro creato dopo il 1980.



news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news